iOS 18 manda in pensione l'iconica griglia delle app, ma qualcuno lo vuole davvero?

iPhone Home Screen
(Immagine:: Getty Images)

Nei loro quasi 20 anni di vita, iPhone e iOS hanno incarnato ordine, precisione e coerenza, senza che nessun elemento di design fosse lasciato al caso. Non c'è mai stato un dettaglio non spiegato o non tenuto in considerazione; e una cosa che non troverete assolutamente, né sul telefono stesso né nel suo sistema operativo, è lo spazio sprecato.

Ecco perché sono preoccupato che iOS 18 possa introdurre una schermata Home più personalizzabile.

Secondo le nuove indiscrezioni, con iOS 18 Apple consentirà ai possessori di iPhone di spostare le icone delle app dove preferiscono e persino di introdurre spazi vuoti.

Non è la prima volta che Apple modifica uno dei principali spazi vitali dell'iPhone. Due anni fa, Apple ha ridisegnato la schermata di blocco: è stato un buon aggiornamento perché ha introdotto informazioni, innovazione e flessibilità nella prima cosa che si vede quando si prende in mano l'iPhone, ma senza rompere lo stampo familiare che rende speciale il display dell'iPhone.

Una sciatteria?

Le modifiche di cui si parla per iOS 18 non sembrano offrire alcun vantaggio. Si tratta più o meno di una scelta, anche se ritengo che con i widget personalizzabili sulla schermata iniziale di iOS 17 le opzioni di personalizzazione siano già più che sufficienti.

Se si preferisce non trovarsi di fronte a una griglia di icone, con iOS 18 si potrebbero introdurre vaste aree di spazio vuoto. Magari posizionerete solo alcune app nella parte inferiore dello schermo (appena sopra il dock), alcune in alto e una a caso nel mezzo. È una cosa che si può fare già adesso, ad esempio con il Samsung Galaxy S24

iPhone Home Screen

(Image credit: Future)

Sapete a chi altro potrebbe non piacere? Jony Ive. Proprio così, il geniale designer industriale responsabile della maggior parte dei design dei prodotti iconici di Apple (iPod, iPhone, iMac, iPad, l'originale Apple Pencil...), potrebbe non essere molto d'accordo con il fatto che Apple voglia eliminare l'iconica griglia dell'iPhone.

Ive potrebbe essere stato un po' ossessionato dalle griglie. Nel 2013. John Gruber di Daring Fireball notò che era possibile sovrapporre le icone delle app iOS 7 disegnate da Ive su alcuni prodotti hardware Apple, tra cui l'Apple TV, il cestino del Mac Pro e la parte inferiore del Mac mini. Le immagini fornite erano sorprendenti. Non l'ho mai ammesso, ma considerando la sua affinità con l'uniformità e il design pulito, un simile approccio non sarebbe sorprendente. Anche se fosse una coincidenza (non lo era), la salsa segreta di Apple è stata, per decenni, l'occhio di Ive.

Lo spazio vuoto è una cosa buona?

Non c'è dubbio che il motivo per cui le app dell'iPhone non sono sparse a casaccio nella schermata iniziale (né in nessun'altra pagina del dispositivo) è la rigorosa aderenza di Ive all'estetica della griglia. Non si tratta solo di elementi che vivono su una griglia, ma di elementi che riempiono gli spazi morti. Se si prende l'icona di un'applicazione da una pagina e la si sposta in un'altra schermata, non si lascia mai spazio dietro di sé. Al contrario, le app circostanti si mettono sull'attenti e vanno a riempire lo spazio vuoto. L'iPhone è il re della pulizia, almeno per quanto riguarda il posizionamento delle app.

L'ossessione di Ives per l'eliminazione degli spazi morti potrebbe essere stata influenzata dalla posizione del compianto Steve Job nei confronti dello spazio o dell'aria non necessari in qualsiasi prodotto Apple. Secondo quanto riferito, il cofondatore ed ex CEO di Apple una volta gettò un prototipo di iPod in un acquario per dimostrare ai suoi progettisti che c'era ancora troppo spazio e troppa aria nel dispositivo; sebbene il lettore musicale non galleggiasse, rilasciava bolle d'aria rivelatrici.

Lo spazio superfluo era un nemico della tecnologia e Jobs e Ive lavorarono in tandem per eliminarlo, insieme alla disorganizzazione che ne poteva derivare.

MacBook Air M3 MagSafe power cable

(Image credit: Future)

Ive ha lasciato Apple nel 2019 e, secondo quanto riferito, ha concluso il suo rapporto di consulenza con l'azienda nel 2022. Da allora, l'influenza di Ive sull'estetica Apple è probabilmente diminuita. Se dovessi trovare un esempio, sarebbe il bel cavo di alimentazione MagSafe grigio intrecciato del MacBook Air M3 Midnight, che in qualche modo termina in plastica bianca sul lato in cui si collega a un adattatore di alimentazione bianco. A mio parere, questo è disordinato e molto poco in linea con la classica estetica Apple.

La personalizzazione non è una cosa negativa, ma per tutti coloro che si rallegrano del fatto che Apple si stia mettendo al passo con Android da anni, ritengo che questo sia un cambiamento retrogrado che, pur portando l'iPhone più in linea con i suoi concorrenti Android, lo renderà in qualche modo inferiore a ciò che ci aspettiamo dal meglio di iOS e Apple.

Lance Ulanoff
Editor At Large

A 38-year industry veteran and award-winning journalist, Lance has covered technology since PCs were the size of suitcases and “on line” meant “waiting.” He’s a former Lifewire Editor-in-Chief, Mashable Editor-in-Chief, and, before that, Editor in Chief of PCMag.com and Senior Vice President of Content for Ziff Davis, Inc. He also wrote a popular, weekly tech column for Medium called The Upgrade.


Lance Ulanoff makes frequent appearances on national, international, and local news programs including Live with Kelly and Ryan, the Today Show, Good Morning America, CNBC, CNN, and the BBC.