Skip to main content

Xiaomi e Leica fanno squadra per sbaragliare la concorrenza

Xiaomi
(Image credit: Shutterstock / zhangjin_net)

Xiaomi e Leica, noto produttore di fotocamere tedesco, hanno stipulato un accordo a lungo termine e inizieranno a lavorare insieme da luglio 2022.

Fino a qualche anno fa i top di gamma Huawei della serie P erano indiscutibilmente i migliori cameraphone (opens in new tab) in commercio, con modelli come P20 Pro e i successivi P30 Pro e P40 Pro che hanno occupato stabilmente la testa delle classifiche di settore.

Il segreto alla base delle capacità fotografiche dei top di gamma Huawei consisteva nella partnership con Leica, che con la sua esperienza decennale nel settore ha aiutato il produttore nello sviluppo di comparti fotografici eccellenti. 

In seguito al ban di Google, l'azienda cinese ha subito un duro colpo e le vendite dei suoi smartphone sono scese vertiginosamente, tanto da spingerla a rinunciare all'ormai insostenibile collaborazione con Leica.

Ora che le due aziende si sono separate, Xiaomi, che da anni lotta con Apple per ottenere il secondo posto tra i maggiori produttori a livello globale, ha colto la palla al balzo stipulando un contratto con il noto produttore di fotocamere.

Xiaomi

(Image credit: Xiaomi)

Xiaomi e Leica inizieranno a lavorare insieme da luglio 2022 e il primo smartphone figlio della collaborazione dovrebbe essere il top di gamma Xiaomi 12 Ultra. Per ora non si conoscono i dettagli dell'accordo, ma in teoria dovrebbe comportare miglioramenti sia in termini di componenti hardware (come sensori e lenti), sia sul lato software con l'aggiunta di modalità di scatto e filtri personalizzati.

Detto questo, guardando alla collaborazione passata tra Leica e Huawei, siamo convinti servirà qualche tentativo prima che Xiaomi possa raccogliere i frutti del suo investimento.

Se finora Xiaomi si è limitata a inseguire i cameraphone Samsung, Apple e Huawei, nei prossimi anni i top di gamma dell'azienda cinese potrebbero diventare tra gli smartphone più ricercati dai fotografi.


With contributions from