Samsung Galaxy Watch 6 in prova per 24 ore, prime impressioni sulla batteria

Samsung Galaxy Watch 6 stress monitor
(Immagine:: Future / Matt Evans)

Dopo aver trascorso la prima ora con il Samsung Galaxy Watch 6 da 40 mm omaggiatomi al Galaxy Unpacked, sono tornato in ufficio, dove ho caricato completamente l'orologio, l'ho configurato con uno smartphone Samsung e ho continuato la mia giornata. Le mie prime 24 ore con l'orologio hanno incluso circa 30 minuti di configurazione, durante i quali ho scaricato alcune app e sincronizzato il telefono Samsung con lo smartwatch, il primo utilizzo del telefono durante la notte e un allenamento di 35 minuti prima di andare al lavoro il giorno successivo. 

Ho attivato il display always-on, inserito le mie statistiche nell'app Samsung Health, scaricato alcune app tra cui WhatsApp e provato alcune funzioni come lo scanner della composizione corporea e l'app Fotocamera, che utilizza l'orologio come mirino per la fotocamera del telefono. 

Niente di troppo impegnativo per uno strumento così potente. Tra l'altro, la modalità mirino è davvero geniale, molto utile per gli scatti di gruppo. Né Body Comp né l'applicazione Fotocamera sono state utilizzate abbastanza a lungo da causare un significativo consumo di energia.

Samsung Galaxy Z Flip 5 hands on Galaxy Watch 6 remote camera

(Image credit: Future | Alex Walker-Todd)

Gli strumenti per il sonno hanno funzionato come previsto, con molte informazioni interessanti raccolte durante la notte: costanza, cicli di sonno leggero, profondo e REM e qualità complessiva del sonno. Una volta fuori dalla porta di casa, il Samsung Galaxy Watch 6 ha registrato automaticamente 10 minuti di camminata per andare in palestra, ma l'allenamento in palestra si è svolto tutto al chiuso, quindi non ho usato la modalità GPS che consuma la batteria. 

Sono sicuro che alcuni di voi hanno già capito dove voglio arrivare. Nella nostra recensione del Samsung Galaxy Watch 5, avevamo affermato che si trattava di uno smartwatch fantastico che purtroppo era carente dal lato dell'autonomia. Speravo, tuttavia, che un processore aggiornato avrebbe migliorato l'efficienza energetica del Watch 6.

La nostra prima impressione del Samsung Galaxy Watch 6 era che si trattasse di uno smartwatch potente, ma che la batteria poteva essere un problema. Dopo aver fatto la doccia e aver raggiunto l'ufficio, ho guardato l'orologio e i miei peggiori timori sono stati confermati: Ho visto il piccolo indicatore della batteria lampeggiare al 10%, solo 18 ore dopo averlo caricato.

Samsung Galaxy Watch 6

(Image credit: Future)

L'Apple Watch e il Google Pixel Watch hanno entrambi una durata della batteria ridotta, e Samsung ne segue l'esempio. Tuttavia, ha promesso un'autonomia di 30 ore con display always-on, e io ne ho ottenuta a malapena la metà. Alcuni dei migliori smartwatch Fitbit e Garmin offrono almeno una settimana di autonomia con un uso moderato, e a volte anche settimane. 

Non è nemmeno ideale caricarlo di notte, dato che non sfruttereste la tecnologia avanzata di monitoraggio del sonno pubblicizzata da Samsung: questo significa che dovrete toglierlo durante il giorno per caricarlo, su base giornaliera. 

Se siete in campeggio o dimenticate il caricabatterie durante un viaggio, sarete spacciati e lo smartwatch diventerà praticamente inutile. Se si corre o si va in bicicletta per molto tempo e si utilizza la modalità GPS, potrebbe essere necessario caricarlo due volte al giorno. 

Questo potrebbe non essere un problema per chi è abituato alla breve durata della batteria di altri smartwatch, ma è comunque deludente. Penso comunque che il Samsung Galaxy Watch 6 si rivelerà un ottimo smartwatch nel complesso una volta finito di testarlo, e senz'altro disattiverò il display always-on per risparmiare batteria.

Matt Evans
Fitness, Wellness, and Wearables Editor

Matt is TechRadar's expert on all things fitness, wellness and wearable tech. A former staffer at Men's Health, he holds a Master's Degree in journalism from Cardiff and has written for brands like Runner's World, Women's Health, Men's Fitness, LiveScience and Fit&Well on everything fitness tech, exercise, nutrition and mental wellbeing.


Matt's a keen runner, ex-kickboxer, not averse to the odd yoga flow, and insists everyone should stretch every morning. When he’s not training or writing about health and fitness, he can be found reading doorstop-thick fantasy books with lots of fictional maps in them.