Skip to main content

Rilasciata la versione beta di Android 11

Android 11 beta
(Image credit: Google)

Da oggi è disponibile per il download la versione beta di Android 11. Per la versione definitiva dovremo invece attendere la fine dell’anno.

Dopo aver annullato l’evento Google IO 2020 previsto per maggio a causa del coronavirus, la società aveva scelto di annunciare la beta di Android 11 durante un evento online fissato per il 3 giugno e successivamente rinviato per le proteste legate al movimento Black Lives Matter.

Alla fine Google ha rinunciato all’evento, scegliendo di annunciare la versione beta di Android 11 agli utenti con video presentazioni e pagine Web dedicate, come spiegato sul suo blog. Per il download diretto della nuova versione di Android potete utilizzare questo link.

Attualmente, la versione beta di Android 11 è disponibile solo per i proprietari di Pixel 2 e versioni successive, escludendo per la prima volta  Google Pixel e Pixel XL. Scelta abbastanza sensata, visto che il team di Android l’anno scorso li rese compatibili con Android 10 (allora chiamato Android Q) solo per soddisfare la richiesta degli utenti. In poche parole, sembra che sia la fine per gli aggiornamenti della linea Pixel originale.

Non pensiate che manchi ancora qualcosa? Esatto, che fine ha fatto Google Pixel 4a? Dopo che l’evento Google IO 2020 è stato cancellato, occasione in cui pensavamo venisse annunciato il nuovo smartphone di fascia media, voci di corridoio lasciavano intendere che sarebbe stato rivelato insieme Android 11, ma niente da fare.

Quali sono le novità di Android 11?

Avevamo già provato l’anteprima per sviluppatori di Android 11 rilasciata alla fine di febbraio. Come vi avevamo precedentemente accennato, Android 11 è in grado di dare una priorità diversa alle varie notifiche, portando in evidenza i servizi di messaggistica in modo che non si perdano. 

(Image credit: Google)

Il menù a tendina avrà una sezione dedicata alle "chat", oltre a scorciatoie per impostare promemoria o addirittura interrompere la conversazione con un "Bubble" pop-out.

Android 11 migliora anche i suggerimenti e gli input della tastiera per facilitare l’utilizzo delle app che supportano la compilazione automatica. Le impostazioni di accessibilità per il controllo vocale vengono migliorate creando specifiche etichette e punti di accesso pertinenti a ciò che viene visualizzato sullo schermo.

Per gli amanti dei dispositivi smart home, o anche solo per configurare auricolari o altoparlanti,  Android 11 integra un hub Device Control, da cui è possibile accedere rapidamente con una pressione prolungata del pulsante di accensione.

Che aggiornamento sarebbe per Android senza modifiche alle impostazioni della privacy? Se gli utenti non utilizzeranno un'app da diverso tempo, Android 11 ripristinerà automaticamente tutte le autorizzazioni precedentemente concesse, chiedendo nuovamente agli utenti le proprie preferenze all’apertura successiva.

In realtà la nuova versione beta di Android 11 offre molto di più, anche se le nuove funzionalità sono principalmente dedicate agli sviluppatori. Se volete scoprirle nel dettaglio, il team di Android ha caricato una serie di video introduttivi su YouTube con tutte le novità della versione beta.

Ecco un’anteprima delle novità offerte per gli sviluppatori Android: