Skip to main content

OnePlus Concept One: le nostre impressioni sulla fotocamera fantasma

OnePlus concept
(Image credit: Future)

Concept One è il nuovo smartphone di casa OnePlus svelato al CES 2020, ma la possibilità che possiate acquistarlo è senz'altro remota.

L’innovazione che contraddistingue questo dispositivo è rappresentata dall’utilizzo di un vetro elettrocromico in grado di nascondere le fotocamere posteriori quando non si scattano foto e conferire uniformità al colore nero opaco presente su parte del pannello posteriore.

OnePlus ha integrato in Concept One la stessa tecnologia usata dalle auto moderne per rendere trasparenti i tettucci apribili. In parole povere, ogniqualvolta si apre l’app della fotocamera, della corrente viene fatta passare attraverso il vetro per renderlo trasparente; in tutti gli altri casi, questo si opacizza in modo da nascondere gli obiettivi

Immagine 1 di 2

(Image credit: Future)

Vetro opaco quando l’app della fotocamera non è aperta… 

Immagine 2 di 2

(Image credit: Future)

...e obiettivi ben visibili quando l’app della fotocamera è attiva.

Il vetro elettrocromico non rappresenta una novità assoluta, in quanto viene già utilizzato nei treni ad alta velocità e nei finestrini degli aerei; la vera sfida consisteva nel renderlo abbastanza piccolo da essere applicato anche negli smartphone. Il pannello di vetro elettrocromico presente su Concept One è spesso soltanto 1,3 mm

Poiché si tratta di una soluzione ancora in fase sperimentale, OnePlus Concept One non è attualmente sul mercato. Allo stesso modo, è improbabile che il vetro elettrocromico venga implementato su OnePlus 8 di quest’anno o su altri smartphone di fascia alta.

Da come abbiamo avuto modo di vedere, il vetro funziona egregiamente e il passaggio da opacità a trasparenza avviene molto rapidamente (OnePlus afferma che questo richieda solo 0,7 secondi).

L’effetto visivo che si genera salta subito all’occhio dell’osservatore; purtroppo, però, OnePlus non è riuscita ad unire l’utile al dilettevole: a nostro avviso, l’azienda cinese dovrebbe concentrare i propri sforzi nel cercare di apportare migliorie al comparto fotografico o riuscire a far accendere e spegnere il vetro sopra la fotocamera frontale, in modo da ridurre il gap con la concorrenza e ritagliarsi un posto nell’Olimpo degli smartphone.

A discolpa dell’azienda cinese, facciamo notare che lavorare sulla parte frontale dello smartphone implicherebbe la difficoltà extra di interferire con lo schermo.

(Image credit: Future)

OnePlus considera l’innovazione della fotocamera fantasma un banco di prova per il futuro: perché nascondere solo tre obiettivi, anziché sette o, addirittura, otto? Lo scopo dell’azienda cinese è quello di opporsi al settetto di fotocamere presente su Nokia 9 PureView.

OnePlus ha fatto esperienza dello scetticismo che ha travolto altri produttori, sotto accusa per l’eccessivo affollamento di obiettivi presenti sul modulo fotografico; dunque, il vetro elettrocromico è un espediente per rendere i propri smartphone a prova di futuro, evitando critiche di sorta, sebbene sia difficile fare previsioni a riguardo. È l’estetica a farla da padrone, in quanto Concept One non ha ricevuto alcun miglioramento rispetto ad altri modelli recenti di casa OnePlus.

Il meccanismo funziona molte bene: le fotocamere scompaiono, facendo posto (almeno su questo modello) ad una striscia di vetro nero opaco circondata da un rivestimento in pelle color papaya. Inoltre, lo smartphone è realizzato in partnership con McLaren, prendendo spunto dalla tecnologia utilizzata sulla 720S Spider.

A dire il vero, l’uso del vetro elettrocromico al di sopra delle fotocamere non è soltanto una mera soluzione estetica: il pannello è dotato di particelle organiche che permettono una variazione graduale della trasparenza, fungendo da filtro polarizzatore, in modo da garantire scatti migliori in presenza di una forte luce.

Potrebbe non trattarsi dell’effetto che la gente cerca, ma siamo comunque dinanzi a una funzione mai vista prima su altri smartphone.

Immagine 1 di 2

(Image credit: Future)
Immagine 2 di 2

(Image credit: Future)

Fortunatamente, l’adozione di un rivestimento posteriore così innovativo (frutto di una combinazione tra ossido di indio-stagno e vetro elettrocromico) non è molto costosa e non influisce negativamente sulla durata della batteria; l’unico ostacolo verso una produzione su larga scala è costituito dalla necessità di condurre test approfonditi.

Se un giorno questo dovesse accadere, gli smartphone OnePlus potrebbero essere dotati di una caratteristica che la maggior parte dei concorrenti potrebbe non avere. Pur non trattandosi di un qualcosa di rivoluzionario per il settore, la fotocamera fantasma potrebbe distinguere i dispositivi dell’azienda cinese dalla massa. Soprattutto se il vetro traslucido dovesse espandersi anche al pannello frontale… 

  • Non perderti neanche una novità da CES 2020 made in Techradar. Parte della nostra redazione è a Las Vegas per tenervi aggiornati sulle ultime novità dal campo dell’informatica, oltre a portarvi recensioni complete praticamente su tutto, da televisori 8K a smartphone di ultima generazione, passando per schermi pieghevoli, portatili e gadget per la casa.