Skip to main content

Samsung è al lavoro sullo schermo perfetto da 10.000 PPI

Wikipedia
(Image credit: Wikipedia)

Una delle cose che infastidisce maggiormente gli appassionati di realtà virtuale che utilizzano un visore è probabilmente quello che viene definito “screen door” o effetto porta. Viene chiamata in questi termini la distanza tra i pixel che è tipicamente possibile vedere guardando uno schermo da vicino. Essendo un limite dell’attuale tecnologia display, Samsung e Stanford University (CA, USA) stanno lavorando ad una innovativa tecnologia OLED che potrebbe risolvere il problema. Infatti, se riuscissero a implementarla in uno schermo commercializzabile, cambierebbe completamente le carte in tavola nel settore dei display. Attualmente quello di Dell UP3218K (LED, 8K) è lo schermo di grandi dimensioni con la maggiore densità di pixel e raggiunge un valore pari a 280 PPI (punti per pollice), mentre Sony Xperia XZ Premium (LED, 4K) è lo smartphone con il maggior numero, riuscendo a toccare un picco di 800 PPI. La nuova tecnologia in via di sviluppo sarebbe in grado di raggiungere il valore sbalorditivo di 10.000 PPI e ciò favorirebbe anche e soprattutto la costruzione di visori VR, come Oculus Rift e Oculus Quest 2, anche se potrebbe essere implementata su qualsiasi tipo di dispositivo, basti pensare a come sarebbe un TV da 100 pollici con una tale densità di pixel.

La tecnologia OLED di nuova generazione utilizzerebbe pellicole per emettere luce bianca tramite ondulazioni di dimensioni nanometriche, tra gli strati riflettenti, uno d'argento e un altro in metallo riflettente. Grazie alla variazione delle proprietà riflettenti, questa pseudo superficie ottica permetterebbe ai diversi colori di attraversare i pixel con una densità molto maggiore di quelle disponibili al momento per gli OLED RGB, ma senza danneggiare il display come accade sui TV OLED (effetto burn in). Utilizzando questo tipo di display nei visori VR si avrebbe una visione impeccabile e molto più realistica di quella disponibile oggi. Certamente richiederebbe anche notevoli avanzamenti nel livello di prestazioni di calcolo grafiche, ma permetterebbe un ulteriore balzo in avanti nel settore della grafica fotorealistica. Samsung è al momento una delle società che all’avanguardia nel settore dei display e lavora costantemente per mantenere la propria leadership, perciò è già all’opera per realizzare uno schermo con l’utilizzo della neonata tecnologia OLED da 10.000 PPI. Chissà quando sarà possibile ammirare uno di questi schermi innovativi.

Fonte: ENGADGET