Skip to main content

TV, l'assemblaggio è fatto così male che lo schermo cade!

TV Xiaomi
(Image credit: Gizchina)

Xiaomi è un'azienda molto competitiva nel mercato degli smartphone, in particolar modo in asia, dove detiene anche il record di vendite di televisori, settore in cui si è addentrata da alcuni anni.

Ma nonostante l'ampio successo riscosso, il colosso cinese si trova in questi ultimi giorni al centro dell'attenzione a causa di segnalazioni da parte di alcuni utenti riguardo un fatto piuttosto anomalo accaduto con dei modelli di TV.

Un utente possessore di un TV Xiaomi ha infatti postato un video sul social cinese Weibo, dove è possibile vedere lo schermo staccarsi letteralmente dalla scocca del televisore, per cascare a terra e danneggiarsi. L'accaduto non sembra affatto dipendere da fattori esterni, ma pare chiaramente essere causato da un difetto di costruzione o assemblaggio del prodotto.

TV Xiaomi

(Image credit: Gizchina)

Xiaomi non si è fatta però attendere ed ha subito contattato l'utente tramite il suo servizio di assistenza. L'azienda sta provvedendo ad elaborare quanto avvenuto, precisando subito che non sarà necessario affrontare alcuna spesa.

La società ha affermato che si tratterebbe di un caso raro, sebbene il motivo esatto debba ancora essere identificato. Come accennato prima però, l'avvenimento non è singolare. Altre due segnalazioni hanno infatti riportato un difetto identico.

TV Xiaomi

(Image credit: Gizchina)

Una di queste due proviene da un video di una reception. Come per il precedente caso, il video mostra lo schermo staccarsi improvvisamente durante il funzionamento del televisore. A detta di Xiaomi tuttavia, il problema sarebbe stavolta causato dall'utilizzo improprio del prodotto. Il TV è infatti utilizzato per scopi di videosorveglianza rimanendo acceso per diverse ore di seguito, fattore che ha causato il distaccamento dello schermo. 

Si tratta ad ogni modo di casi isolati, almeno per il momento. La speranza è quindi che il difetto riguardi soltanto poche unità.

Fonte: Gizchina

Gabriele Giumento

Redattore TechRadar