Skip to main content

Microsoft Flight Simulator 2020: AMD, Nvidia e Intel ci vanno a nozze

Microsoft Flight Simulator
(Image credit: Microsoft)

Microsoft Flight Simulato è un gioco eccellente, è secondo Jon Peddie Research porterà grandi benefici a tutto il settore dell'hardware per PC. Oltre a entrare di diritto nella lista dei migliori giochi per PC, infatti, il nuovo titolo Microsoft sembra destinato a far aumentare le vendite di processori, schede video e tutto il resto necessario per assemblare un PC gaming.

Per arrivare alla sua conclusione JPR ha analizzato la comunità dei giocatori e i fan dei giochi di simulazione, determinando tre livelli di "attività economica" e creando così altrettanti gruppi: Entry-Level, Mid-Rand e High-End. In tutti i casi si tratta di quelle persone che aggiornano il proprio PC da gaming per renderlo più performante e adatto ai giochi più recenti, e lo fanno un po' più spesso degli altri. 

La società di ricerca ha presto come dato di partenza 2,27 milioni di copie vendute per Fligh Simulator 2020, entro i prossimi tre anni. Questo porterà all'acquisto di nuovo hardware con lo specifico obiettivo di migliorare l'esperienza di gioco con questo titolo, per una spesa totale stimata pari a 2,6 milioni di dollari. La cifra sarà ancora più alta, considerando l'intero ciclo di vita del gioco. 

"I simulatori di volto hanno richieste molto alte quanto a potenza di calcolo, e sono molto premianti se entrano in gioco alte risoluzioni, schermi grandi e Realtà Virtuale", ha affermato Ted Pollak (Senior Analyst Gaming Industry). "Quando esce un nuovo simulatore di volo, l'hardware necessario per eseguirlo con la massima qualità nemmeno esiste. Questo crea una situazione di costante domanda per il nuovo hardware, durante gli anni in cui il gioco esiste e i fan cercano la migliore esperienza possibile".

A conferma di quanto suggerito, una recente analisi di Tom's Hardware definisce Flight Simulator 2020 "uno dei giochi più esigenti attualmente esistenti"; l'articolo sottolinea inoltre che anche il più potente dei processori abbinato a una GeForce 2080 Ti non riesce a tirare fuori il massimo da questo gioco.

Jon Peddie, presidente dell'omonima società di ricerca, aggiunge che "Intel e AMD trarranno i maggiori benefici da Microsoft Fligh Simulator 2020, considerato quanto questo gioco pesa sulla CPU. Si può ottenere un buon framerate solo quando i calcoli fisici sono completati, e le simulazioni hanno bisogno che la CPU esegua più calcoli sulla fisica e sull'ambiente rispetto ai giochi ordinari. Chi gioca alla simulazione sanno che cambiare la CPU non è sempre semplice, quindi tendono a pagare per avere i modelli migliori".

"Anche Nvidia, AMD e Intel trarranno benefici dal gioco Microsoft, per quanto riguarda la scheda video (NdR, le schede gaming di Intel ufficialmente ancora non esistono), perché la GPU è necessaria per la grafica ad alta risoluzione".

Tutti i produttori di PC e quelli di accessori, poi, avranno la possibilità di avere una fetta della torta creata da Microsoft.