Ecco perchè Apple non utilizzerà Google Gemini (e non è solo una questione di privacy)

Apple Google
(Immagine:: Shutterstock)

Apple, uno dei primi sostenitori dell'IA e dell'apprendimento automatico, è senza dubbio indietro rispetto a quasi tutti gli altri quando si tratta di IA generativa, motivo per cui posso quasi credere alle voci secondo cui Apple sarebbe pronta a collaborare con Google, spesso rivale e costante partner di ricerca, per concedere in licenza i potenti modelli Gemini di quest'ultimo per le attività di IA basate sull'iPhone.

Posso quasi crederci, ma ci sono molte ragioni per cui alla fine non ci credo.

Innanzitutto, però, ricordiamo come Apple abbia prima corso e poi inciampato per raggiungere una posizione tutt'altro che marginale nel mercato dell'IA.

Se pensate che tutto sia iniziato con Siri, vi sbagliate. Quando gli ho inviato un'e-mail per informarlo dell'indiscrezione, l'analista Apple e presidente di Creative Strategies Tim Bajarin mi ha ricordato Knowledge Navigator, un concetto di motore di ricerca basato su agenti software del 1987, non del tutto dissimile da un chatbot di IA, che ha anticipato gli assistenti vocali digitali come Siri, che Apple ha lanciato quasi 25 anni dopo. Apple ha pensato a queste cose per molto tempo.

Siri è stato probabilmente il primo assistente vocale digitale su telefono e, per un attimo, è stato davvero impressionante. Tuttavia, nonostante i numerosi trapianti di cervello e l'abilità di Apple nell'utilizzare l'intelligenza artificiale, le reti neurali e l'apprendimento automatico per qualsiasi cosa, dalla gestione della batteria al completamento automatico e all'elaborazione delle foto, Siri ha presto ceduto la pole position ad Amazon Alexa e Google Assistant. 

Quando siamo arrivati all'era dell'IA generativa, Apple è stata inspiegabilmente assente, non offrendo nulla di degno dell'IA generativa alla WWDC 2023 e facendo invece un gran parlare di un costoso auricolare per la realtà mista. Certo, l'Apple Vision Pro è un'eccellente distrazione ma, a causa del suo prezzo e del fatto che si indossa sul viso, è improbabile che abbia lo stesso impatto di un consistente aggiornamento dell'IA.

Questa partnership vi sembra reale?

Dall'estate abbiamo sentito voci (anche da Mark Gurman di Bloomberg) che Apple stava lavorando duramente al Project Ajax, che potrebbe includere qualcosa chiamato Apple GPT (IA generativa di origine domestica basata su prompt) e forse alcuni modi per accedere all'LLM (modello linguistico di grandi dimensioni) di vostra scelta da vari partner.

Credo che sia opinione comune che la WWDC di quest'anno sarà al 90% dedicata all'intelligenza artificiale. Apple non può permettersi di deludere.

Tuttavia, l'ultima voce di Gurman, secondo cui Apple potrebbe semplicemente concedere in licenza la potente intelligenza artificiale multimodale Gemini di Google per varie operazioni a bordo dell'iPhone, non regge del tutto, almeno per me.

Innanzitutto, l'unica parte di Gemini che soddisfa i rigidi parametri di Apple in materia di privacy è Gemini Nano. Può essere eseguito localmente e, come ha chiarito qualche anno fa il responsabile dell'intelligenza artificiale di Apple John Giannandrea, qualsiasi altro modo di esecuzione è "tecnicamente sbagliato". Non credo che Giannandrea abbia improvvisamente cambiato idea e voglia consentire l'uso di modelli Gemini più potenti sull'iPhone, quando tutti avranno bisogno dell'accesso al cloud per funzionare.

Tuttavia, Gemini Nano è così limitato (suggerimenti di testo, controllo grammaticale, riassunto) che non fornirà nulla di simile al salto generazionale di cui Apple e il suo prossimo iPhone hanno bisogno.

DIY

Non sto dicendo che Apple non collaborerebbe mai con Google. La ricerca sull'iPhone viene effettuata in modo predefinito su Google perché il gigante della ricerca paga ad Apple miliardi ogni anno. È un affare fantastico per Apple, ma credo che l'azienda vorrebbe avere un proprio motore di ricerca (nel corso degli anni sono circolate voci sul tentativo di costruirne uno).

C'è un motivo per cui esiste Apple Maps, che utilizza anche l'intelligenza artificiale di Apple. Credo che sia un punto d'orgoglio per Apple che, dopo un lancio disastroso nel 2012, abbia aggiornato, iterato e migliorato Apple Maps fino a quando le sue imbarazzanti origini erano un lontano ricordo.

È lo stesso motivo per cui Chrome non è il browser web predefinito dell'iPhone. Ad Apple piace costruire le cose da sola, soprattutto per il controllo completo che ne deriva.

L'intelligenza artificiale è probabilmente l'innovazione più importante della nostra vita e credo che Apple voglia avere il suo posto su quella targa commemorativa. Se concede in licenza Google Gemini su scala, i suoi sforzi di IA generativa non si riprenderanno più. L'enorme base di utenti di Apple farebbe inoltre salire Gemini ben oltre GPT di OpenAI, CoPilot di Microsoft e LLaMA di Met.

Bajarin, tuttavia, la vede diversamente. Egli sottolinea il costo della realizzazione di una potente architettura di IA generativa. Per questo motivo, la scorciatoia offerta dall'utilizzo di queste "architetture di base per l'intelligenza artificiale" potrebbe essere difficile da contrastare.

C'è anche un aspetto fondamentale per cui Apple non può competere con Google: "Anche se Apple avesse il suo modello di livello Gemini, probabilmente non avrebbe l'infrastruttura per servire la sua enorme base di clienti", ha detto Bajarin in un'e-mail.

Forse non si tratta di infrastrutture o di avere una base solida su cui Apple potrebbe costruire un modello su misura (si pensi al fatto che Apple Silicon è costruito sulla base di ARM). Forse si tratta di una decisione finanziaria.

Seguire il denaro

Gurman ipotizza che Apple e Google potrebbero agire in questo modo per ristabilire l'equilibrio nel caso in cui l'Unione Europea costringa Apple a disinvestire da Google Search e lasciare che i consumatori scelgano l'opzione predefinita. A parte la confusione e la frustrazione che ciò potrebbe causare, ci sono i miliardi di mancati introiti che Apple dovrebbe recuperare. Certo, Google potrebbe pagare una cifra simile per avere la sua AI Gemini in primo piano sull'iPhone.

Tuttavia, tutto questo non ha senso per me.

L'obiettivo di Apple con l'iPhone 16, l'iOS 18 e i futuri iPhone è quello di differenziare i suoi prodotti dai telefoni Android. Vuole che le persone cambino e lo faranno solo se vedranno un vantaggio tangibile. Se gli strumenti generativi dell'iPhone sono gli stessi di Google Pixel 8 Pro (e 9) o di Samsung Galaxy S24 Ultra (e S25 Ultra), perché cambiare?

Ho sentito dire che Apple ha incontrato diverse aziende di intelligenza artificiale (mentre ne acquisisce costantemente di più piccole). Credo che l'obiettivo sia imparare come fanno loro e aggiungere tutto ciò che manca agli sforzi di Apple in materia di IA per raggiungere non solo la parità, ma anche superare la concorrenza in materia di IA, tra cui Google Gemini.

Lance Ulanoff
Editor At Large

A 38-year industry veteran and award-winning journalist, Lance has covered technology since PCs were the size of suitcases and “on line” meant “waiting.” He’s a former Lifewire Editor-in-Chief, Mashable Editor-in-Chief, and, before that, Editor in Chief of PCMag.com and Senior Vice President of Content for Ziff Davis, Inc. He also wrote a popular, weekly tech column for Medium called The Upgrade.


Lance Ulanoff makes frequent appearances on national, international, and local news programs including Live with Kelly and Ryan, the Today Show, Good Morning America, CNBC, CNN, and the BBC.