iPhone 11, data di uscita, prezzo, notizie e rumors

Nuovo iPhone 11
iPhone XS sotto l'acqua. Image Credit: TechRadar

Mancano ancora mesi alla presentazione di iPhone 11, attesa per settembre 2019. Ma le indiscrezioni indicano con insistenza novità consistenti da parte di Apple per quanto riguarda la fotocamera. 

Non ci aspettiamo un grande rinnovamento nel design generale, e crediamo che questo smartphone con iOS 13 sarà un altro aggiornamento incrementale, come lo è stato l'iPhone XS rispetto all'iPhone X.  

Che cosa cambierà? Le indiscrezioni più credibili parlano di una tripla fotocamera posteriore, che certamente porterebbe a una maggiore qualità fotografica. 

La terza ottica potrebbe anche aiutare Apple a migliorare la Realtà Aumentata, che è uno degli obiettivi enfatizzati più volte dall'Amministratore Delegato Tim Cook. Un sensore time-of-flight servirebbe allo scopo. 

L'iPhone 11 potrebbe vedere un miglioramento anche per quanto riguarda l'autonomia e guadagnare la ricarica wireless inversa, che abbiamo già visto sui top di gamma Samsung e Huawei. La versione di Apple però potrebbe funzionare solo con iPhone, Apple Watch o Apple AirPods. 

Aggiornamento: pare che l'iPhone 11R avrà una batteria da 3.110 mAh. Inoltre la beta di iOS 13 suggerisce che l'iPhone 11 avrà una porta USB-C invece di quella Lightning.

Abbiamo i soliti sospetti, quando si parla di iPhone: un miglioramento hardware per le massime prestazioni, e renderlo ancora più veloce del modello precedente, e nuove varianti cromatiche per soddisfare il gusto estetico. 

Il che sarebbe utile visto che Apple sta vendendo meno iPhone che in passato. Il prossimo modello, quindi, dovrà lasciare tutti a bocca aperta, oppure avere un prezzo più basso. 

Dritti al punto

  • Che cos’è? L’iPhone 11 sarà il prossimo smartphone Apple
  • Quando esce? La presentazione sarà probabilmente a metà settembre 2019
  • Quanto costerà? Probabilmente non più dell’iPhone XS del 2018 

Avendo osservato gli eventi Apple precedenti, possiamo prevedere che iPhone 11 sarà presentato martedì 10 settembre 2019. 

Con tre iPhone presentati nel 2018 - l’iPhone XS, il più grande iPhone XS Max e il meno costoso iPhone XR – ci aspettiamo che Apple mantenga lo stesso approccio, con l’iPhone 11 presentato insieme all’iPhone 11 Max e all’iPhone 11R (nomi non confermati). 

Questa notizia sembra ulteriormente confermata dal fatto che sono emersi ben undici codici relativi ad iPhone su database della Eurasian Economic Commission. Questo non significa che verranno presentati undici nuovi iPhonevisto che ciascuno ha diversi modelli a seconda della regione in cui verrà commercializzato, ma sono più che sufficienti per prevederne almeno tre.

Quali nuovi funzioni dovrebbe avere l’iPhone 11? Ci sarà ancora il notch? Proviamo a fare qualche ipotesi sul prossimo smartphone targato Apple. 

New iPhone 11

 Il nuovo iPhone 11 potrebbe somigliare all’iPhone XS  

iPhone 11, nuovo design 

Abbiamo visto diversi rendering di iPhone 11 (sotto), mesi in anticipo rispetto alla presentazione, e tutti i designer concentrano la propria attenzione sulla parte posteriore. Secondo un'altra fonte, la parte frontale è praticamente identica.

Le immagini mostrano una tripla fotocamera in un blocco centrale, a una back cover che sembra fatta di vetro, come ci aspetteremmo, mentre frontalmente c’è ancora il notch dell’iPhone XS. È un design che abbiamo visto almeno due volte, e che potrebbe essere affidabile.  

Immagine 1 di 2

Immagine: OnLeaks / CompareRaja

Immagine: OnLeaks / CompareRaja
(Image credit: OnLeaks and CompareRaja)
Immagine 2 di 2

Immagine: CompareRaja

Immagine: CompareRaja

Non è tuttavia l’unico design in circolazione. Ce n’è un altro che mostra la tripla fotocamera in alto a sinistra. Sarebbe più coerente con quanto fatto da Apple finora. 

Queste immagini mostrano anche una probabile back cover in vetro, e i pulsanti disposti come sull’iPhone XS. Molte fonti hanno confermato che sono corrette. 

iPhone 11 leak

iPhone 11, custodie ipotetiche (immagine: SlashLeaks) 

Ci sono state poi indiscrezioni sulle custodie (sopra) che mostrano il possibile aspetto della tripla fotocamera posteriore. Il noto analista specializzato in Apple Ming-Chi Kuo è intervenuto per dire che una di queste lenti potrebbe essere quasi invisibile, e ha aggiunto che la fotocamera frontale passerà da 7 a 12MP. 

Una delle fonti delle immagini precedenti sostiene anche che ci siano tre modelli di iPhone 11 in sviluppo, eredi di iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR. Sembra molto probabile dunque che vedremo tre nuovi iPhone anche quest’anno.  

Immagine 1 di 2

Immagine: @OnLeaks / DigitIndia

Immagine: @OnLeaks / DigitIndia
Immagine 2 di 2

Credit: @OnLeaks / DigitIndia

Credit: @OnLeaks / DigitIndia

A proposito di iPhone XR 2, un report suggerisce che avrà due nuovi colori, lavanda e verde, oltre a quelli attuali. Probabilmente significa che spariranno le varianti coral e blu. 

Il Tweet sottostante mostra le prove apparenti di queste due nuove varianti cromatiche, e include anche lo stampo dello chassis di tre smartphone. Anche questi hanno le fotocamere insierite in un blocco quadrato, come abbiamo visto nei render delle custodie.

L’ipotesi di design di iPhone 11 più esaustiva arriva comunque da CashKaro e OnLeaks, che hanno prodotto video con render 3D di quello che secondo loro sarà l’aspetto del nuovo iPhone. 

Frontalmente somiglia all’iPhone XS, ma potrebbe avere un pulsante di muting più piccolo e rotondo come sull’iPad, lateralmente. Dietro è molto differente, con la tripla fotocamera che sporge parecchio. 

I dettagli riportati insieme al video raccontano di un iPhone 11 con schermo da 5,8 pollici e misure pari a 143.9 x 71.4 x 7.8mm, che diventano 9 mm in corrispondenza della fotocamera.

Secondo altre voci il retro potrebbe essere in vetro satinato. Non è chiaro dalle immagini se sia così, ma le indiscrezioni lo confermano.

iPhone 11 schermo 

Abbiamo sentito che l’iPhone XI avrà uno schermo da 5,8” come l’iPhone XS, ma con cornici più piccole, che non sarà compatibile con le reti 5G, che avrà una batteria sorprendentemente grande, da ben 4.000 mAh, e che avrà una porta USB-C. Le stesse fonti suggeriscono che sarà disponibile in space grey, silver e blu. 

Le dimensioni del telefono sono una questione molto discussa: alcuni affermano che resteranno le stesse, mentre altri suggeriscono che l’iPhone 11 sarà più grande. Ci sono molte voci contrastanti a questo riguardo, quindi non ce la sentiamo di fare ipotesi in un senso o nell’altro. 

iPhone 11 fotocamera 

La maggior parte delle indiscrezioni suggeriscono che iPhone 11 avrà una tripla fotocamera posteriore. 

Abbiamo visto schemi progettuali che sembrano indicare che il prossimo iPhone avrà una fotocamera coerente con quanto abbiamo scritto del paragrafo “Design”. 

Inoltre c’è la fotografia di una porzione di chassis che dovrebbe essere quello di iPhone 11, come potete vedere sotto; corrisponde agli schemi, e sono visibili i fori ricavati per la tripla fotocamera in alto a sinistra.  

Immagine: Weibo

Immagine: Weibo

Abbiamo però sentito anche altre fonti secondo cui solo il modello top di gamma, tra gli iPhone 2019 (per ora lo chiamiamo iPhone 11) avrà tre fotocamere posteriori. Quindi è possibile che la variante standard e quella “lite” non ce l’avranno. 

La stessa fonte afferma che gli altri due modelli avranno una doppia fotocamera posteriore, e che l’erede di iPhone XR avrà ancora uno schermo LCD. 

Sono molte le fonti che sostengono questa idea, in effetti. L’iPhone 11 Max potrebbe essere quello con tre fotocamere posteriori, mentre i due modelli più piccoli “forse le avranno in futuro, come suggerisce Bloomberg - quindi non i modelli 2019. 

Altre fonti tuttavia sostengono che i due modelli principali avranno una tripla ottica, con un grandangolo da 12MP oltre al sensore principale e a al teleobiettivo, che già troviamo sugli iPhone XS. 

Questa fonte aggiunge anche che la terza ottica non avrà stabilizzazione ottica, presente sulle altre due; dice anche che il flash sarà più potente, e che la fotocamera sporgerà di meno. Dicono anche che l'elaborazione software delle immagini sarà migliorata. 

Secondo un'altra fonte, la fotocamera frontale dell'iPhone 11 sarà portata a 11MP (oggi è 7MP), mentre quella posteriore avrà sensori da 14MP e 10MP, oltre a un terzo sensore di cui al momento non si sa nulla. 

Sembra che ci fosse l’idea di mettere sull’iPhone 11 anche una videocamera 3D con laser, ma questo dettaglio sarebbe stato rinviato all’iPhone 12 (o come Apple chiamerà l’iPhone del 2020). I piani attuali lasciano intendere che Apple punterà tutto sulla Realtà Aumentata (AR). 

Oltre ad avere una fotocamera frontale migliore, l’iPhone 11 dovrebbe anche avere un notch più piccolo, grazie a una nuova soluzione tecnologica creata da uno dei suoi fornitori, che permette di posizionare alcuni dei sensori direttamente sotto lo schermo. 

Non sappiamo con certezza se Apple userà questa tecnologia, ma ci sembra probabile che l’azienda sia alla ricerca di sistemi per rendere il notch più piccolo e meno invasivo. Almeno una fonte, però, sostiene che il notch resterà com'è adesso.

Per chi fosse interessato all’iPhone XR2, ci sono possibili buone notizie: pare che Apple passerà dalla singola fotocamera dell’iPhone XR a una soluzione con doppia ottica.  

Potrebbe essere la stessa doppia fotocamera che oggi troviamo su iPhone XS e iPhone XS Max, il che significherebbe un ottima qualità fotografica.

 iPhone 11, nuove caratteristiche 

Secondo almeno una fonte, su iPhone 11 vedremo un miglioramento di Face ID, che potrà funzionare anche da angolature oggi impossibili. 

Abbiamo sentito molte voci suggerire che non ci sarà una porta USB-C, quindi non contate sulla scomparsa del connettore Lightning.  Inoltre una recente analisi del codice di iOS 13 sembra confermare questa possibilità. 

Una nuova funzione che potrebbe arrivare è la ricarica wireless bidirezionale, che permetterebbe di usare l’iPhone 11 come base di ricarica wireless per altri dispositivi. È una cosa che abbiamo sentito da più di una fonte, e che ci sembra ormai piuttosto probabile. 

Per sfruttare al meglio tale funzione sarà necessaria una batteria più grande, e il noto (e affidabile) analista Ming-Chi Kuo suggerisce proprio che iPhone 11 potrebbe avere una batteria più grande del 20-25% rispetto a quella da 2.658 mAh che troviamo sull’iPhone XS. 

L’iPhone 11 Max potrebbe avere una batteria più grande del 10-15% rispetto ai 3.174 mAh dell’iPhone XS Max, e l’erede di iPhone XR vedere una crescita del 5% rispetto ai 2.942 mAh dell’attuale iPhone XR. Tutto questo dovrebbe essere possibile senza rendere gli smartphone più spessi, grazie anche a una laminatura dello schermo più sottile. 

La stessa fonte che parla della ricarica wireless inversa aggiunge che potremmo vedere una cover posteriore in vetro smerigliato e connettività a banda ultra larga, utile per un migliore posizionamento indoor. Sarebbe utile per la navigazione in luoghi chiusi e per le applicazioni AR. 

I nuovi iPhone potrebbero anche essere più facili da usare sotto la pioggia. C’è infatti un nuovo report secondo cui Apple starebbe sperimentando una soluzione che permette di usare lo schermo anche sott’acqua.  

Potremo buttarci l’iPhone 11? Immagine: TechRadar 

Potremo buttarci l’iPhone 11? Immagine: TechRadar 

Un brevetto, inoltre, suggerisce che la fotocamera dei futuri iPhone sarà in grado di capire quando si trova sott'acqua, regolando le impostazioni di conseguenza, per ottenere foto migliori anche in tale situazione. 

Altre notizie parlano dell’inclusione di un sensore 3D di nuova generazione prodotto da Sony, per i nuovi iPhone 2019. Renderebbe possibile un più veloce sblocco tramite riconoscimento facciale, una migliore Modalità Ritratto e potenzialmente alcune interessanti funzioni di modellazione 3D e applicazioni AR. Di recente abbiamo potuto vedere qualche esempio di ciò che possono fare le fotocamere Sony

Abbiamo anche visto un brevetto che suggerisce la presenza su iPhone 11 di uno scanner ipodermico, da usare per lo sblocco. La fotocamera frontale farebbe una scansione dei vasi sanguigni del volto, tramite gli infrarossi, per accertarsi di avere di fronte il legittimo proprietario dell’iPhone. 

Un altro brevetto invece rimanda a un possibile ritorno di Touch ID, ma in una nuova veste. Si parla infatti di un sistema che possa riconoscere l’impronta usando l’intera superficie dello schermo. 

Si tratterebbe dunque di uno scanner per impronte sotto lo schermo, il più grande mai visto. Non siamo convinti che Apple sia pronta a usare questa tecnologia però; ci sono molte cose bellissime nei brevetti, ma spesso non ne nasce nulla. 

C’è qualcosa di ancora più strano. Un brevetto Apple descrive un sistema con un sensore che analizza gli elementi chimici nell’aria per “annusare” - gli odori del corpo. Potremmo vederlo su iPhone 11, su Apple Watch 5, o forse su dispositivi successivi. 

Un altro leak relativo a iPhone 11 suggerisce che il nuovo smartphone potrebbe essere compatibile con la Apple Pencil, che al momento funziona solo con gli iPad. 

Apple, storicamente, ha sempre annunciato i nuovi iPhone insieme a un nuovo processore. Con iPhone 11 quindi dovrebbe arrivare anche il nuovo SoC Apple A13. Secondo un analista il chip è già in produzione

Il nuovo iPhone 2019, secondo quanto abbiamo sentito, sarà compatibile con lo standard Wi-Fi 6, ma per le reti 5G bisognerà aspettare il 2020.  

iPhone 11 data di uscita 

  • iPhone 11, presentazione: 10 settembre 2019 (Previsione TechRadar) 
  • iPhone 11, prenotabile: 13 settembre 2019 (Previsione TechRadar) 
  • iPhone 11, in vendita: 20 september 2019 (Previsione TechRadar) 
Presentazioni di iPhone

Mercoledì 12 settembre 2018: iPhone XS/XS Max/XR
Martedì 12 settembre 2017::iPhone X/8/8 Plus
Mercoledì 7 settembre 2016: iPhone 7/7 Plus
Mercoledì 9 settembre 2015: iPhone 6S/6S Plus
Martedì 9 settembre 2014: iPhone 6/6 Plus
Martedì 10 settembre 2013: iPhone 5S/5C
Mercoledì 12 settembre 2012: iPhone 5
Martedì 4 ottobre 2011: iPhone 4S
Lunedì 7 giugno 2010: iPhone 4
Lunedì 8 giugno 2009: iPhone 3GS
Lunedì 9 giugno 2008: iPhone 3G
Martedì 9 gennaio 2007: iPhone

La data di presentazione di iPhone 11 potrebbe essere un po’ più tardi rispetto agli scorsi anni, visto che la principale fiera hi-tech europea, IFA 2019, si terrà dal 6 all’11 settembre di quest’anno. Apple potrebbe decidere di ritardare la presentazione del nuovo iPhone alla settimana successiva. 

Non è detto, comunque, visto che in passato Apple non ha avuto alcun problema a sovrapporre la presentazione degli iPhone con la fiera tedesca (2014, 2015 e 2016). La prima data probabile ci sembra quindi il 9 settembre 2019.

Storicamente, Apple non ha quasi mai scelto i lunedì, mentre i giorni più comuni sono il martedì e il mercoledì. Mercoledì però è 11 settembre, una data di lutto per gli Stati Uniti, quindi Apple probabilmente presenterà iPhone 11 il giorno martedì 10 settembre 2019

Se invece Apple dovesse decidere di rimandare di una settimana, allora la data potrebbe essere il 17 o il 18 settembre 2019. 

È dal 2011 che Apple non si spinge tanto in là con la data di presentazione, da quando cioè fu presentato l’iPhone 4S, il 4 ottobre del 2011 appunto. Crediamo fermamente che l’azienda di Cupertino sceglierà il mese di settembre per il nuovo iPhone 2019. 

Quanto alla data in cui sarà possibile prenotare l’iPhone 11, Apple tende ad aprire le prenotazioni il venerdì dopo la presentazione. Secondo i nostri calcoli quindi le prenotazioni per iPhone 11 apriranno il 13 settembre 2019. 

Infine, la data in cui iPhone 11 sarà effettivamente in vendita, cioè la data di uscita ufficiale di iPhone 11. 

Infine, la data di disponibilità di iPhone 11. Il giorno in cui potremo effettivamente comprare il nuovo dispositivo potrebbe essere solo una settimana dopo l’apertura delle prenotazioni, quindi il 20 settembre se la nostra analisi è corretta. 

Le date, comunque, potrebbero facilmente cambiare, e non saremmo sorpresi se Apple decidesse di seguire la tradizione più recente e presentare iPhone 11 il 10 settembre. 

iPhone 11, prezzo 

  • Il prezzo di iPhone 11 sarà probabilmente a partire da 919 euro
  • Ci potrebbe essere una nuova strategia di prezzo  

Anche senza informazioni ufficiali, sappiamo molto riguardo al prezzo di iPhone 11. Il prezzo di iPhone XS parte da 919 euro, e ci sembra probabile che i prezzi resteranno gli stessi per iPhone 11. 

Le recenti notizie indicano che le vendite di iPhone sono in calo rispetto alle aspettative, e c’è quindi almeno una possibilità che il prezzo di iPhone 11 sarà un pochino più basso - ma ci sembra più probabile la mossa di Apple sia quella di mantenere un prezzo stabile. 

Potrebbe essere una buona notizia per l’erede dell’apprezzato iPhone XR, il cui difetto maggiore è appunto l’avere un prezzo comunque troppo alto pur trattandosi di un iPhone “economico”. Se Apple potesse abbassare la soglia con l’iPhone 11R, sarebbe di grande aiuto per il successo di iPhone 11. 

Nuovo iPhone, iPhone 11 o iPhone XI? 

Che nome sceglierà Apple per il nuovo iPhone 11? È una domanda complessa, con diverse variabili da prendere in considerazione. 

Sembra che Apple abbia scelto una direzione precisa, quando ha chiamato gli ultimi modelli XS, XS Max e XR. Dove potrà portare questa strategia? 

Sceglierà di continuare con i numeri romani oppure di tornare a quelli arabi? Oppure eliminerà del tutto la numerazione? A questo punto, con così tante voci sui nuovi iPhone, nessuna ipotesi è esclusa. 

Al momento la maggior parte delle ricerche che vediamo sono per “nuovo iPhone”, che rappresenta un valido punto di partenza. Apple ha già eliminato l’indicatore numerico da Mac, MacBook, Apple TV e iPad. Farlo anche con il nuovo iPhone sarebbe dunque logico. 

Il numero però è un ottimo modo per distinguere i modelli nuovi da quelli vecchi, quindi tanto iPhone 11 quanto iPhone XI sono ancora validi candidati. Apple non ha mai creato un iPhone 9, poi, e l’iPhone 8 è stato l’ultimo “numero” prima della “rivoluzione X”. Tornare a un normale numero 11 sarebbe un po’ strano, quindi. 

New iPhone 11

iPhone XS e XS Max sono fantastici, ma c’è ancora margine di miglioramento

Nuovo iPhone 11: che cosa vogliamo 

L’iPhone XS e iPhone XS Max sono smartphone fantastici, ma c’è sempre qualcosa che si può migliorare, e le persone vogliono sempre qualcosa in più. Apple è dunque nuovamente chiamata a dare uno scossone.

Qui a TechRadar ci piace pensare alle persone appassionate di tecnologia come una grande famiglia dove tutti sono pronti ad aiutarsi, così abbiamo messo ad alcuni miglioramenti che secondo noi avrebbero senso sul nuovo iPhone. 

1.  Niente notch (o almeno uno più piccolo) 

Che lo amiate o no, il notch ha rappresentato una tempesta nel mondo degli smartphone. Si era già visto prima su alcuni modelli, ma dopo la presentazione di iPhone X ha influenzato le scelte di design di tutto il settore. Sembra però che i concorrenti abbiano già fatto un passo avanti rispetto ad Apple. 

Il notch di Apple infatti si riconosce per il fatto che è piuttosto grande, ed è forse il tallone di Achille degli iPhone. Occupa molto spazio nella parte superiore dello schermo, e di contro abbiamo visto modelli Android “accontentarsi” di una piccolissima goccia, o di un ancora più discreto foro per ospitare la fotocamera frontale. 

Il problema per Apple è che oltre alla fotocamera frontale il notch nasconde anche i sensori necessari per FaceID, e questo rende molto più difficile eliminarlo come ha fatto per esempio Samsung. 

Apple, però, può probabilmente riposizionare il microfono, il sensore di prossimità e l’altoparlante, e così facendo potrebbe almeno ridurre la dimensione del notch. Sarebbe un passo nella direzione giusta. 

L’ideale sarebbe un nuovo iPhone completamente senza notch, cioè con un design pulito ed elegante che di sicuro si farebbe notare. 

Nuovo iPhone 11

Il notch è grande … immaginate come sarebbe il nuovo iPhone se non ci fosse.  

2.  Nuovo Design 

Il design attuale di iPhone XS e XS Max è molto bello, elegante e resistente. Sicuramente uno tra i migliori in circolazione, e forse chiedere di più non è del tutto legittimo. Ma d’altra parte chiedere è la metà dell’avere, come recita il proverbio. 

Apple ha usato questo design per le ultime due generazioni, e per evitare che l’iPhone 11 sia visto come un aggiornamento minore, un nuovo aspetto sarebbe di aiuto. 

Se Apple riesce a eliminare il notch come abbiamo suggerito sopra, sarebbe il primo tassello di un nuovo design, ma vorremmo qualcosa di più. 

Ha già eliminato la presa jack per le cuffie e il pulsante home, quindi restano “da gestire” il pulsante di attivazione, il bilanciere del volume e lo slider per la funzione Muto. 

HTC e Google hanno realizzato smartphone che si possono “spremere” con le mani per attivare una certa funzione. Apple potrebbe fare lo stesso, magari rendendo il tutto più ergonomico, ed eliminare tutti i pulsanti fisici dal nuovo iPhone. 

3. Migliore autonomia

Lo ripetiamo un anno dopo l’altro, ma le cose non cambiano: l’iPhone non è tra i migliori quando di tratta di autonomia. 

L’iPhone XS era meglio dell’iPhone X quanto a batteria, ma come abbiamo notato nella recensione è ancora molto lontano dai migliori smartphone per autonomia. 

È ora che Apple si rimetta in carreggiata, e che dia all’iPhone 11 una batteria capiente che permetta di usarlo serenamente (almeno) tutto il giorno, e di arrivare a quello successivo senza stare in ansia. 

Le batteria, lo sappiamo, non fanno miracoli. Non torneremo presto agli scenari dei primi anni 2000, quando un cellulare poteva durare anche una settimana. Un iPhone però potrebbe arrivare almeno a due giorni con una ricarica; ci piacerebbe tanto. 

4. Solo eSIM 

Gli ultimi iPhone sono smartphone dual SIM, ma ci si può mettere solo una SIM fisica. La seconda è digitale, vale a dire un circuito integrato nel telefono (non rimovibile). La eSIM si gestisce via software per associarla all’operatore telefonico, scegliendo tra quelli (pochi) che hanno già servizi compatibili. 

Nel 2019, il gesto di prendere la SIM e inserirla nello smartphone nuovo sembra un po’ vintage in effetti, e non ci dispiacerebbe se il nuovo iPhone 11 usasse solo due eSIM, rinunciando una volta per tutte a quella tradizionale. 

Allo stesso tempo, vorremmo anche uno strumento facile da usare che permetta di scegliere l’operatore telefonico e la tariffa, e soprattutto che permetta di passare agilmente da un operatore all’altro quando vogliamo farlo. 

Tutto questo, naturalmente, significherebbe anche l’eliminazione del cassettino per la SIM. Quindi un design più compatto, con meno interruzioni. Un cambiamento che libererebbe più spazio all’interno, magari per una batteria più capiente. 

Questo dettaglio dipende solo in parte da Apple, in ogni caso, visto che gli operatori mondiali devono adattarsi per supportare le eSIM. Al momento solo alcuni sono pronti, ma con l’introduzione del 5G e il fatto che questa sarebbe la seconda generazione di iPhone con eSIM, forse l’idea non è del tutto fuori discussione.