Quanto deve essere luminoso un TV?

LG C3 OLED TV showing orange butterfly onscreen
(Immagine:: Future)

Quanto deve essere luminoso un televisore? Molti dei migliori televisori recenti sono accomunati dal miglioramento della luminosità: anche i migliori televisori OLED superano la luminosità dei modelli dell'anno scorso fino al 40%. Un esempio lampante è il Samsung S95C, il QD-OLED di punta dell'azienda, che migliora il suo predecessore S95B sotto diversi aspetti.

Ma la luminosità è il fattore più importante quando si parla di qualità dell'immagine? E perché mai dovreste volere che lo schermo del vostro televisore sia incredibilmente luminoso? 

Samsung S95C OLED TV smart TV interface

(Image credit: Future)

Guardare la TV in piena luce

Affrontiamo prima la seconda domanda. Un'elevata luminosità dello schermo è utile per la visione in ambienti in cui è presente un elevato livello di illuminazione proveniente da lampade, luci frontali e finestre non coperte. In queste situazioni, la luminosità aggiuntiva aiuta a ridurre l'effetto negativo della luce riflessa sullo schermo - altrimenti noto come abbagliamento dello schermo - e a rendere dinamici i punti salienti dell'immagine. 

In un ambiente simile, un televisore con un'emissione luminosa più limitata avrà un aspetto relativamente scialbo e, a meno che non sia dotato di un rivestimento antiriflesso - caratteristica tipicamente riservata ai modelli di fascia più alta - si possono notare riflessi dello schermo che distraggono e oscurano i dettagli e che possono ulteriormente attenuare l'impatto dell'immagine, aumentando il livello di luminosità nelle parti scure dell'immagine.

L'elevata luminosità dello schermo è utile anche per dare risalto ai dettagli salienti nei film e negli spettacoli televisivi in 4K con un'elevata gamma dinamica. Molti programmi in HDR, sia su disco che dai servizi di streaming, sono masterizzati per 1.000 nits di luminosità di picco, anche se alcuni possono avere picchi di luminosità ancora più elevati, fino a 4.000 nits. 

Se il televisore non è in grado di visualizzare completamente i contenuti che si estendono nell'intervallo di 1.000 nits o superiore (tipicamente le luci bianche brillanti come la luce del sole riflessa sull'acqua), utilizzerà la "mappatura dei toni" per ridimensionare i picchi di luminosità dell'immagine a un livello che possa gestire. Con un televisore in grado di visualizzare picchi di luminosità superiori a 1.000 nits, invece, la mappatura dei toni non verrà utilizzata e lo stesso programma avrà un aspetto più naturalmente dinamico e ad alto contrasto.

Samsung S90C on a wooden table

(Image credit: Future)

Quanta luminosità è abbastanza?

Passiamo ora alla questione se la luminosità sia il fattore più importante per la qualità dell'immagine. Abbiamo già stabilito i vantaggi di una luminosità elevata per la visione in ambienti luminosi e per catturare i dettagli salienti dell'HDR. Tuttavia, quando si guarda in un ambiente poco illuminato o buio, non c'è bisogno di un picco di luminosità elevato e un televisore troppo luminoso può affaticare gli occhi. 

Mi è venuto in mente questo scenario leggendo la recensione di John Archer, collaboratore di TechRadar, del Samsung S90C, un modello QD-OLED di fascia bassa della gamma dell'azienda che ha una luminosità di picco inferiore rispetto all'ammiraglia S95C. Per citare la recensione di John: "...posso effettivamente immaginare che alcuni appassionati di home theater, in particolare quelli che amano guardare i film in ambienti bui, preferiscano potenzialmente l'aspetto leggermente più delicato e meno esplosivamente dinamico delle immagini dell'S90C a quelle dell'intensissimo S95C".

Questa prospettiva rispecchia le mie esperienze durante la recensione del TCL QM8, un televisore in grado di raggiungere i 2.321 nit nella modalità Movie. Quando guardavo film e programmi televisivi in una stanza oscurata, la luminosità del TCL mi sembrava eccessiva: dovevo abbassare l'impostazione del 50% rispetto a quella massima per poter vedere comodamente. Con il nuovo livello di luminosità, l'immagine del televisore ha mantenuto la sua qualità dinamica e non mi sono mai sentito penalizzato nella visione di contenuti con HDR.

Per me la conclusione è che un televisore in grado di gestire circa 1.000 nit dovrebbe andare bene nelle condizioni di illuminazione "da teatro" in cui di solito scelgo di guardare, cioè senza lasciare che la luce del sole entri e sbiadisca l'immagine. Con i suoi 1.100 nits di picco di luminosità, credo che il Samsung S90C sia perfetto per essere collocato nel mio home theater. Inoltre, quando ho recensito l'LG C3 OLED, un televisore che, con i suoi 830 nits di luminosità di picco, si colloca all'estremità inferiore della mia gamma di luminosità target, ho riscontrato un'ottima qualità complessiva delle immagini, con un contrasto particolarmente incisivo grazie ai neri perfettamente profondi dell'OLED.

Ci sono differenze significative tra gli OLED ad alta luminosità come il Samsung S95C e i modelli con un'emissione luminosa più modesta come l'LG C3? A parte il fatto che l'S95C è in grado di reggere bene come un modello mini-LED in ambienti luminosi, in alcuni programmi si dovrebbe notare un livello più fine di dettagli delle alte luci. Ciò dipende dalla situazione di mappatura dei toni discussa in precedenza: i televisori più luminosi hanno meno bisogno di ricorrere alla mappatura dei toni quando visualizzano programmi con HDR.

TCL QM8 showing image of sunset on water

(Image credit: Future)

Schermo intero

Oltre alla luminosità di picco, un'altra specifica dei televisori rilevante per questa discussione è la luminosità a schermo intero, che viene misurata utilizzando una finestra bianca che copre il 100% dello schermo. Come ci si potrebbe aspettare, i TV mini-LED come i modelli TCL e Hisense sopra citati superano la concorrenza in questa specifica, con entrambi i modelli che offrono una luminosità a schermo intero nell'intervallo 700-750 nits rispetto ai 260 nits che ci si può aspettare dagli OLED di fascia alta come il Samsung S95C.

Il vantaggio del Mini-LED in termini di luminosità a schermo intero garantisce che i contenuti con molte aree luminose nell'immagine (ad esempio gli sport) appaiano molto luminosi anche in ambienti ben illuminati, superando anche i riflessi più difficili. Anche in questo caso, però, abbiamo un esempio di come l'estrema luminosità non sia tutto quando si parla di TV. Gli oggetti tipici delle immagini HDR - un'auto rossa, un volto umano - si collocano nella gamma di 1-250 nit. Un buon TV OLED è in grado di coprire facilmente questo valore in piccole aree, mentre i modelli OLED di punta, come il Samsung S95C, sono in grado di gestirlo sull'intera area dello schermo.

Conclusioni

Riassumendo, avere a disposizione un'elevata luminosità del televisore è molto utile per la visione in ambienti ben illuminati o per la visione diurna degli sport. La luminosità a schermo intero fa un'enorme differenza per evitare che i riflessi superino ciò che si sta cercando di guardare.

Ma i televisori che offrono un'emissione luminosa più modesta, ad esempio nell'ordine dei 1.000 nit, sono più che adeguati per la visione di programmi con HDR in ambienti con poca luce, e saranno abbastanza belli anche con le luci alzate, soprattutto se hanno un rivestimento dello schermo antiriflesso. 

Qualsiasi luminosità al di là di questo valore è la ciliegina sulla torta, e contribuirà a dare un'ultima spinta alla qualità dell'immagine durante la visione in qualsiasi condizione di illuminazione, anche se la stanza è inondata dalla luce del sole.

Al Griffin
Senior Editor Home Entertainment, US

Al Griffin has been writing about and reviewing A/V tech since the days LaserDiscs roamed the earth, and was previously the editor of Sound & Vision magazine. 


When not reviewing the latest and greatest gear or watching movies at home, he can usually be found out and about on a bike.