Skip to main content

WhatsApp, Dark Mode e altre novità in arrivo

WhatsApp dark mode
(Image credit: Facebook; Shutterstock)

Dopo una lunga attesa, la dark mode di WhatsApp è ora disponibile in versione beta su Android e iOS e il lancio definitivo non dovrebbe tardare ad arrivare. Gli utenti dell’app di messaggistica potranno così impostare la modalità notte, utile in ambienti poco illuminati e per risparmiare un po’ di carica della batteria.

Si tratta di un grande passo in avanti per Whatsapp, ma le novità per gli oltre due miliardi di utenti attivi non finiscono qui. Vi proponiamo, dunque, un elenco delle nuove funzionalità che ci aspettiamo di vedere nei prossimi mesi.

Tra queste ne troviamo alcune che sono confermate al 100%, sulla base di indizi presenti nei file di installazione dell'app, e altre che si fondano su indiscrezioni provenienti da dichiarazioni rilasciate dallo staff di WhatsApp nel corso di conferenze e fiere. Ad ogni modo, preparatevi ad assistere a mesi ricchi di innovazione. 

Annunci pubblicitari (pochi, si spera)

In un primo momento, è sembrata chiara la volontà di Facebook, l’azienda proprietaria di WhatsApp, di inserire annunci pubblicitari nelle chat già a partire dal 2020. Poche settimane fa però è venuta fuori la notizia dello scioglimento del team al lavoro sull’introduzione delle pubblicità.

Tramite una nota rilasciata lo scorso mese di gennaio dal Wall Street Journal, è emerso che Facebook ha deciso di interrompere lo sviluppo riguardante l’inserimento di annunci pubblicitari in Whatsapp, per il sollievo di molti utenti. 

Ciò non significa che WhatsApp rimarrà completamente privo di pubblicità, in quanto Facebook sta pensando di introdurre annunci tra un aggiornamento di stato e l’altro, in modo analogo a quanto accade con le storie di Instagram, con post a tutto schermo che sono visibili solo per un breve periodo di tempo.

WhatsApp money

(Image credit: Shutterstock)

Shopping

Se Facebook non può fare pubblicità tramite WhatsApp, può sempre guadagnare denaro attraverso percentuali sugli introiti provenienti da articoli venduti da rivenditori di terze parti. A novembre 2019 l'app ha lanciato una funzione di catalogo virtuale, che consente ai piccoli rivenditori di mettere in vetrina i propri prodotti per aumentare la propria visibilità nei confronti di potenziali clienti. Gli acquirenti possono scegliere ciò che desiderano acquistare e, quindi, contattare direttamente il commerciante per completare la compravendita.

Questa funzione può essere di grande aiuto ai piccoli venditori, che possono mettersi in contatto in maniera diretta con i potenziali clienti, ma è comunque necessario completare la transazione al di fuori dell’app di messaggistica. 

Un futuro aggiornamento potrebbe seguire l'esempio di Instagram, consentendo alle aziende di aggiungere nei post un'opzione di "checkout",  in modo da effettuare l’acquisto completamente in-app. 

WhatsApp messages

(Image credit: Shutterstock)

Autodistruzione dei messaggi

L’autodistruzione dei messaggi è un’altra funzionalità che è in lavorazione da molto tempo ma, in questo caso, l’attesa dovrebbe andare per le lunghe in quanto non sono ancora previste versioni beta (nonostante qualcuno pensasse che tale caratteristica potesse debuttare in concomitanza con la dark mode).

L'idea è quella di inviare messaggi che potranno essere eliminati automaticamente dopo un certo periodo di tempo (un'ora, un giorno, una settimana, un mese o un anno). Questa funzione rafforzerà ulteriormente la vostra privacy, poiché potrete essere certi che le informazioni sensibili che invierete non verranno memorizzate sul dispositivo del destinatario per un tempo indefinito e sarete così al sicuro in caso di furto o prestito dello stesso.

WhatsApp fake news

(Image credit: Shutterstock)

Browser integrato 

Un'altra funzionalità inedita, venuta a galla grazie a un file APK beta di WhatsApp, è rappresentata da un browser web integrato che vi consente di aprire i collegamenti verso siti esterni senza uscire dall'app di messaggistica, in modo simile a quanto avviene su Twitter e Facebook. Si vocifera che il browser sia basato su Chrome e che possa avvertire l’utente in caso di reindirizzamento a un sito potenzialmente dannoso.

Si tratterebbe di una funzione molto utile nel proteggervi da potenziali truffe o virus inoltrati da malintenzionati o, semplicemente, da un vostro amico distratto.

Video in modalità boomerang

L’ultima funzionalità che vi riportiamo consiste nell’introduzione dei video boomerang, già visti su Instagram, che vi consentiranno di condividere brevi clip in loop infinito con i vostri contatti. Non si tratta di una novità che influirà sul vostro modo di comunicare ma, considerando il successo ottenuto dal nuovo set di emoji rilasciato da Google, il pubblico ama avere un nuovo giocattolo tra le mani. 

Noi non vediamo l’ora di provarlo e suggeriamo a Whatsapp che non sarebbe affatto male introdurre alcuni filtri di ottimizzazione delle immagini già presenti su Instagram. Ma, forse, è ancora troppo presto per affrontare questo argomento…