Skip to main content

Samsung inarrestabile, tutti vogliono i suoi schermi OLED

Un tecnico Samsung al lavoro su un pannello OLED
Un tecnico Samsung al lavoro su un pannello OLED (Image credit: Samsung)

Con l'arrivo del Samsung Galaxy Note 20, Samsung ha introdotto schermi OLED con frequenza adattiva, cioè con una tecnologia chiamata Adaptive Frequency. Una soluzione che aiuta a ridurre i consumi dello schermo, e altri produttori di smartphone sembrano interessati a usarla.

Samsung infatti ora fornisce schermi OLED a Oppo e OnePlus. La prima delle due è il più grande produttore per volume di vendita in Cina, e usa gli schermi OLED sul recente Oppo Find X3. "Oppo ha rilevato una riduzione dei consumi fino al 46%", si legge in un comunicato stampa di Samsung. 

Troviamo un pannello Samsung da 6,7" anche sull'imminente OnePlus 9 Pro.

Samsung Display è già in trattative con altri produttori di smartphone interessati ai nuovi schermi OLED a basso consumo. 

Adaptive frequency, cos'è e come funziona

La tecnologia Adaptive Frequency può modificare la frequenza di aggiornamento dello schermo, a seconda di cosa si sta facendo. Con frequenza più basse, scende anche il consumo energetico dello schermo. 

La soluzione di Samsung può arrivare a valori molto bassi, anche 10 Hz, con massimi di 120 Hz all'altro estremo. Ciò significa che il risparmio energetico può essere significativo. 

"Ci aspettiamo che lo schermo OLED a basso consumo di Samsung Display renda possibili, su OnePlus 9 Pro, nuove opzioni di risparmio energetico e un'esperienza generale più ecocompatibile", ha dichiarato Oliver Zhang di OnePlus. 

Pare inoltre che anche Apple abbia scelto Apple per lo schermo di iPhone 13

Valerio Porcu

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di TechRadar Italia.