Skip to main content

Apple, che delusione l'ultimo MacBook Pro (era meglio dismetterlo)

MacBook Pro 13" M2
(Image credit: Future)

Il nuovo Apple MacBook Pro M2 non è veramente nuovo. Lo avevamo sospettato durante la recensione, e di recente gli esperti di iFixit (vedi video più sotto) lo hanno smontato, dimostrando oltre ogni ragionevole dubbio che è davvero il vecchio modello, modificato quel tanto che basta per metterci il processore nuovo. 

Dunque, più che un nuovo portatile è un upgrade di quello vecchio, una versione Apple della classica "minestra riscaldata".  Sicuramente Apple poteva anche risparmiarsela, ma come al solito ci sono state critiche fin troppo accese. 

Uno dei fatti più eclatanti riguarda la temperatura. Vadim Yuryev ha messo il computer sotto pressione, facendo l'export di un video RAW 8K. Risultato? Il MacBook Pro 13 M2 è arrivato a 108 gradi centigradi, la ventola è partita al massimo (7.200 rumorosissimi giri al minuto) e il processore è andato in throttling. 

Throttling significa che le prestazioni vengono ridotte automaticamente per permettere al processore di raffreddarsi, evitando danni permanenti. Va bene come soluzione per evitare danni, appunto, ma non dovrebbe succedere. Se un computer è ben assemblato, il throttling non si presenta mai, tranne forse nella stagione calda e in situazioni molto particolari. 

Da lì in poi il MacBook Pro 13 M2 ha fatto un su e giù tra prestazioni, frequenze e calore eccessivo. 

See more

Detto questo, però, il MacBook Pro 13 M2 ha finito il lavoro più velocemente del modello M1, il che è sicuramente un dato rilevante. Il modello precedente è più lento ma non ha mostrato problemi di throttling, facendo lo stesso esperimento. Quindi potrebbe essere una scelta non ovvia, per chi è interessato alle massime prestazioni: MacBook Pro 13 M2 mette sul tavolo più potenza, anche se ogni tanto potrebbe andare in throttling. 

L'esperimento di Yuryev, poi, è sicuramente irrealistico: chi di voi prenderebbe un portatile da 13 pollici per gestire file RAW 8K? In situazioni normali, negli scenari per cui MacBook Pro 13 M2 è effettivamente progettato, una cosa del genere non capiterà mai. O quasi mai.  

Altrettanto sicuramente, però, l'operazione dimostra che il sistema di dissipazione non è realizzato a regola d'arte.

D'altra parte, come potrebbe essere altrimenti? Il portatile è quello vecchio, dove è stato inserito il nuovo processore, senza apportare modifiche rilevanti al sistema di dissipazione.  

Sembra una cosa un po' grossolana, e probabilmente lo è. 

Altra questione da tenere in considerazione, la velocità dell'SSD. MacBook Pro 13 M2 infatti ha un SSD più lento rispetto al modello M1. E non parliamo di una differenza da poco, ma di un gap pari a ben il 34%

È una cosa un po' strana da parte di Apple, dettata probabilmente dalla volontà di chiudere alla meglio il progetto, possibilmente riducendo al minimo i costi. In questo senso, forse usare un solo chip NAND da 256GB, invece che due da 128GB, sarebbe stata la soluzione più adatta per ridurre i costi. 

Tuttavia bisogna sottolineare che, nell'uso reale e negli scenari prevedibili, è molto difficile notare la differenza.  È, infatti, una di quelle cose che si vedono solo nei benchmark. 

Tutto considerato, comunque, Apple MacBook Pro M2 non sembra proprio un prodotto nato nelle migliori condizioni. 

Eppure non è un brutto computer. Anzi, in certi paesi Apple ha tenuto lo stesso prezzo del modello M1, e visto che alla fine è comunque più veloce, sicuramente i consumatori possono dirsi contenti perché, dopotutto, puoi comprarti qualcosa di meglio spendendo la stessa cifra. 

Ma la situazione non è la stessa ovunque: in Italia, per esempio, Apple MacBook Pro M2 costa circa €200 euro in più, con una differenza di oltre il 10% rispetto al modello M1 - parliamo del prezzo di lancio.  

E per quel po' di prestazioni extra che si ottengono, probabilmente non ne vale la pena. 

Se dovete affrontare carichi davvero impegnativi, il modello da prendere in considerazione è Apple MacBook 14 o anche Apple MacBook 16, con i processori Apple M1 Pro, Max e Ultra. Sono computer capaci di gestire file RAW 8K e anche di più, e quando serve la ventola si farà sentire - ma riesce anche a raffreddare l'hardware. 

Se invece volte un portatile Apple compatto, le scelte migliori restano Apple MacBook 13 M1 e Apple MacBook Air M1. Apple MacBook Air (M2, 2022) si preannuncia fantastico, e con ogni probabilità sarà il computer da prendere quest'anno, in termini assoluti. Ma per ora abbiamo potuto provarlo solo velocemente, quindi rinviamo il giudizio a quando avremo una vera e propria recensione. 

Alla fine, cosa resta del MacBook Pro 13" M2? In quali situazioni è un computer consigliabile? Sicuramente molto poche ... 

Pur non essendo un brutto computer, resta una mezza delusione, o anche peggio per quei mercati - come l'Italia - dove si paga di più per ottenere un prodotto praticamente identico al modello precedente.

Apple avrà avuto le sue ragioni, che in buona parte resteranno imperscrutabili. Sicuramente saranno ottime ragioni, e MacBook Pro 13" M2 senz'altro ha un suo posto speciale nelle strategie di Cupertino. 

Vista da qui, però, questa se la potevano anche risparmiare.  

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di Techradar Italia. È da sempre ossessionato dai gadget e dagli oggetti tecnologici che cambiano la nostra vita quotidiana, e dai primi anni 2000 ha deciso di raccontarla. Oggi è un giornalista con anni di esperienza nel settore tecnologico, e ha ancora la voglia di trovare le chiavi di lettura giuste, per capire davvero in che modo la tecnologia può rendere migliore la nostra vita quotidiana.