Skip to main content

Apple Silicon, debutto previsto entro il 2020 su un MacBook da 12 pollici

12-inch MacBook 2017
(Image credit: Future)

Il passaggio di Apple dai processori Intel ai chip ARM è solo questione di tempo, anche se per ora non sappiamo quanto. Per fortuna un nuovo report proveniente da fonti interne ha dato delle indicazioni temporali, parlando di un possibile debutto entro il 2020.

Stando a quanto sostiene The China Times (fonte MacRumors), Apple sfrutterà questa chance per lanciare una nuova gamma di MacBook da 12”, formato scomparso dal catalogo lo scorso anno.

Fonti interne parlano di un processore Bionic A14X con nome in codice Tonga prodotto da TSMC nello stabilimento taiwanese. Stando al report, il chip consentirebbe al nuovo MacBook da 12 pollici di avere un’autonomia compresa tra le 15 e le 20 ore con una carica.  

Lo stesso processore A14X dovrebbe comparire sui nuovi iPad Pro 2020, ipotesi che fa ben sperare i fan che si aspettano di vedere i nuovi modelli entro la fine del 2020. 

ARMati fino ai denti 

Lo stesso report pubblicato da The China Times parla di un nuovo iMac in arrivo entro il prossimo anno, anch’esso equipaggiato con un processore Apple Silicon affiancato da una GPU custom, nome in codice Lifuka.

Con il passaggio ai processori ARM-based, Apple spera di ridurre i consumi e aumentare l’autonomia senza sacrificare le prestazioni. I processori più efficienti dovrebbero inoltre consentire all’azienda di produrre portatili più sottili e leggeri. 

In altri termini, gli iPad e i MacBook di prossima generazione si somiglieranno più che mai. Il passaggio richiederà un grande sforzo da parte degli sviluppatori e potremmo dover aspettare due anni prima di vedere un Mac con processore ARM.

Queste notizie confermano la teoria secondo la quale Apple presenterà due nuovi portatili con CPU ARM entro la fine del 2020. Nessuna conferma rispetto all’uscita di MacBook Pro 16”, che probabilmente richiederà altro tempo prima di raggiungere degli standard prestazionali adeguati.