Skip to main content

Black Shark 3 potrebbe essere il primo smartphone con 16GB di RAM

Black Shark 2 (foto sopra) potrebbe avere un successore molto potente (Image credit: TechRadar)

Ad oggi la quantità massima di RAM di uno smartphone è 12GB, ma questa situazione potrebbe presto vedere una svolta: secondo alcune indiscrezioni, il telefono da gaming Black Shark 3 di Xiaomi disporrà infatti di ben 16GB di memoria.

Questo è quanto ha lasciato trapelare Sudhansu, leaker conosciuto su Twitter per il suo  palmarès invidiabile. Tuttavia, se Black Shark 3 sarà il primo cellulare a integrare tanta RAM o meno, dipenderà dalla data d’uscita Le indiscrezioni su questo smartphone si susseguono ormai da tempo e, considerando il suo predecessore rilasciato nel marzo dello scorso anno, è probabile che arriverà presto, plausibilmente in occasione del prossimo MWC 2020.

Indipendentemente dal quantitativo di memoria, questo smartphone dovrebbe farne buon uso poiché i telefoni da gaming necessitano di tutta la potenza possibile e così tanta RAM abbinata a un chipset di fascia alta (come lo Snapdragon 865 che, probabilmente, verrà adottato) potrebbe avvicinare il gaming su smartphone a quello su console. 

Black Shark 3, inoltre, sempre seguendo le indiscrezioni, dovrebbe offrire la connettività 5G che, combinata alle precedenti caratteristiche, potrebbe portare questo dispositivo a superare i futuri top di gamma Samsung (Samsung Galaxy S20) e OnePlus (OnePlus 8 Pro), nonostante il prezzo inferiore.

L’estetica da ‘gaming’ del Black Shark 3 potrebbe non piacere a tutti, tuttavia questo modello potrebbe essere il punto di riferimento del mercato dei telefoni da gioco nel 2020.

Se il nuovo smartphone di Xiaomi dovesse arrivare davvero con 16GB di RAM, la concorrenza dovrebbe proporre specifiche simili.

Nonostante si tratti solo di un rumor, si tratta di un passo avanti inevitabile rispetto all’attuale massimo di 12GB. Perciò, anche potrebbe risultare eccessivo per la maggior parte degli utenti, ci aspettiamo che molti telefoni di fascia alta inizino a offrire la stessa specifica entro la fine dell’anno.

Fonte: GSMArena