Skip to main content

Google I/O 2020, l'ingresso all'evento diventa una lotteria: biglietti da oltre $1000.

Mountain View Headquarters
(Image credit: Google)

Il Google I/O 2020, la conferenza annuale per gli sviluppatori tenuta dal colosso americano delle ricerche, si terrà dal 12 e il 14 maggio allo Shoreline Amphitheater in Mountain View. La data è stata scoperta a gennaio, quando l’azienda ha pubblicato un puzzle criptico sui social che è stato risolto in meno di 24 ore.

Le registrazioni sono finalmente aperte e, come gli anni precedenti, i biglietti non sono economici. Il prezzo di aggira attorno ai €1060 ($1150), tuttavia esistono degli sconti riservati a studenti e docenti che riducono il prezzo a €345 (375$). Avrete tempo fino al 25 febbraio per poter provare ad aggiudicarvene uno ma non c’è fretta, in quanto i fortunati verranno scelti casualmente. Il 26 febbraio Google invierà una email ai “prescelti” contenenti i biglietti acquistati.

Attenzione: in caso decidiate di provare ad aggiudicarvi un biglietto, tenete presente che Google congelerà il denaro sul vostro conto o carta di credito come pre-autorizzazione. In caso non foste scelti il denaro verrà ovviamente reso nuovamente disponibile.

Il palco del Google I/O ha sempre dato spazio a grandi annunci. Dalla presentazione di una nuova versione di Android, a nuovo hardware, passando per servizi cloud e nuove app. Lo scorso anno Google ha annunciato Nest Hub Max e i primi smartphone Pixel di fascia media, Pixel 3a e Pixel 3a XL. Scavando più indietro nella memoria ricordiamo i Chromebook Pixel, Chromecast e Nexus Q (mai giunto sul mercato).

Quest’anno ci aspettiamo l’annuncio di Pixel 4a, 4a XL e l’arrivo sul mercato delle Pixel Buds True Wireless, presentate durante l’evento Google a New York accanto a Pixelbook Go e Pixel 4 e Pixel 4 XL.

Il primo giorno di Google I/O viene inaugurato dal tradizionale keynote che riassume tutte le novità che l’azienda vuole annunciare al pubblico che guarderà l’evento in streaming da casa e agli sviluppatori e giornalisti sul posto. Delle aree demo sono a disposizione dei presenti e numerose sessioni approfondite si terranno nei giorni successivi.

Fonte: AndroidCentral