Skip to main content

Apple estende il programma di riparazione ai MacBook M1

MacBook repair
(Immagine:: Apple)

Da domani i possessori di MacBook M1 che risiedono negli Stati Uniti potranno accedere a manuali, componenti e strumenti per riparare autonomamente i loro portatili, che si tratti di MacBook Air o MacBook Pro

Al momento non è possibile effettuare operazioni simili sui più recenti MacBook M2, ma Apple ha confermato che il programma verrà esteso a tutti i portatili della linea MacBook entro la fine del 2022.

Apple ha lanciato il suo programma "Apple Repair" nel mese di aprile, mettendo a disposizione dei suoi utenti manuali e attrezzatura per gli smartphone delle serie iPhone 12iPhone 13 e iPhone SE.

Da domani, presso gli Apple Store e sul sito ufficiale Apple saranno disponibili i kit di riparazione per MacBook Air M1 e MacBook Pro M1, come confermato da Apple stessa:

"Il servizio di riparazione self-service per MacBook Air e MacBook Pro offre oltre una dozzina di kit di riparazione diversi per ciascun modello per riparare il display, il coperchio superiore, la batteria e il trackpad, e ce ne sono altri ancora in arrivo". 

(Image credit: Apple)

Oltre a vendere parti di ricambio e strumenti di riparazione per i MacBook sullo Store, Apple consentirà di noleggiare dei kit di riparazione per una settimana al prezzo di 49 dollari.

L'azienda di Cupertino ha inoltre affermato che intende ritirare le parti sostituite o danneggiate dei MacBook M1 per ricondizionarle e riciclarle, dando ai clienti un indennizzo sotto forma di crediti da spendere sullo Store.

Stando a quanto comunicato da Apple, il programma di riparazione degli iPhone verrà esteso ai clienti europei entro la fine dell'anno. Questo vuol dire che nel giro di qualche mese vedremo arrivare i kit di riparazione Apple anche in Italia.

Marco Silvestri
Senior Editor

Marco Silvestri è Senior Editor che lavora con Techradar Italia dal 2020. Appassionato di fotografia e gaming, ha assemblato il suo primo PC all'età di 12 anni e, da allora, ha sempre seguito con passione l'evoluzione del settore tecnologico. Quando non è impegnato a scrivere guide all'acquisto e notizie per Techradar passa il suo tempo sulla tavola da skate, dietro la lente della sua fotocamera o a scarpinare tra le vette del Gran Sasso.