Skip to main content

Requisiti Windows 11, 64-bit e account Microsoft obbligatorio

Windows
(Image credit: Shutterstock)

Windows 11 è ormai ufficiale e sappiamo già molto del prossimo sistema operativo  Microsoft, compresi i requisiti minimi. Per molte persone, usare Windows 11 sarà possibile solo comprando un nuovo PC.

Questo perché Win11 funziona solo con processori a 64 bit, e i PC più vecchi hanno invece CPU a 32 bit. Stiamo parlando di PC molto vecchi, ma ce ne sono ancora in giro. La buona notizia, comunque, è che il supporto di Windows 10 durerà almeno fino al 2025. 

Non dovrebbe essere un dramma, anzi Windows 11 potrebbe persino aiutare a ravvivare un po' il mercato PC e a svecchiare il parco macchine mondiale. 

Per controllare se il vostro PC è compatibile con Windows 11 potete usare lo strumento Windows PC Health Check (Controllo Integrità PC Windows) che, una volta installato, vi dirà anche se potete usare il nuovo SO Microsoft. Al momento in cui scriviamo, tuttavia, lo strumento non è pienamente compatibile con le CPU più recenti: con un Ryzen 9 5900X, per esempio, dice che non è compatibile. Chiaramene è un errore. 

Requisiti minimi Windows 11

  • Processore a 64-bit
  • 4GB di RAM
  • 64GB di spazio disponibile
  • Frequenza 1Ghz 
  • UEFI compatibile Secure Boot 
  • TPM 2.0
  • Uno schermo più grande di 9" con risoluzione HD (1366x768)
  • GPU compatibile DirectX 12  / WDDM 2.x 
  • Per Windows 11 Home, una connessione a Internet

32-bit addio

La novità più rilevante è che i sistemi a 32 bit non sono compatibili con Windows 11. Non è proprio una sorpresa, e sicuramente la stragrande maggioranza dei PC moderni hanno hardware a 64 bit. Molte distribuzioni Linux hanno già abbandonato l'hardware a 32 bit, negli ultimi anni. 

Eliminare dall'equazione le CPU a 32 bit, di contro, offre a Microsoft l'opportunità di perseguire obiettivi più ambiziosi. Il che è una buona notizia, tranne per quelle (poche) persone che dovranno cambiare computer. 

Internet obbligatorio

Potete scommettere che gli utenti faranno di tutto per evitare di usare un account Microsoft.

Un altro dettaglio importante è che, almeno per Windows 11 Home, sarà necessario avere una connessione a Internet e un account Microsoft, per la prima installazione e l'attivazione. 

Con Windows 10 invece è possibile installare offline con un account locale, ma questa possibilità resta solo per gli utenti di Windows 11 Pro. 

Microsoft afferma che questa scelta rende Windows 11 un sistema operativo migliore e più connesso, ma siamo sicuri che migliaia di persone in tutto il mondo lo vivranno come una tremenda seccatura (persino come una violazione della privacy). 

Potete scommettere che gli utenti faranno di tutto per evitare di usare un account Microsoft.

Per non parlare del fatto che non tutti hanno a disposizione una connessione veloce. Molte aree del mondo, anche in Italia, o non sono coperte o hanno una copertura inadeguata. 

Ma chissà, magari sarà proprio Windows 11 a spingere la diffusione della banda larga - cosa di cui potremmo solo essere grati. 

Valerio Porcu

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di TechRadar Italia.