Skip to main content

Intel raggiunge il traguardo dei 7nm, le CPU Meteor Lake arriveranno nel 2023

Intel Arizona Fab
(Image credit: Intel)

Intel ha annunciato Meteor Lake, la prima serie di processori costruiti con il processo produttivo a 7nm che arriverà sul mercato nel 2023.

Si era già parlato dei processori Meteor Lake (intravisti nel codice Linux), e alcune fonti sostenevano che sarebbero arrivati in una finestra compresa tra la fine del 2022 e l'inizio del 2023, ipotesi che oggi viene confermata da Intel stessa.

L'annuncio è arrivato in occasione dell'evento Intel ‘Unleashed: Engineering the Future’, dove il nuovo direttore esecutivo Pat Gelsinger ha chiarito alcuni punti importanti per i prossimi anni, tra cui il raggiungimento del nodo produttivo a 7nm che sarà alla base della produzione dei futuri prodotti Intel.

Gelsinger ha rilasciato alcune dichiarazioni per chiarire i passaggi che hanno portato a questo risultato: “Abbiamo riarchitettato e semplificato il flusso del nostro processo a 7 nanometri, incrementando del 100% l'uso di EUV (litografia all'ultravioletto estremo)".

“Sfruttando la linea produttiva a 7nm, stiamo portando avanti lo sviluppo di nuovi data center e CPU - a cominciare dai ‘Meteor Lake,’ il nostro prodotto client di punta per il 2023. Ci aspettiamo che la produzione dei chip Meteor Lake inizi nel secondo trimestre di quest'anno.”

Essenzialmente, le affermazioni di Gelsinger indicano che nel Q2 2021 Intel dovrebbe completare la "compute tile" dei suoi Meteor Lake, per poi lavorare sugli altri blocchi e avere un prodotto finito entro il 2023. Intel dovrebbe sta già lavorando anche sui data centre Granite Rapids 7nm, che dovrebbero arrivare insieme alle CPU client.

I nuovi processori saranno basati su un design modulare simile alle CPU Alder Lake e utilizzeranno un mix di core Ocean Cove e Gracemont (mentre le CPU Alder Lake sono basate su Golden Cove e Gracemont). Per la produzione dei processori Intel potrà contare sulla tecnologia Foveros, che consente di unire elementi creati su diversi nodi produttivi in un unico chip.

Anche se nel complesso si tratta di ottime notizie per Intel, l'azienda ha impiegato più del previsto a raggiungere i 7nm, a differenza di AMD che da tempo utilizza questo nodo produttivo. 

Una produzione a due teste

Anche se Intel afferma che produrrà la maggior parte dei suoi chip nel 2023, l'azienda ha chiarito che la produzione di alcuni processori verrà affidata a TSMC. 

Non sappiamo se questo discorso riguarda i chip da 7nm, ma sia i processori consumer che i data centre verranno in parte prodotti da TSMC.

Per fare il punto della situazione, Intel sta per lanciare i processori Rocket Lake (prodotti a 14nm) e Alder Lake (10nm), entrambi in arrivo entro l'anno, e con i Meteor Lake (7nm) previsti per il 2023, rimangono diversi interrogativi sui progetti dell'azienda per il 2022.

Il prossimo anno potremmo assistere all'arrivo di un refresh dei processori Alder Lake (Raptor Lake), o perlomeno questa è la teoria più accreditata al momento. Se cosi fosse, i Raptor Lake apparterrebbero alla tredicesima generazione e i Meteor Lake alla quattordicesima, mentre la quindicesima generazione sarebbe costituita dai Lunar Lake che dovrebbero arrivare nel 2024.

Ovviamente fare delle previsioni a lungo termine in questo momento storico è azzardato, e non ci sono garanzie che Intel riesca realmente a rispettare questa roadmap. 

Fonte: Tom’s Hardware