Skip to main content

iPhone, la metà degli iPhone in circolazione già usa iOS 13, mentre Android 10 è ancora un miraggio

(Image credit: Future)

La nuova versione del sistema operativo di Apple per gli iPhone, iOS 13, presentato assieme a iPhone 11,  e che è disponibile da meno di un mese, ha già raggiunto un tasso di adozione del 50%, come confermato da Apple stessa.

I dati sono ancora più impressionanti, se si va ad analizzare il modo in cui Apple ha suddiviso i tassi di adozione. Sebbene la metà di praticamente tutti gli iPhone in circolazione abbia già effettuato l'aggiornamento al nuovo sistema operativo, se consideriamo soltanto gli iPhone usciti negli ultimi quattro anni, la percentuale di adozione risulta più alta, raggiungendo il 55% (con un 38% di questi che è rimasto a iOS 12). Per cui, a prescindere dalle modalità di misurazione, il tasso di adozione è senz'altro elevato. 

Alcuni dispositivi più vecchi non possono avere l'aggiornamento a iOS 13, per cui il fatto che Apple sia riuscita a raggiungere una percentuale complessiva pari al 50% è un traguardo notevole.

Per quanto riguarda iPadOS, il nuovo sistema operativo sviluppato appositamente per gli iPad, la situazione è un po' peggiore. Infatti solo il 33% degli iPad  ha effettuato l'aggiornamento. La percentuale sale al 41% per glli iPad usciti negli ultimi
quattro anni. Una possibile spiegazione risiede nel fatto che gli iPad hanno un ciclo di aggiornamenti diverso, per cui è possibile che in circolazione ci sia un numero più elevato di iPad vecchi che non possono effettuare l'aggiornamento.  

Facilità di adozione

L'elevato tasso di adozione di Apple iOS 13 è facilitato anche dallo stretto controllo che l'azienda di Cupertino ha sull'architettura e sull'uscita dei dispositivi con iOS. Fate un confronto con Android: nel caso del SO di Google, Big G può anche pubblicare un aggiornamento come Android 10,  ma gli utenti non possono aggiornare finché il nuovo sistema operativo non viene adottato dai produttori dei dispositivi e, in alcuni casi, dagli operatori telefonici. Questo causa ritardi di mesi, addirittura si sfiora un anno di ritardo, in certe situazioni. 

Diversi utenti stanno effettuando l'aggiornamento, nonostante stiano emergendo dei problemi con iOS 13. In questo caso, evidentemente, le nuove caratteristiche compensano ampiamente il rischio di problemi. iOS 13 ha introdotto una modalità scura che può rivelarsi utile agli utenti che hanno iPhone X o iPhone XS, caratterizzati da un display OLED. iOS 13 vede anche l'arrivo di Apple Arcade e ovviamente, gli iPhone 11 arrivano sul mercato con iOS 13 a bordo. 

Adesso rimane da vedere quanto veloce sarà l'adozione della beta di iOS 13.2 che porterà Deep Fusion per la fotocamera di iPhone 11. 

Via: 9to5Mac