Skip to main content

Lisa Su di AMD è il CEO più pagato al mondo

Lisa Su Award
(Image credit: AMD)

Lisa Su, amministratore delegato di Advanced Micro Devices (AMD), è la prima donna a piazzarsi in cima alla speciale classifica stilata annualmente da Associated Press (AP), la prima agenzia di stampa internazionale, fondata nel 1846 a New York. 

Lo studio, stilato dalla AP, ha riguardato 329 dirigenti delle società S&P 500 (indice della borsa statunitense) che sono stati in carica per almeno due anni fiscali consecutivi nelle rispettive società. Ciò ha portato all’esclusione del CEO di Intel Bob Swan e di quello di Nvidia Jensen Huang, i due principali concorrenti di AMD nei mercati delle CPU e delle GPU

Secondo lo studio, nel 2019, Lisa Su ha totalizzato un compenso di 58,5 milioni di dollari, precedendo David Zaslav di Discovery, che ha fatto registrare uno stipendio di $45,8 milioni di dollari, leggermente superiore a quello di Robert Iger di Walt Disney che, con i suoi 45,6 milioni, deve “accontentarsi” del gradino più basso del podio. 

Inoltre, lo stipendio percepito da Lisa Su è aumentato del 338% rispetto all’anno precedente e, nonostante il salario base sia “soltanto” di un milione di dollari, le entrate più sostanziose sono rappresentate da vari tipi di bonus, come retribuzioni differite e premi azionari. 

Tuttavia, i premi e le onorificenze personali non sarebbero possibili senza il successo dell’azienda di cui si fa parte: basti pensare che il titolo AMD è lievitato da $2,80 del 2014, anno in cui Lisa Su ha assunto il ruolo di CEO, a $52,74 odierni. La gestione Su ha condotto AMD al prezzo azionario record di $58,90 del febbraio 2020, superando la precedente quota massima di $47,50 fatta registrare nel 2000. 

Potere alle donne 

In una speciale classifica tutta al femminile, al secondo posto (alle spalle di Lisa Su) troviamo Marillyn A. Hewson, CEO di Lockheed Martin, con uno stipendio di 24,4 milioni di dollari, mentre al terzo si posiziona Mary T. Barra, CEO di General Motors, con 21,3 milioni di dollari. 

Dando uno sguardo alla classifica dei CEO più pagati, tra quelli a capo delle aziende nell'indice S&P 500, notiamo che il numero delle donne presenti è di gran lunga inferiore rispetto a quello dei colleghi di sesso maschile. Infatti, su un totale di 329 dirigenti, soltanto venti sono donne, denotando come gli uomini riescano a giungere al potere con meno difficoltà. 

Tuttavia, il trend è in rapido cambiamento, come sostengono le parole di Lorraine Hariton, presidente e CEO di Catalyst Inc., un'organizzazione no profit con l’obiettivo di costruire luoghi di lavoro adatti alle donne: “Le donne stanno compiendo progressi notevoli nel raggiungere posizioni di leadership nelle aziende più importanti, che devono adeguarsi al cambiamento per restare competitive e soddisfare le esigenze dei consumatori".

Lisa Su: alcuni premi e riconoscimenti 

Non si può certo dire che la carriera dell’attuale amministratore delegato di AMD, Lisa Su, non sia stata costellata da un ampio ventaglio di premi e riconoscimenti. Tra quelli più recenti, citiamo l’inserimento nella classifica “America's Top 50 Women In Tech” stilata dalla nota rivista statunitense di economia Forbes (2018) e nella lista “The World’s Best CEO of 2019” del settimanale americano Barron’s (2019). 

Dopotutto, stiamo parlando di una donna che ha rimesso in piedi un’azienda come AMD che sembrava destinata al fallimento. La dottoressa Lisa Su è laureata in ingegneria elettrica al Massachusetts Institute of Technology e, nel 2002, è stata inserita dalla rivista MIT Technology Review nella classifica dei "Top 100 Young Innovators" dopo che, negli anni di dottorato, è stata una delle prime ricercatrici a esaminare la tecnologia del silicio su isolante (SOI).

Inoltre, nel 2015 Lisa Su è stata nominata “Visionary of the Year” dal quotidiano San Francisco Chronicle, per essere uno dei “leader che si impegnano per rendere il mondo un posto migliore e guidare il cambiamento sociale ed economico impiegando modelli e pratiche di business innovativi". Nel 2016, il National Diversity Council ha inserito il CEO di AMD nella lista delle "50 Most Powerful Women in Technology", un riconoscimento bissato nell’anno successivo. 

La bacheca dei riconoscimenti di casa Su potrebbe ampliarsi ulteriormente in quanto AMD è pronta a presentare i processori Zen 3 e le schede video RDNA 2 di prossima generazione entro la fine del 2020. 

Fonte: Tom's Hardware