Skip to main content

Motorola Razr 2020 ha un design iconico, basterà per renderlo il pieghevole definitivo?

Motorola Razr 2020
(Image credit: Motorola)

Il Motorola Razr 2020 risolve molti dei difetti del Razr 2019 originale, ma per la maggior parte degli utenti si tratta comunque di un dispositivo troppo costoso per sceglierlo come sostituto di un classico smartphone. Un vero peccato, essendo uno smartphone che una volta aperto fa sempre la sua bella figura.

Ha un costo davvero demoralizzante di 1.599 euro, il che lo pone in una fascia di prezzo fuori dalla portata della maggioranza dei consumatori. Viviamo in un'epoca in cui il design di praticamente tutti gli smartphone è ormai visto e rivisto, e a suo tempo il Razr 2019 ci aveva offerto una prospettiva nuova e alternativa sul mondo della telefonia, nonostante presentasse degli aspetti migliorabili.

Ecco, Razr 2020 ha risolto molti di questi aspetti. Il meccanismo per chiudere e aprire il pieghevole è stato perfezionato, e ora lo spazio tra i due schermi è praticamente inesistente, più sottile di un foglio di carta, secondo quanto afferma la stessa Motorola. Il design è complessivamente più raffinato, la fotocamera da 48 MP è stata migliorata, la batteria da 2.800 mAh ha una portata maggiore, e c'è il supporto 5G

Con questi miglioramenti, Razr 2020 è senz'altro un candidato migliore per competere con i migliori top di gamma del momento, anche se non è ancora esattamente all'altezza. La domanda è: il meccanismo pieghevole unico nel suo genere di Razr riesce a compensare le altre mancanze per un confronto diretto con i migliori smartphone del momento?

Beh, io penso di no. Acquistando un Razr dovrei rinunciare al comparto fotografico d'eccezione di Samsung Galaxy S20, all'esclusivo pennino di Note 20, o al software della fotocamera di Pixel 4, tutte funzionalità che potrei ottenere spendendo decisamente meno. Senza considerare che potrei acquistare uno smartphone come OnePlus 8 o iPhone 11, entrambi con specifiche simili a Razr 20 ma disponibili alla metà del suo prezzo.

Il rapporto qualità-prezzo conta, soprattutto in questo momento storico, e gli smartphone pieghevoli spesso potrebbero non essere la scelta migliore in termini di utilità per l'utente medio. Vale la pena spendere di più semplicemente per un fattore di forma più compatto? O siete il genere di utenti disposto a spendere addirittura di più per un pieghevole come Samsung Galaxy Z Fold 2, che una volta aperto addirittura raddoppia di dimensioni?

Sicuramente per alcuni utenti a cui piace esprimere la propria personalità tramite lo smartphone può valerne la pena, ma per un consumatore medio le funzionalità sicuramente hanno un peso maggiore nella scelta del nuovo telefono. C'è anche da dire che comunque il prezzo dei pieghevoli ultimamente si sta leggermente ridimensionando, e questa potrebbe essere l'occasione giusta per ripensarci, almeno per alcuni, ma si tratta semplicemente di una questione di punti di vista: in molti sono disposti a spendere un centinaio di euro in più per comprare le versioni 'Plus', ma in quanti spenderebbero anche più di 200 euro in più per acquistare uno smartphone dalle specifiche comparabili a quelle di un altro top di gamma solo per il fattore di forma?

I prezzi dei pieghevoli continuano a rimanere alti, e vale la pena tenere in considerazione quelli che sono i fattori che fanno lievitare il prezzo degli smartphone, ma per i quali vale davvero la pena spendere in più. Un aumento di prezzo per un fattore di forma innovativo può avere senso, ma solo se il prezzo finale complessivo rimane accessibile.