Skip to main content

Surface Pro 7 e Surface Laptop 3, aggiornamento firmware per aumentare l'autonomia

(Image credit: Future)

Il Surface Pro 7 e il Surface Laptop 3 sono tra i prodotti più interessanti tra quelli usciti negli ultimi tempi. Disponibili da oggi, Microsoft celebra la giornata con un aggiornamento del firmware che, tra le altre cose, dovrebbe aumentare l'autonomia. 

Forse è un po' presto per avere un Surface Pro 7 scontato, ma comunque sta arrivando il Black Friday. Tenete d'occhio TechRadar per non perdervi le migliori offerte. 

Che si tratti di problemi da risolvere o di "veri miglioramenti", Microsoft ha pubblicato diversi ritocchi per il Surface Pro 7, compreso questo per la batteria, e un aggiornamento dei driver Realtek che dovrebbe migliorare il funzionamento di Cortana. 

Microsoft ammette che ci sono alcuni problemi da risolvere, segnalati da alcuni tra i primi utilizzatori. "Stiamo ascoltando. La qualità è la nostra prima priorità, e vogliamo tenervi informati sui problemi che possono influenzare l'esperienza dei clienti".

Differenze tra Intel e AMD

Quanto al Surface Laptop 3, l'aggiornamento del firmware è diverso se si tratta della versione con CPU Intel oppure quella con processore AMD. 

In entrambi i casi l'update dovrebbe aumentare l'autonomia, come sul Surface Pro 7 e migliora l'integrazione dei vari servizi.

La differenza, invece, è che con i dispositivi basati su Intel c'è un nuovo driver grafico per la GPU Intel Iris Plus Graphics, anch'esso mirato a far durare di più la batteria.

Chi ha un Surface Laptop 3 con processore AMD, invece, riceve un aggiornamento per ‘Surface Hot Plug – System devices’ e ‘Surface Hid Mini Driver’. Entrambi dovrebbero aumentare l'affidabilità, secondo Microsoft. 

Gli aggiornamenti per il Surface Pro 7 sono stati pubblicati ieri e dovrebbero essere già disponibili per tutti. Quelli per il Surface Laptop 3 dovrebbero uscire oggi. 

Come con tutti i Surface, anche in questo caso gli aggiornamenti saranno rilevati e installati automaticamente; ma è possibile controllare manualmente tramite Windows Update. 

Via Thurrott.com