Skip to main content

Coronavirus, Google chiude temporaneamente gli uffici cinesi

(Image credit: N/A)

Google sta chiudendo temporaneamente tutti i suoi uffici in Cina a causa dell'epidemia di coronavirus, come confermato ieri dalla stessa azienda. La chiusura comprende tutti gli uffici nella Cina continentale, nonché gli uffici di Google a Hong Kong e Taiwan.

Attualmente, gli uffici sono chiusi per le vacanze del Lunar New Year, una misura adottata dal governo cinese per contribuire a ridurre la diffusione del virus incoraggiando i residenti a rimanere all'interno ed evitare i viaggi.

Bisogna fermare il contagio

Un portavoce di Google afferma che la compagnia ora prevede di tenere chiusi i suoi uffici secondo le indicazioni del governo, e ha anche posto delle restrizioni temporanee ai viaggi d'affari verso la Cina continentale e Hong Kong. La compagnia sta inoltre fornendo consulenza ai dipendenti attualmente in Cina o/e che hanno familiari di ritorno dal paese; dovranno rientrare il prima possibile e lavorare da casa per almeno 14 giorni, dalla data di partenza.

La mossa segna l'ultima escalation nello sforzo dell'industria tecnologica per mitigare i rischi legati al virus, che secondo i funzionari sanitari ha avuto origine nella città cinese di Wuhan e che ha causato almeno 132 morti e oltre 6.000 casi confermati. A causa degli stretti legami dell'industria tecnologica con la Cina, il più grande mercato Internet e hub di produzione del mondo, i dipendenti viaggiano regolarmente da e verso la Cina e quasi tutte le principali aziende del settore hanno uffici nel paese.

Google non gestisce importanti servizi web nel paese asiatico a causa delle tensioni storiche con il governo cinese, ma la società vi mantiene comunque quattro uffici. Non solo, molti dipendenti del colosso di Mountain View soggiornano in Cina per controllare e collaborare alla produzione di molti dispositivi come gli smartphone Pixel o gli altoparlanti Google Home.

Apple e Facebook hanno entrambe limitato i viaggi dei dipendenti in Cina, questa settimana. L'amministratore delegato di Apple, Tim Cook, lo ha annunciato durante la conferenza degli utili con gli investitori, ieri. Apple ha anche affermato di aver chiuso almeno un negozio in Cina, di misurare regolarmente la temperatura dei propri dipendenti e di pulire maniacalmente gli spazi di vendita al dettaglio e gli uffici. Google non ha ancora rilasciato una dichiarazione ufficiale relativa al virus.

Numerose altre aziende nei settori dell'elettronica, dell'intrattenimento, della produzione automobilistica e dei trasporti hanno anche iniziato a limitare i viaggi e il soggiorno dei dipendenti, inclusi studi cinematografici e persino parchi a tema Disney. Sia la United Airlines che la American Airlines hanno iniziato a cancellare i voli dagli Stati Uniti alla Cina a causa del forte calo della domanda dei consumatori. Anche British Airways e Lufthansa hanno sospeso tutti i voli per la Cina.

Via The Verge