Wi-Fi 7, specifiche, prestazioni, compatibilità, tutto quello che sappiamo finora

Stofa wifi 1000/1000 mbt
(Immagine:: stofa)

Wi-Fi 7 è un termine di cui, probabilmente, non avrete ancora sentito parlare molto. Con Wi-Fi 7, ci riferiamo alla settima iterazione dello standard Wi-Fi, nota anche come 802.11be, e definita dalla Wi-Fi Alliance (Si apre in una nuova scheda), l'organizzazione fondata allo scopo di agevolare la convergenza verso uno standard unico per la banda larga senza fili nel mondo.

Questo standard, che è ancora in bozza (Si apre in una nuova scheda), andrà a sostituire l'attuale iterazione, nota come Wi-Fi 6E (a sua volta l'evoluzione del Wi-Fi 6), ma la specifica pubblicata a maggio 2021 non è ancora stata approvata dalle autorità competenti.

Dunque, cosa si sa al momento del Wi-Fi 7? Come andrà a rivoluzionare il mondo della connettività? Lo standard Ethernet è destinato alla pensione? Scopriamolo insieme!

  • Di che si tratta? Il nuovo standard Wi-Fi definito dalla Wi-Fi Alliance
  • Quando arriverà? Non prima del 2023, probabilmente nel 2024
  • Quanto costerà? Dipenderà dai singoli produttori dei router wireless e dei dispositivi affini

Cos'è il Wi-Fi 7?

Wi-Fi 7 è il nome "leggibile" dello standard 802.11be ed è lo standard della Wi-Fi alliance che dovranno rispettare i dispositivi wireless in futuro.

Questo nuovo standard promette di essere rivoluzionario, come spiegato da Qualcomm (Si apre in una nuova scheda) poiché promette una gestione e un'ottimizzazione delle bande senza precedenti. Innanzitutto, il nuovo standard opererà sulla banda dei 6 GHz per la prima volta, restando comunque capace di utilizzare anche quelle da 2, 4 e 5 GHz degli standard precedenti.

Ma c'è di più, infatti, il Wi-Fi 7 sarà in grado di usare le bande contemporaneamente, combinandole in un'unica rete Wi-Fi. Lo standard 802.11be, inoltre, promette di ampliare la larghezza di banda dei canali, arrivando a 320 MHz, raddoppiando di fatto la banda offerta dallo standard Wi-Fi 6E, sulle frequenze di 6 GHz, con un massimo di tre canali utilizzabili alla volta.

Oltre a una maggiore velocità, Wi-Fi 7 risulta molto promettente in termini di efficienza e stabilità delle connessioni.

Ecco le caratteristiche e le tecnologie principali che renderanno possibile tutto questo.

Roadmap to Wi-Fi 7

La tabella di marcia verso i 6 GHz e il Wi-Fi 7 secondo Qualcomm (Image credit: Qualcomm)

Perché il Wi-Fi 7 sarà rivoluzionario?

Come dicevamo, l'efficienza e le prestazioni potenzialmente garantite dal Wi-Fi 7 potrebbero essere tali da rendere obsolete le connessioni Ethernet. Di solito, quando pensiamo alla connessione wireless, la consideriamo meno affidabile di quella cablata, per via delle cadute di segnale e delle velocità non paragonabili a quelle Ethernet.

Con il Wi-Fi 7, tutto questo è destinato a cambiare, grazie ad alcune nuove caratteristiche che renderanno le connessioni senza fili molto più stabili, veloci, ed efficienti.

Vediamo le principali.

MLO (Multi-Link Operation)
Qui è dove il Wi-Fi 7 si potrebbe dimostrare davvero come un punto di rottura con il passato: con questa tecnologia, sarà possibile combinare insieme due reti wireless per creare un unico network Wi-Fi.
Inoltre, sono previsti due tipi di configurazioni fra cui scegliere, pensate rispettivamente per ottimizzare la larghezza di banda disponibile e garantire un segnale privo di perdite di connessione (un po' come avviene sulle reti mesh (Si apre in una nuova scheda) con le configurazioni di failover).

Modulazione 4K-QAM
Rispetto allo standard precedente, che supportava la modulazione 1024-QAM, il Wi-Fi 7 garantirà una trasmissione dati molto maggiore grazie alla modulazione 4K-QAM.
Grazie alla modulazione numerica di ampiezza in quadratura, è possibile manipolare l'onda radio con un maggiore throughput di dati.

Multi-RU (Multi Resource Unit)
Con l'attuale standard, quando si passa da un canale DFS a un altro, si può verificare una temporanea disconnessione. Questo avviene quando un router, ad esempio, rileva un altro segnale radar.

Con la tecnologia Multi-RU, però, non dovrebbero più verificarsi problemi di questo tipo nelle connessioni Wi-Fi 7.

Preamble Puncturing
Questa tecnica sarà adottata dal Wi-Fi 7 per utilizzare solo le parti libere dei canali, escludendo le frequenze caratterizzate da interferenze. Sfruttando la parte libera dei canali, dunque, il consumo di banda sarà più efficiente, con un segnale più "pulito" e stabile.

Quando sarà disponibile il nuovo standard Wi-Fi 7?

Se avete da poco comprato un router Wi-Fi 6 o se prevedete di farlo presto, magari approfittando dei saldi al prossimo Prime Day, non disperate. L'arrivo dello standard Wi-Fi 7 non è proprio imminente. Infatti, non vedremo i primi prodotti wireless Wi-Fi 7 prima dell'anno prossimo.

Tuttavia, l'appuntamento al 2023 non è inciso sulla pietra: ci sono varie incognite, come la situazione internazionale, nonché i tempi richiesti per l'approvazione da parte dell'FCC, senza contare i singoli iter normativi nazionali per la concessione dell'uso della banda a 6 GHz, pertanto, l'arrivo dello standard 802-11be potrebbe anche slittare.

Inoltre, alcune recenti indiscrezioni indicano che Intel potrebbe annunciare lo standard Wi-Fi 7 nel 2024, con l'ingresso dei relativi prodotti nei mercati principali entro il 2025. Questo è quanto riportato da Korea IT News (Si apre in una nuova scheda), dunque il colosso tecnologico starebbe lavorando sul Wi-Fi 7, mentre ancora molte aziende non hanno adottato il Wi-Fi 6E.

Non ci resta che attendere, naturalmente vi aggiorneremo con tutte le novità e gli sviluppi relativi al Wi-Fi 7.

Marco Doria
Senior editor

Senior Editor and Professional Translator. Boardgaming enthusiast, Tech-lover.