Skip to main content

Windows 10, l’aggiornamento di novembre 2019 è arrivato

Cortana in Windows 10
(Image credit: Shutterstock)

L’ultimo aggiornamento di Windows 10 “November 2019 Update” è stato reso disponibile al pubblico, ma potrebbe rivelarsi una delusione.

Si tratta del secondo grande aggiornamento per Windows 10 dell’anno 2019, anche se in realtà sembra trattarsi di un aggiornamento minore.

Come chiarito da Microsoft, l’aggiornamento di novembre 2019 interessa principalmente alcune modifiche minori, come l’aumento delle prestazioni di alcuni elementi già presenti nella versione precedente e la correzione di alcuni problemi, anche se sono presenti delle piccole novità.

Secondo le note rilasciate da Microsoft, “Windows 10 2019 Update è ora disponibile per gli utenti che utilizzano le versioni più recenti di Windows 10, e potranno scaricare l’aggiornamento tramite Windows Update”.

In breve, è possibile aggiornare il proprio OS Windows tramite la voce “Controlla aggiornamenti”, che potete trovare su Impostazioni > Aggiornamento e Sicurezza > Aggiornamento di Windows. Una volta scaricato e installato l’aggiornamento basterà riavviare il PC per iniziare a utilizzarlo.

L’aggiornamento però non sarà disponibile per tutti, in quanto Windows ha imposto dei blocchi di sicurezza per gli utenti che potrebbero avere potenziali problemi di compatibilità con l’update.

Data le poche modifiche introdotte non dovrebbero esserci problemi con l’aggiornamento di novembre 2019, a differenza di quanto verificatosi con i precedenti e più sostanziosi aggiornamenti di Windows 10.

Dettò ciò, va ricordato che Windows è riuscita a creare non pochi problemi ai suoi utenti con molti degli aggiornamenti cumulativi rilasciati nell’ultimo periodo, quindi meglio non dare nulla per scontato.

Nonostante l’aggiornamento di novembre 2019 sia, in effetti, di minore entità, come anticipato sono state introdotte alcune nuove funzionalità. Tra esse c’è la promessa di una maggiore durate della batteria per i computer portatili che utilizzano determinati processori,  oltre ad alcune modifiche al motore di ricerca Windows e piccoli miglioramenti per l’interfaccia.

 Non c’è nulla di eccitante nel nuovo update. Il ridotto numero di modifiche introdotte da questo aggiornamento è giustificato dal nuovo programma di rilascio che Microsoft ha deciso di adottare per il 2020; la scelta è dovuta alla necessità dell’azienda di riallineare gli aggiornamenti con il lancio dei nuovi dispositivi Windows X come Surface Neo.

A questo punto ci aspettiamo che il prossimo grande aggiornamento (Windows 20H1) sia pronto già dal mese prossimo, anche se la distribuzione dovrebbe comunque iniziare nel corso del 2020.