Skip to main content

TV 4K, presto potrebbero attivare modelli più economici

Samsung QLED TV
(Image credit: Samsung)

Secondo alcune fonti, possiamo aspettarci un calo di prezzo dei TV LCD per la fine dell'anno, a fronte del ribasso costante dei pannelli e per l'avvicinarci alla fine della crisi della supply chain.

Gli esperti di tecnologia di Sigmaintell Consulting (tramite DigiTimes (opens in new tab)) hanno segnalato che i prezzi dei pannelli LCD sono calati ancora nell'ultimo mese.

Erano già stati registrati dei cali nei due mesi precedenti e, se osserviamo la tendenza dall'anno scorso, la curva continua a essere discendente. E, in effetti, abbiamo visto come alcuni dei migliori TV LCD attualmente in commercio siano stati interessati da alcuni ribassi, inclusi modelli piuttosto recenti.

Lo scarto tra l'acquisto di un pannello LCD da usare in produzione e l'arrivo del TV sugli scaffali dei negozi è di qualche mese, di conseguenza possiamo aspettarci ulteriori sconti e, possibilmente, qualche buon affare, magari non in tempo per il Prime Day, ma quasi certamente intorno al periodo del Black Friday e delle festività di fine anno.

La produzione nell'ambito della tecnologia dei display LCD avviene quasi del tutto in Cina, considerato anche il fatto che i produttori sudcoreani si stanno spostando da questo segmento di mercato sempre di più verso la produzione di OLED.

Le restrizioni prolungate e i lockdown per via del COVID nei distretti produttivi cinesi più importanti in ambito tech, come Wuhan, hanno comunque rallentato la fornitura globale di pannelli, con previsioni abbastanza negative sulle vendite globali di TV, che dovrebbero toccare il punto più basso dal 2010, secondo Omdia, azienda specializzata in ricerche di mercato.

La graduale riapertura delle principali città cinesi delle ultime settimane, fra cui Pechino e Shanghai, però, potrebbe contribuire a una ripresa delle normali operazioni.

Analisi: i cali di prezzo dei TV potrebbero arrivare in perfetto orario per il Natale

La potenziale riduzione dei prezzi dei pannelli potrebbe convincere nuovi utenti ad acquistare una nuova TV, possibilmente risparmiando un po' rispetto ai cartellini a cui siamo stati abituati finora.

Nel Regno Unito, secondo i dati di Barclaycard, è calata la spesa per beni non essenziali, mentre in USA il gigante della vendita al dettaglio Best Buy ha rivisto verso il basso la previsione annuale dei ricavi durante il mese di maggio, a causa di una minore domanda di TV e computer, segno evidente di un'inflazione che da molto tempo erode il potere di acquisto delle persone.

I cali di prezzo previsti potrebbero interessare soprattutto i modelli più piccoli ed economici, pertanto, chi sta subendo di più l'aumento del costo della vita potrebbe beneficiare di ribassi abbastanza sostanziosi.

Certo, il costo dei componenti non sono gli unici fattori da considerare per il prezzo finale di un TV, ma pannelli meno cari avranno comunque un impatto positivo sul cartellino e ci auguriamo che chiunque necessiti di sostituire il proprio televisore, magari rotto o non più adeguato agli attuali standard, riesca a trovare un buon affare. Il nostro consiglio è quello di tenere d'occhio il mercato verso la fine dell'anno.

Kevin Lynch is a London-born, Dublin-based writer and journalist. The author of Steve Jobs: A Biographic Portrait, Kevin is a regular feature writer for a number of tech sites and the former Technology Editor for the Daily Mirror. He has also served as editor of GuinnessWorldRecords.com (opens in new tab) and has been a member of the judging panel for the BAFTA British Academy Video Game Awards. Alongside reviewing the latest AV gear, smartphones and computers, Kevin also specialises in music tech and can often be found putting the latest DAWs, MIDI controllers and guitar modellers through their paces. Born within the sound of Bow Bells, Kevin is also a lifelong West Ham fan for his troubles.

With contributions from