Skip to main content

I QD-OLED di Sony sono i 'migliori TV 4K' del 2022

Value Electronics 2022 TV
(Image credit: Value Electronics)

Da quasi vent'anni Value Electronics, storico negozio specializzato in sistemi audiovisivi situato alle porte di New York, conduce un "TV Shootout" per decretare i migliori televisori dell'anno. 

La competizione si basa sui pareri espressi da un gruppo di tester specializzati in ambito audio / video che vengono messi di fronte ai migliori TV 4K del momento per decidere quale sia il modello più valido.

Quest'anno, l'onore è toccato a Sony che si è portata a casa il primo premio con l'ottimo A95K QD-OLED.

Del 2022 il test condotto da Value Electronics si è ampliato e include un premio dedicato ai TV 8K, che quest'anno è stato assegnato al modello Z2 OLED 8K di LG.

TV 4K in gara:

  • LG G2 Gallery Series OLED
  • Samsung QN95B Quantum Dot mini-LED
  • Samsung S95B QD-OLED
  • Sony XR-A95K QD-OLED (vincitore)
  • Sony XR-X95K mini-LED

TV 8K in gara:

  • LG Z2 OLED (vincitore)
  • Samsung QN900B Quantum Dot mini-LED
  • Sony XR-Z9K mini-LED TV

Value Electronics TV shootout

TV Shootout 2022 (Image credit: Value Electronics)

Per offrire una valutazione equa, ogni televisore viene regolato da un esperto di calibrazione TV prima dell'inizio della competizione. I televisori vengono poi affiancati da un monitor di riferimento professionale Sony da 32 pollici e ricevono una serie di input attraverso una rete di distribuzione video condivisa. Questa disposizione consente ai tester di valutare i televisori simultaneamente; una volta finiti i test, i voti vengono sommati per determinare il vincitore in ogni categoria.

Le valutazioni vengono effettuate su contenuti standard ad alta definizione visualizzati sia in un ambiente luminoso che in un ambiente buio e su contenuti 4K ad alta gamma dinamica (HDR) visualizzati in un ambiente buio. Durante i test HDR viene anche effettuata una "mappatura dei toni" per ciascuna scena, ovvero vengono verificate le prestazioni del TV con programmi HDR alla massima luminosità possibile.

La tecnologia QD-OLED è la migliore in assoluto?

Il TV Sony QD-OLED ha ottenuto il primo posto in quasi tutte le categorie di test del Value Electronics Shootout, seguito a ruota dal modello S95B QD-OLED di Samsung. Questo risultato evidenzia l'enorme potenziale della tecnologia QD-OLED, che combina le migliori qualità dell'OLED con la tecnologia Quantum Dots utilizzata dai TV QLED.

Anche l'OLED G2 di LG ha ottenuto risultati vicini a quelli del TV Sony. Questo fa capire come un buon OLED "classico" rappresenti comunque un'opzione validissima, soprattutto se si parla di modelli come il G2 e il C2 di LG che utilizzano pannelli "evo" ad alta luminosità. 

Non a caso, LG G2 ha battuto il Sony A95K in termini di picco di luminosità e di dettaglio dell'immagine nel test 4K.

Al contempo il modello LG Z2 OLED ha vinto nella categoria 8K, a dimostrazione del fatto che i pannelli OLED possono essere ampliati a risoluzioni e dimensioni ancora più elevate (lo Z2 è disponibile solo nelle opzioni da 77 e 88 pollici) mantenendo comunque un vantaggio sui migliori TV QLED.

L'aspetto davvero interessante che emerge dai risultati del test è il prezzo. Il pluripremiato Sony XR-A95K nel formato da 65 pollici ha un prezzo di ben 3.499 euro ed è uno dei televisori 4K più costosi che si possano acquistare, il che non sorprende visto che utilizza una tecnologia di visualizzazione di nuova generazione. 

Al contrario il Samsung S95B nello stesso formato ha un prezzo di soli 2.600 dollari e, visti gli ottimi risultati che ha ottenuto, risulta la migliore opzione se si valuta il rapporto qualità prezzo. 

Va specificato che i televisori testati sono i migliori per ciascuna categoria, quindi rappresentano il top offerto dai singoli brand. Del resto, per un uso domestico non è assolutamente necessario spendere cifre simili e si possono acquistare TV di pari dimensioni a prezzi decisamente inferiori portandosi a casa modelli validissimi senza investire un capitale.

Marco Silvestri
Marco Silvestri


With contributions from