Skip to main content

Il vostro prossimo laptop Intel potrebbe essere 5G-compatibile grazie a MediaTek

(Image credit: Shutterstock)

Se avete sentito parlare di MediaTek, probabilmente è stato in relazione agli smartphone di fascia media come il Motorola One Maco o l’Oppo Reno Z. Tuttavia, l’ azienda taiwanese produttrice di chip è presente ovunque o, nello specifico, su tutti i  dispositivi Amazon Echo… pertanto, fondamentalmente, si trova dappertutto.

Non soddisfatta di essersi intrufolata nelle case di tutto il mondo, adesso che il 2019 volge al termine, MediaTek punta ai laptop 5G e agli smartphone 5G di fascia alta.

A partire dai laptop, MediaTek si prepara a entrare nel mercato PC, dopo aver annunciato una partnership con Intel. L’azienda offrirà a Intel i propri modem 5G e, in cambio, dividerà con i produttori di computer portatili i frutti della collaborazione che si prevede giungerà sul mercato intorno al 2021.

Non è la prima volta che vediamo computer dotati di connettività cellulare, basti pensare ai dispositivi connessi con chip Qualcomm, come ad esempio l’HP Envy X2 del 2018.

Dopo aver esaminato quella generazione di Windows 10 sui dispositivi Snapdragon, tuttavia, era chiaro che la connettività comprometteva le prestazioni.

È già il momento di entusiasmarsi? 

Ciò che rende la partnership di MediaTek diversa (e interessante) è il fatto che, fornendo i modem 5G e consentendo a Intel di focalizzarsi sulla realizzazione dei suoi processori già testati e comprovati, i margini di errore dovrebbero ridursi.

Di conseguenza, possiamo aspettarci un Windows pienamente FAT e velocità dati elevatissime quando è disponibile il segnale 5G. E addio al tethering e alla caccia alle reti Wi-Fi, così come alla latenza nel gaming online da dispositivi mobili.

Dell e HP dovrebbero essere tra i primi a produrre laptop con chip Intel e modem MediaTek, quindi è il caso di tenerle d’occhio.

Smartphone 5G 

Anche gli smartphone avranno l’accesso al 5G, grazie al nuovo chipset dedicato di MediaTek, il già annunciato Dimensity 1000. Ciò potrebbe dare il via a una nuova ondata di modelli 5G di fascia alta più economici, osservando anche la storia dell’azienda, da sempre focalizzata sul valore.

L’aspetto più interessante di questo chipset 5G è il fatto che supporta l’aggregazione dual-carrier in 5G. In altre parole, è in grado di agganciare due reti 5G e sommarne le rispettive velocità, consentendo download fino a 4,7 Gbps. Di conseguenza, scaricare un film in 4K da 100 GB richiederebbe solo 21 secondi!

Con un’architettura a 7 nm, MediaTek afferma che il Dimensity 1000 offrirà una maggiore efficienza energetica rispetto ad altri SoC 5G, nonché il supporto dei sensori fotocamera da 80 MP e l’elaborazione delle immagini mediante IA. Inoltre, si tratta del primo chip al mondo a integrare una GPU Arm Mali-G77, pertanto dovrebbe garantire prestazioni di alta fascia per il gaming sugli schermi con refresh rate fino a 120 Hz.

Fortunatamente, non dovremo attendere il 2021 per vedere il Dimensity in azione, dato che il lancio dei primi telefoni 5G dotati del processore di punta di MediaTek è previsto per il primo trimestre del 2020. Sebbene non sappiamo quali smartphone integreranno il Dimensity 1000, gli attuali partner di MediaTek includono Motorola, Oppo e Sony, pertanto punteremmo tutto su di loro.