Skip to main content

Portatile per studenti: quali caratteristiche considerare e quali evitare

Portatile per studenti: quali caratteristiche considerare e quali evitare
(Image credit: Shutterstock)

L'acquisto di un PC portatile per studenti può diventare un bel guaio se non si conoscono le specifiche più rilevanti per questa classe di prodotti. In prossimità della riapertura delle scuole, molti venditori mettono in saldo tutti i notebook che non sono riusciti a vendere nel corso dell’anno sotto un’unica campagna promozionale e, spesso, molti di quei modelli non sono necessari per l’uso scolastico. 

Molti ritengono che sia necessario acquistare un prodotto con un processore di ultima generazione o con il più ampio spazio di archiviazione possibile, ma in realtà ci sono altre aree sulle quali conviene concentrarsi. 

Ciò non significa che questi parametri non siano importanti, ma non è certo necessario acquistare un Ultrabook. In effetti, anche un modello più vecchio e meno costoso potrebbe rivelarsi un buon acquisto. I notebook per la scuola, in genere, non dovrebbero costare più di 600-700 euro; non saranno performanti quanto un portatile da gaming, ma soddisferanno comunque le vostre esigenze.

A nostro avviso, un portatile per la scuola dovrebbe avere un SSD da almeno 256 GB (bastano anche 128 GB se c’è uno slot microSD), 8 GB di RAM e un processore Intel Core i5 o AMD Ryzen 5.

Come trovare il miglior portatile per la scuola?

Quando comincerete a cercare il portatile per la scuola, rimarrete letteralmente spaesati dal mare di offerte e possibilità che incontrerete. Non vi preoccupate, è normale e non sarete gli unici a rimanere perplessi. 

Come accennato, vi consigliamo di seguire queste linee guida per acquistare un notebook performante, ma poco costoso: per un modello Windows 10, cercate qualche portatile con processore Intel Core i5 o AMD Ryzen 5, 8 GB di RAM e 256 GB di SSD (256 GB sembrano pochi, ma basta una comune chiavetta USB per risolvere il problema). 

Per i Chromebook, invece, la scelta è molto più banale: spesso presentano processori ARM, chip poco performanti e a basso consumo, quindi se il modello che vi interessa ha una CPU Intel, non avrete problemi. Occorre valutare con attenzione soprattutto le dimensioni e il peso del dispositivo, nonché la durata della batteria, la tastiera e le opzioni di archiviazione disponibili. Analizziamo questi punti passo dopo passo.

Dimensioni

  • 11 pollici: un po' troppo piccolo per la maggior parte degli utenti, bambini inclusi
  • 14 pollici: la dimensione migliore per la scuola
  • 15,6 pollici: lo schermo è ampio, ma probabilmente il portatile risulterà pesante

Se portate il notebook con voi tutto il giorno, di sicuro non vi conviene acquistare modelli da 17 pollici: pesano troppo, hanno un’autonomia mediocre e costano parecchio. Gli studenti universitari dovrebbero valutare l’acquisto di un notebook da 14 pollici o, caso “estremo”, un modello da 15,6. Anche i portatili da 13 pollici sono una valida opzione, ma sconsigliamo di scendere oltre questa soglia per l'uso quotidiano. A quel punto vi converrebbe acquistare uno dei migliori tablet.

Autonomia

  • Almeno 10 ore
  • I Chromebook offrono un'eccellente autonomia 
  • MacBook Air (M1) ha una durata della batteria eccezionale, ma costa parecchio

Se avete intenzione di portare il notebook all’università, vi conviene acquistare un modello con un’autonomia al top. In breve, dovrete cercare le recensioni del prodotto cui siete interessati e verificare se resiste almeno 9-10 ore con una sola carica (se supporta la ricarica rapida è ancora meglio). Perché? Meno accessori portate con voi, più la borsa sarà leggera e le spalle ringrazieranno.

Apple MacBook Air (M1), ad esempio, è noto per la sua eccellente autonomia e, sebbene costi molto più dei portatili che normalmente consigliamo, il suo valore di rivendita è abbastanza alto. Detto ciò, si possono trovare portatili con una durata della batteria eccellente anche sotto i 600 euro, non temete. 

Ci riferiamo in particolare ai Chromebook, dispositivi che, in genere, durano almeno 10 ore. Acer Chromebook 314, ad esempio, è durato per oltre 12 ore nei nostri test e ha offerto prestazioni soddisfacenti. Portatili come Acer Swift 3 o Acer Aspire 5 sono modelli da considerare se preferite il sistema operativo di Microsoft.

Tastiera

  • Assicuratevi che abbia sei file di tasti
  • Meglio un modello con tastiera retroilluminata
  • Date un’occhiata alle recensioni

Un portatile per la scuola necessita di una buona tastiera. Consigliamo anche di optare per modelli con supporto alla retroilluminazione, tasti ampi e ben distanziati, e una corsa abbastanza lunga. 

Una buona tastiera fa la differenza nel quotidiano, quindi leggete bene le recensioni per evitare brutte sorprese. Vi consigliamo anche di notare se la tastiera è composta da 6 fila di tasti: alcuni portatili da 14 pollici mancano della fila con i tasti numerici; non è la fine del mondo, ma è un dettaglio da tenere a mente. Nel peggiore dei casi, potreste dover acquistare un modello da 15,6 pollici come Asus Vivobook S15, che è relativamente leggero (1,7 Kg) e vanta una tastiera di tutto rispetto (i tasti hanno una corsa di 1,4 mm). 

Spesso, i portatili più piccoli rinunciano alla tipica riga F dei comandi; non è la fine del mondo, ma è un altro dettaglio da tenere a mente. Acer Swift 3 (2020), al contrario, è uno dei pochi modelli dotati di una tastiera completa (ha anche una buona autonomia) e la corsa dei tasti è di circa 1,3 mm, quindi la digitazione risulta comoda. Sul versante dei Chromebook, possiamo consigliare Asus Flip C302 o Acer Chromebook 314.

Spazio di archiviazione

  • Serve un SSD da almeno 256 GB 
  • I Chromebook offrono meno spazio di archiviazione
  • Un maggior spazio di archiviazione ha senso solo per chi lavora con programmi creativi

Di solito, uno storage da 256 GB dovrebbe essere più che sufficiente per uno studente, ma la musica cambia se si lavora su file multimediali. Un file di testo difficilmente raggiunge 1 MB di spazio, ma video e immagini sono un’altra storia. Coloro che lavorano a questi tipi di progetti dovrebbero optare per configurazioni con SSD da almeno 512 GB. D’altro canto, chi ha acquistato un abbonamento per lo storage online o dispone di una scheda microSD e di una chiavetta particolarmente capienti può dormire sonni sereni. 

Chi ha esperienza con i Chromebook sa perfettamente a cosa ci riferiamo, inoltre questa è una buona opportunità per investire in notebook con tastiera e autonomia migliori. Fino a quando gestirete al più file di testo e qualche immagine, non avrete grossi problemi con modelli da 256 GB.