Skip to main content

Pagare in Bitcoin con il vostro iPhone? Ora potete farlo

Bitcoin
(Image credit: Shutterstock / REDPIXEL.PL)

Ora, i proprietari di dispositivi Apple possono usare Bitcoin e altre criptovalute per acquistare beni e servizi, grazie a un nuovo accordo con BitPay, azienda focalizzata sui pagamenti tramite blockchain.

Il servizio di pagamenti mobili Apple Pay ora supporta le carte BitPay, che convertono le criptovalute in valute "standard" per i pagamenti.

Come dichiarato da BitPay in un post sul blog, i clienti saranno in grado di effettuare acquisti in app, tramite sistemi contactless e online in Bitcoin, utilizzando smartphone, tablet, computer e smartwatch Apple.

Inoltre, le carte di debito BitPay consentono di effettuare pagamenti con una vasta gamma di altre criptovalute, come Bitcoin Cash (BCH) e Ether (ETH), nonché le cosiddette "stablecoin" USD Coin (USDC), Pax Standard (PAX) e Binance USD (BUSD).

Secondo BitPay, la struttura si prepara anche a servire gli utenti Android entro la fine del trimestre, tramite aggiornamenti ai servizi Samsung Pay e Google Pay.

Pagamenti in Bitcoin su iPhone

Una delle maggiori critiche mosse a Bitcoin come nuovo ecosistema di pagamento è il fatto che i detentori hanno pochissime opportunità di spendere la propria criptovaluta, data la scarsità di fornitori che supportano questa tipologia di transazione.

Tuttavia, ora milioni di utenti Apple Pay avranno accesso a pagamenti semplicissimi tramite criptovalute, pertanto l'orizzonte delle possibili transazioni si amplierà notevolmente.

Inoltre, quella di Apple non è l'unica grande tecnologia al lavoro per portare i pagamenti con criptovalute alle masse. A ottobre, anche il gigante dei pagamenti PayPal ha annunciato un nuovo wallet digitale che consentirà ai titolari di conti di acquistare, vendere ed effettuare transazioni con varie criptovalute.

Parlando nello specifico di Bitcoin, tuttavia, resta il problema della volatilità. Al momento della stesura di questo articolo, si prevede che la valuta raggiunga il valore di 50 mila dollari per coin, un aumento notevole dai "soli" 15.500 dollari di metà novembre (un aumento di circa il 225%).

Di conseguenza, chiunque abbia effettuato un pagamento in Bitcoin tre mesi fa, oggi può dire di aver pagato il triplo, secondo la nuova valutazione della criptovaluta. Contemporaneamente, se la valuta digitale dovesse crollare (come è già capitato), gli acquisti effettuati oggi in Bitcoin avverrebbero con un forte sconto.

Per questo motivo, effettuare transazioni con la prima e più famosa criptovaluta al mondo rappresenta un rischio significativo: i titolari dovrebbero adottare particolare cautela e assicurarsi di essere in grado di sostenere possibili perdite.