Skip to main content

Microsoft inizia a premere per il passaggio a Windows 11

Windows 11
(Image credit: Microsoft)

Microsoft ha reso disponibile un nuovo aggiornamento di Windows 10 (KB5005463) che include l'app di Controllo Integrità PC. Da quanto si apprende sul sito del produttore gli utenti Windows 11 non saranno costretti a scaricare l'aggiornamento. 

L'applicazione in questione serve a verificare se il dispositivo che state utilizzando soddisfa i requisiti per il passaggio a Windows 11 ma, come ben sappiamo, date le severe restrizioni imposte dal produttore, molti portatili e PC non sono compatibili anche se equipaggiati con componenti recenti di fascia medio alta.

Si può scegliere... almeno per ora

OnMST specifica che l'app si aggiornerà automaticamente, scelta che potrebbe rivelarsi comoda per alcuni, ma risulterà tediosa per chi sa già di non poter effettuare il passaggio al nuovo OS.

Fortunatamente l'aggiornamento rilasciato da Microsoft è opzionale, quindi potete ignorarlo e impedire al vostro PC di scaricarlo disattivando gli aggiornamenti automatici. 

Windows ha dichiarato quanto segue:

“Questo aggiornamento installa l'app di Controllo Integrità PC su con Windows 10 2004 e successivi. Tuttavia, non chiederemo di installare l'app sui PC con Windows 11. Controllo Integrità PC include degli strumenti diagnostici per monitorare lo stato del dispositivo e risolvere problemi di sistema per migliorare le prestazioni". 


Analisi: le solite politiche Microsoft?

(Image credit: Microsoft)

Nonostante le parole rassicuranti di Microsoft, prevediamo che le richieste di aggiornamento diventeranno più pressanti nei prossimi mesi o anni. 

A rigor di logica, se l'app di Controllo Integrità PC è davvero uno strumento di "monitoraggio della salute del dispositivo e risoluzione dei problemi per migliorare le prestazioni" perché non promuoverne il download anche su Windows 11?

Ci sono molte buone ragioni per attendere prima di passare a Windows 11. Basti pensare ai problemi prestazionali delle CPU AMD Ryzen nel gaming i ai dispositivi perfettamente funzionanti privi di moduli TPM 2.0 (Trusted Platform Module) che risultano incompatibili con il nuovo OS.

Anche non considerando la compatibilità hardware, non c'è alcun bisogno di affrettarsi a passare a Windows 11 dato che Windows 10 sarà supportato fino al 2025. 

Detto questo, Microsoft è conosciuta per essere particolarmente pressante quando si tratta di promuovere i suoi prodotti (come sanno tutti gli utenti Windows che non usano Edge), quindi la scelta di includere un'app di controllo per la compatibilità con Windows 11 in un update Windows 10 fa sorgere qualche dubbio.

Anche se in questo caso si tratta di un aggiornamento opzionale, siamo certi che nei prossimi anni Microsoft farà di tutto per convincere gli utenti Windows 10 a passare a Windows 11 prima del 2025. 

Jess Weatherbed

Jess is TechRadar's Computing writer, covering hardware, PC gaming and peripherals. She also likes to dabble in digital art and can often be found playing games of both the PC and Tabletop variety, occasionally streaming to the disappointment of everyone.