Skip to main content

Videogiochi su Netflix, ci siamo quasi!

Netflix e popcorn
(Image credit: Shutterstock.com)

Netflix potrebbe espandere la propria offerta, andando oltre i film e le serie TV. Infatti dall'anno prossimo potrebbe includere nel proprio catalogo anche i videogiochi. Di recente, l'azienda ha assunto un ex dirigente EA e Facebook a cui affidare lo svolgimento di questo programma, secondo una notizia divulgata da Bloomberg

Netflix offrirà i giochi in una categoria di contenuti a parte, un po' come avvenuto con i documentari. Non è chiaro se l'azienda offrirà giochi già esistenti o se ne svilupperà di nuovi, ma come indicato da Bloomberg, sul sito Netflix sono apparse delle offerte di lavoro relative allo sviluppo di giochi, come questa, in cui si cerca un Product Innovation Director per la creazione di contenuti interattivi come Black Mirror: Bandersnatch.

Il dirigente a cui verrà affidata questa operazione ha una vasta esperienza nel gaming, secondo le notizie che circolano. Mike Verdu assumerà il ruolo di vicepresidente di Netflix per lo sviluppo dei giochi; in precedenza ha svolto un ruolo simile in Facebook, per l'inserimento di contenuti nelle piattaforme Oculus, inoltre ha lavorato in EA per i titoli mobili con brand del calibro di The Sims, Plants vs. Zombies e Star Wars. Infine, è stato Chief Creative Officer per Zynga, nel momento di massima popolarità di FarmVille su Facebook.

In altri termini, Netflix si affiderà a un dirigente esperto di piattaforme di gioco non tradizionali, pertanto siamo molto curiosi di vedere quali contenuti verranno realizzati dall'azienda, che inizierà a definire il proprio team dedicato al gaming nei prossimi mesi, secondo una fonte di Bloomberg. 

Netflix e gaming? Potrebbero esserci dei problemi

Sembra dunque che Netflix stia guardando al gaming come una nuova fonte di contenuti per ampliare il proprio catalogo e distinguersi dalla concorrenza, offrendo prodotti che i rivali come Amazon Prime Video non hanno (anche se nel caso di Amazon, esiste Twitch Prime/Amazon Gaming che ogni mese offre agli abbonati giochi PC gratuiti). Apple, invece, è già attiva su questo fronte con Apple Arcade, sebbene si tratti di un servizio a parte rispetto a Apple TV Plus.

Sebbene sia improbabile che Netflix conquisti nuovi abbonati con i videogiochi, l'azienda potrebbe usare questa giustificazione per aumentare i prezzi.

L'altro dubbio è la reazione di Apple e Google rispetto all'aggiunta di videogiochi al servizio in abbonamento da parte di Netflix, considerate le limitazioni imposte dalle due aziende alle app iOS e Android nell'ambito dei servizi di streaming di videogame. Infatti, sia xCloud di Xbox Game Pass Ultimate che Amazon Luna sono utilizzabili su smartphone solo tramite browser

Ma considerate le poche informazioni sull'effettivo contenuto dei giochi di Netflix, non sappiamo bene cosa accadrà da questo punto di vista.

  • Le migliori VPN del 2021
David Lumb

David J Lumb is Mobile Editor, US for TechRadar, covering phones, tablets, and wearables. He still thinks the iPhone 4 is the best-looking smartphone ever made.