Recensione Samsung Q80C

Massima qualità dell'immagine a un prezzo economico

Samsung Q80C showing abstract pattern onscreen
(Image: © Future)

Verdetto

Al Samsung Q80C manca una tecnologia chiave presente nei televisori Samsung di fascia più alta per il 2023, ovvero la retroilluminazione mini-LED. Nonostante il suo status di serie che occupa una posizione intermedia tra i televisori di punta e quelli economici Samsung, i suoi colori Quantum Dot e l'eccellente controllo della luminosità consentono al Q80C di offrire la massima qualità dell'immagine in cambio di un prezzo accettabile.

Pro

  • +

    Immagini HDR luminose e colorate

  • +

    Ottimo controllo della luminosità

  • +

    Buon rapporto qualità-prezzo

Contro

  • -

    Manca il supporto Dolby Vision

  • -

    Angoli di visione limitati

  • -

    Alcune limitazioni minori della retroilluminazione

Perché puoi fidarti di TechRadar I nostri esperti revisori trascorrono ore a testare e confrontare prodotti e servizi in modo che tu possa scegliere il meglio per te. Scopri di più su come testiamo.

Samsung Q80C: recensione breve

Il fatto che Samsung Q80C non utilizzi le tecnologie mini-LED o Quantum Dot OLED non significa che non sia ugualmente un ottimo televisore.

Il suo design è ragionevolmente ben costruito, ma la parte migliore sono le connessioni: come tutti i migliori TV gaming, le sue quattro porte HDMI gestiscono quasi tutte le più recenti funzioni di gioco per console e PC, tra cui il supporto 4K 120Hz, frequenze di aggiornamento variabili e commutazione automatica della modalità a bassa latenza.

Sebbene lo schermo del Q80C non sia dotato delle tecnologie di punta del 2023, utilizza comunque un'illuminazione diretta a LED con local dimming e un sistema di colori Quantum Dot, quindi non si tratta di un prodotto sprovvisto di funzionalità di spicco.

Infatti la qualità dell'immagine del Q80C si rivela eccellente, con contrasto, colore, luminosità e nitidezza in grado di competere con alcuni dei migliori televisori sul mercato.

Il sistema Object Tracking Sound del Q80C associa alle immagini impressionanti suoni potenti che danno la sensazione di provenire dalla parte corretta dello schermo, completando un livello di prestazioni a tutto tondo che fa sembrare economico il prezzo di partenza di 949€.

Samsung Q80C recensione: prezzo e uscita

  • Uscito a giugno 2023
  • Il prezzo parte da 949€ per la versione da 50"
  • E arriva a 5.199€ per la versione da 98"

I TV della serie Samsung Q80C sono stati resi disponibili a partire dall'inizio dell'estate 2023.

Al prezzo di 1.499€, il modello da 65 pollici oggetto di questa recensione è sostanzialmente più economico dei modelli mini-LED di Samsung. Il Samsung QN90C da 65 pollici, ad esempio, costa 2.149€.

Il passaggio dal mini-LED alla vecchia illuminazione LED è accompagnato da una riduzione del numero di zone di regolazione separate che il Q80C utilizza per illuminare le immagini. Tuttavia, il televisore ha ancora il potenziale per essere molto conveniente, soprattutto se si considera la lunga storia di Samsung nell'ottenere ottimi risultati di immagine dai televisori Full-Array con dimmerazione locale (FALD).

Samsung Q80C TV recensione: specifiche

Swipe to scroll horizontally
Tecnologia dello schermo:QLED
Frequenza di aggiornamento:120Hz
Supporto HDR:HDR10+, HDR10, HLG
Supporto audio:Dolby Atmos
Smart TV:Tizen
Porte HDMI:4 x HDMI 2.1

Samsung Q80C back panel ports

Gli ingressi del pannello posteriore includono quattro porte HDMI 2.1 montate lateralmente (una con eARC), un'uscita digitale ottica e una connessione per l'antenna. (Image credit: Future)

Samsung Q80C TV recensione: funzioni

  • TV LED 4K full-array con local dimming
  •  Neural Quantum Processor 4K
  • Quattro porte HDMI 2.1

Il Samsung Q80C non può contare sulla retroilluminazione a mini-LED o sulla tecnologia OLED Quantum Dot, ma può contare su molti assi nella manica, a partire dal prezzo aggressivo per gli standard dei televisori Samsung di fascia media e premium.

Lo schermo utilizza un sistema di illuminazione diretta a LED, ovvero i LED sono posizionati direttamente dietro lo schermo. Questo approccio offre in genere una migliore qualità dell'immagine rispetto all'approccio alternativo che consiste nel posizionare i LED intorno ai bordi dello schermo. Il Q80C supporta l'illuminazione diretta con un sistema di dimmerazione locale, in cui zone separate dei LED possono essere fatte uscire con quantità di luce diverse durante una determinata ripresa per migliorare il contrasto potenziale dell'immagine. Abbiamo contato 96 zone separate nel caso del Q80C: non proprio un numero da primato in un anno in cui i televisori di punta di Samsung raggiungono le 1.920 zone di regolazione separate, ma comunque potenzialmente sufficiente per fare la differenza, soprattutto vista la lunga esperienza di Samsung nel fornire alcuni dei migliori controlli di regolazione locale nel mondo dei TV.

Il pannello del Q80C supporta una frequenza di aggiornamento di 120Hz, ha una risoluzione 4K nativa e utilizza i Quantum Dot per la riproduzione dei colori. I Quantum Dot sono in grado di offrire una maggiore luminosità e toni di colore più raffinati e puliti rispetto al tradizionale sistema di filtri colore RGB che i televisori LCD più economici tendono a utilizzare. 

A supporto delle tecnologie dell'immagine (e, in realtà, dell'audio) del Q80C c'è il più recente Neural Quantum Processor 4K di Samsung: un processore infuso di intelligenza artificiale che si avvale dell'apprendimento automatico per identificare e ottimizzare meglio i diversi tipi di sorgente in tempo reale. L'esperienza suggerisce che questo motore dovrebbe rivelarsi particolarmente efficace nel gestire il sistema di local dimming, l'upscaling delle immagini sub-4K, la nitidezza e il funzionamento del sistema Object Tracking Sound (OTS) dello schermo.

L'OTS è progettato per collocare gli effetti sonori nella giusta posizione sullo schermo, facendo sembrare le colonne sonore più intense e coinvolgenti. Tuttavia, il Q80C dispone solo di una versione cosiddetta "Lite" dell'OTS, che riflette il fatto che i suoi 40 W di potenza totale e il numero di 2,2 canali offrono un effetto OTS più limitato rispetto alla maggiore potenza e al maggior numero di altoparlanti dei televisori Samsung di fascia alta.

Per quanto riguarda l'audio, il Q80C supporta la decodifica di colonne sonore Dolby Atmos (che possono essere trasmesse a soundbar o ricevitori AV tramite HDMI eARC) e la tecnologia Q Symphony di Samsung consente ai diffusori del TV di unirsi a quelli delle recenti soundbar Samsung.

Come di consueto con i TV Samsung, il Q80C supporta i video ad alta gamma dinamica nei formati HDR10, HLG e HDR10+, ma non il popolare formato Dolby Vision. Il supporto all'HDR10+ si estende però alla versione adattiva, in grado di regolare in modo intelligente l'output in base alle condizioni dell'ambiente, e all'implementazione HDR10+ Gaming. 

Le connessioni del Q80C comprendono quattro HDMI, tutte in grado di supportare le funzioni avanzate associate al più recente standard HDMI 2.1, mentre due porte USB si uniscono alla connettività Wi-Fi e Bluetooth integrata per offrire la possibilità di riprodurre file multimediali sul TV.

  • Punteggio funzioni: 4.5/5  

Samsung Q80C showing an abstract pattern onscreen

Una delle numerose opzioni disponibili per la visualizzazione in modalità Ambient (Image credit: Future)

Samsung Q80C TV recensione: qualità dell'immagine

  • Molto luminoso per il prezzo
  • Colori vivaci, ma senza esagerare
  • Nitidezza e dettagli eccezionali in 4K

Con un controllo della luce così avanzato ora disponibile in tutta la gamma di TV Samsung, che si tratti di illuminazione a mini-LED o di Quantum Dot OLED, il passaggio ai normali LED del Q80C e al numero di zone di regolazione relativamente limitato sembrerà un compromesso eccessivo? In realtà, no. In effetti, bastano pochi istanti di visione del Q80C per rendersi conto della qualità di questo televisore.

La sorpresa migliore è la profondità dei livelli di nero del Q80C. Le barre nere sopra e sotto i film in formato panoramico, ad esempio, appaiono di solito immacolatamente nere, anziché grigie o nebulose, anche quando tra di esse c'è una scena HDR molto luminosa.

Le aree scure all'interno dell'immagine, allo stesso modo, sono in grado di fornire toni neri ricchi e profondi convincenti, anche quando condividono lo schermo con scene piuttosto luminose. Ancora meglio, queste aree nere straordinariamente profonde ed efficaci vengono riprodotte senza che il televisore appiattisca i dettagli delle ombre. Le scene scure appaiono così tridimensionali, coinvolgenti e convincenti quasi quanto quelle luminose.

Il Q80C non sfugge completamente a tutti i problemi di controllo della luce che ci si aspetterebbe di riscontrare in un normale televisore LED che utilizza meno di 100 zone di regolazione. Per questo motivo, si può notare una traccia di effetto blooming attorno a oggetti HDR estremamente luminosi, cosa che non accade con i modelli mini-LED di Samsung. L'intensità di questa luce sfuggente, tuttavia, è così debole che in genere la si nota appena, a meno che non la si cerchi attivamente.

Inoltre, quando le aree dell'immagine molto scure condividono lo schermo con più punti luminosi molto forti, in particolare con film o serie TV HDR molto aggressivi, le aree più scure del Q80C possono diventare leggermente grigiastre. Non si tratta di un evidente blooming nel senso tradizionale del termine, in cui si vedrebbero aloni chiaramente definiti attorno a oggetti luminosi che spiccano sullo sfondo, ma il nero inchiostro che lo schermo gestisce con contenuti meno impegnativi scivola in una tonalità meno definita.

Questo problema, tuttavia, non è abbastanza grave da impedire alle immagini del Q80C di apparire sempre convincenti. In breve, il Q80C produce un'esperienza visiva complessiva che, pur non essendo drammatica, dinamica e incisiva come quella dei TV Samsung di fascia alta, è in realtà leggermente più coerente.

Per cercare di definire quanto le immagini del Q80C siano meno drammatiche o incisive rispetto ai modelli mini-LED premium di Samsung, diamo un'occhiata alla luminosità misurata. Su una finestra HDR bianca al 2% dell'area dello schermo, il Q80C ha misurato in modalità Movie 726 nit. Su una finestra del 10%, sempre in modalità Movie, era di 929 nit. E su una finestra del 100% ha raggiunto i 633 nit, ottenuti in modalità Dinamica. Il modello mini-LED QN90C di Samsung, a titolo di confronto, raggiunge picchi di 1.500 nit, 1.800 nit e 602 nit negli stessi tre scenari. Quindi, con tutte le finestre HDR tranne quella a schermo intero, il mini-LED, che vanta anche ben 720 zone di regolazione, offre essenzialmente il doppio della luminosità di picco del Q80C.

Si tratta di una differenza sostanziale, non c'è dubbio. Come abbiamo visto, però, il Q80C compensa parte della riduzione di luminosità offrendo un'immagine probabilmente più coerente e uniforme. La luminosità che mantiene nelle scene HDR luminose a schermo intero consente inoltre di non avere mai la sensazione che le immagini del Q80C siano monotone. Al contrario, sembra che sia più luminoso della maggior parte dei televisori LCD di fascia media.

Se a questa forte luminosità si aggiungono i buoni livelli di nero e i controlli relativamente uniformi della luce, il Q80C produce un'esperienza HDR molto più convincente di quella offerta dalla maggior parte dei concorrenti.

La luminosità del Q80C aiuta anche a dare grande espressione alla sua gamma di colori Quantum Dot. I toni nelle scene luminose appaiono generalmente radiosi, mentre il processore fornisce un controllo della luce e una gamma sufficiente per aiutare la tavolozza dei colori a sbloccare livelli eccezionali di tonalità e sfumature sottili. Nelle aree di miscelazione sottile dell'HDR si notano pochissime bande di colore, come accadeva spesso con i televisori HDR, e i colori delle scene scure evitano l'aspetto sbiadito che possono assumere i televisori di qualità inferiore.

Solo occasionalmente può insinuarsi un po' di blu eccessivo nelle scene che contengono un forte mix di contenuti scuri e chiari, ma anche questo piccolo artefatto tende a scomparire se si utilizzano le modalità Filmmaker. Generalmente il Q80C sembra un prodotto di qualità superiore nel corpo di un televisore di fascia media.

I Blu-ray 4K hanno un'ottima resa, soprattutto considerando il prezzo economico del televisore. Non si ha la sensazione che l'immagine sia eccessivamente nitida o forzata, anche utilizzando il preset predefinito Standard, che spinge la nitidezza più di quanto non facciano le modalità Filmmaker.

La risoluzione regge bene anche quando c'è del movimento nell'inquadratura. Questo vale soprattutto per le impostazioni predefinite di Picture Clarity, che applicano un'interpolazione dei fotogrammi piuttosto pesante ai filmati a 24p. Queste impostazioni predefinite, tuttavia, generano artefatti di elaborazione spiacevoli da vedere, conferendo il cosiddetto effetto soap-opera. Fortunatamente è possibile ovviare a questo problema scegliendo la modalità "Custom" Picture Clarity e impostando gli elementi judder e blur sui tre o quattro livelli per attenuare il judder hardware nativo dello schermo senza generare effetti indesiderati.

Ci sono alcuni problemi reali con le immagini del Q80C da segnalare, oltre ai semplici problemi già discussi. In primo luogo, gli angoli di visione sono limitati, con una riduzione dei livelli di nero e un aumento dell'effetto blooming una volta superati i 25-30 gradi di distanza dall'asse. Le modalità Standard e Film, inoltre, possono essere un po' troppo avide di luminosità in alcune riprese scure, rivelando più rumore di quanto dovrebbero.

Infine, i piccoli punti luminosi delle immagini HDR possono risultare piuttosto spenti rispetto a come apparirebbero su uno schermo OLED, poiché il sistema di oscuramento a 96 zone fatica a trovare un equilibrio tra gli estremi chiari e scuri.

  • Punteggio qualità dell'immagine: 4.5/5

Samsung Q80C remote control on table

Il telecomando senza batteria di Samsung è alimentato da una cella solare posta sul retro (Image credit: Future)

Samsung Q80C TV recensione: qualità del suono

  • Il sistema OTS è sorprendentemente efficace
  • Soundstage nitido e dettagliato
  • Bassi leggermente limitati

Pur avendo a disposizione un numero di diffusori molto inferiore a quello dei televisori Samsung di fascia alta, il sistema audio OTS del Q80C fa comunque un lavoro sorprendentemente efficace nel posizionare gli effetti al posto giusto sullo schermo. Sia che si tratti di dialoghi che sembrano provenire dalle bocche delle persone che parlano, sia che il suono segua il movimento di oggetti rumorosi attraverso lo schermo, il sistema OTS è sorprendentemente convincente e aiuta a immergersi in ciò che si sta guardando.

I dialoghi del Q80C suonano sempre chiari e ben posizionati, mentre gli effetti sono prodotti con un'eccellente combinazione di chiarezza e bilanciamento. Anche i medi sono puliti e sorprendentemente dinamici e, sebbene i bassi non siano particolarmente profondi, sono sufficienti per evitare che il suono diventi troppo sottile o fragile, anche durante le scene d'azione più intense. 

Il suono del Q80C manca un po' di impatto e può arrivare al culmine un po' prima di quanto sarebbe auspicabile in una scena d'azione completa. I suoni bassi più estremi possono causare un pizzico di distorsione, ma è un effetto che non si manifesta spesso.

  • Punteggio qualità del suono: 4/5

Samsung Q80C cluse up of table stand

Il supporto centrale di Samsung Q80C (Image credit: Future)

Samsung Q80C recensione: design

  • Supporto centrale
  • Sistema per tenere i cavi in ordine
  • Qualità costruttiva sufficiente

Il Q80C ha un design perfettamente in linea con gli standard dei televisori di fascia media, senza raggiungere gli stessi livelli dei migliori TV Samsung di fascia alta.

La cornice nera attorno allo schermo, ad esempio, è curata e piacevolmente rifinita, mentre il pannello posteriore è sufficientemente sottile per un televisore che utilizza un sistema di illuminazione diretta a LED, senza però raggiungere lo splendore monolitico dei mini-LED ultrasottili di Samsung. Il supporto da tavolo è robusto e posizionato al centro (il che significa che il televisore può essere collocato su un mobile stretto), ma la qualità costruttiva dello schermo vero e proprio è semplicemente discreta.

Il pannello posteriore tenta di offrire un design vagamente tridimensionale con strisce verticali ben distanziate incise nella plastica e un efficace sistema di organizzazione dei cavi grazie a una fila di solchi che attraversano la metà inferiore dello schermo prima di far passare i cavi nel collo del supporto da tavolo.

Il Q80C viene fornito con due telecomandi: uno standard, con tasti pesanti, che però è molto facile da usare, e uno smart più elegante con un microfono integrato per il controllo vocale, un numero di tasti molto ridotto e un pannello di ricarica solare sul retro a sostituzione delle batterie tradizionali.

  • Punteggio design: 3.5/5

Samsung Q80C Tizen smart TV interface

Le app di streaming nell'interfaccia smart del televisore occupano una riga orizzontale che può essere completamente personalizzata (Image credit: Future)

Samsung Q80C TV recensione: Smart TV e menu

  • Sistema intelligente basato su Tizen
  • Supporto per il controllo vocale
  • Supporto completo per le app

L'interfaccia smart del Q80C è lo stesso sistema basato su Tizen visto su tutti gli altri TV Samsung che abbiamo recensito quest'anno, con gli stessi pro e contro.

Tra gli aspetti positivi, il sistema supporta tutte le app di streaming video che si possano desiderare, oltre a molte altre che la maggior parte delle persone non utilizzerà mai e di cui probabilmente non avrà mai sentito parlare. I menu intelligenti includono anche un Game Hub dedicato e l'interfaccia ora funziona in modo più stabile e fluido, anche su questo televisore di fascia media, rispetto all'anno scorso. Sono stati apportati anche alcuni utili miglioramenti alle sezioni della raccolta di contenuti nella schermata iniziale e al modo in cui si naviga tra le innumerevoli opzioni disponibili.

Soprattutto, se riuscite ad abituarvi all'idea di parlare al vostro televisore, il supporto di Samsung per diversi sistemi di riconoscimento vocale vi permette di controllare un'ampia gamma di funzioni semplicemente dicendo al televisore cosa volete che faccia. 

Personalmente, però, sentiamo ancora la mancanza dei menu intelligenti Samsung, più compatti, che si sovrapponevano alla parte inferiore dello schermo prima che Samsung introducesse i menu a tutto schermo lo scorso anno. 

I menu principali di Tizen del Q80C incorporano ora un ripiano ragionevolmente ordinato di opzioni di impostazione di base per l'immagine e il suono, senza dover accedere alle schermate del menu di impostazione completo. In alcuni casi, tuttavia, sarà necessario accedere ai menu di configurazione completi del Q80C, e quando lo si fa ci si accorge che, pur essendo abbastanza funzionali, cominciano a sembrare un po' datati e ingombranti.

  • Punteggio Smart TV e menu: 4/5

Samsung Q80C gaming menu onscreen

Il menu di gioco a comparsa di Samsung per la regolazione delle impostazioni (Image credit: Future)

Samsung Q80C TV recensione: gaming

  • Supporto 4K 120Hz su tutte e quattro le HDMI
  • Supporto VRR, compreso FreeSync Premium
  • Game Hub e Game Bar

Il Q80C è un TV gaming eccezionale sotto ogni punto di vista. Per cominciare, tutte e quattro le sue porte HDMI sono in grado di gestire flussi di gioco 4K 120Hz, completi di alta gamma dinamica e frequenza di aggiornamento variabile. Il supporto VRR copre il sistema Freesync Premium e il formato HDMI standard, mentre il supporto per i giochi HDR include sia il sistema HGiG che HDR10+. 

Nella modalità Game, il Q80C riduce l'input lag a soli 9,7 ms, uno dei valori più rapidi che abbiamo mai visto su un televisore. Inoltre, offre un'opzione Game Motion Plus che consente di ridurre il judder a scapito di un leggero aumento dell'input lag con tipi di gioco, come gli RPG, che non dipendono da riflessi immediati.

Il sistema Game Motion Plus è disponibile all'interno di un menu a schermo della Game Bar, ben presentato e richiamabile tenendo premuto il tasto play/pause del telecomando smart. Questo menu speciale fornisce tutte le informazioni chiave necessarie sulle caratteristiche della grafica del gioco in arrivo, oltre a fornire alcuni pratici aiuti supplementari per il gioco, come un mirino virtuale, un sistema di zoom della mini-mappa del gioco (indipendentemente dalla posizione dell'HUD del gioco) e l'opzione per illuminare le aree scure del gioco senza influire sulle aree luminose, in modo che i nemici in agguato negli angoli bui siano più facili da vedere.

Il Q80C è talmente attento ai giochi da includere una pagina Game Hub dedicata nella sua interfaccia intelligente Tizen, da cui è possibile accedere sia ai numerosi servizi di gioco cloud che la piattaforma Tizen è in grado di gestire, sia a qualsiasi dispositivo console o PC che il televisore ha rilevato essere stato collegato.

Tutti questi accorgimenti per il gioco, insieme alla luminosità, al contrasto, alla nitidezza e alla ricchezza dei colori QD del Q80C, lo rendono un vero portento per il gioco. Nonostante la mancanza del supporto Dolby Vision, il Q80C offre un'esperienza di gioco di altissimo livello, come mai abbiamo visto su un televisore così economico.

  • Punteggio gaming: 5/5

Samsung Q80C close up of screen bezel

La cornice nera che circonda lo schermo del Q80C è curata e piacevolmente rifinita (Image credit: Future)

Samsung Q80C TV recensione: rapporto qualità-prezzo

  • Molto più economico dei TV mini-LED di Samsung
  • Grande valore per la qualità offerta
  • Sembra un prodotto di qualità superiore a un prezzo di fascia media

Samsung Q80C è un vero affare. La qualità dell'immagine che il Q80C è in grado di offrire su uno schermo da 65 pollici per il suo pezzo concorrenziale sarebbe già di per sé sufficiente a far parlare di un prodotto dall'ottimo valore, ma il Q80C supporta la qualità dell'immagine con un sistema audio ben al di sopra della media, un sistema smart ricco di contenuti e uno dei sistemi di gioco più completi nel mondo dei televisori.

  • Punteggio qualità-prezzo: 3/5 

Samsung Q80C showing abstract pattern onscreen

(Image credit: Future)

Samsung Q80C TV, ne vale la pena?

Swipe to scroll horizontally
Samsung Q80C TV
CaratteristicheNotePunteggio
FunzioniElaborazione delle immagini eccellente, funzioni di gioco ampie e fantasiose e un sistema smart basato su Tizen ricco di contenuti4.5/5
Qualità dell'immagineContrasto eccellente, colori vivaci, nitidezza superba del 4K e luminosità impressionante per un TV così conveniente4.5/5
Qualità del suonoBuona potenza e dinamica, eccellente dettaglio e posizionamento sorprendentemente accurato degli effetti di mix4/5
DesignCornice e parte posteriore curate, supporto da tavolo con montaggio centrale incluso, buona gestione dei cavi3.5/5
Smart TV e menuLa piattaforma Tizen offre una vasta collezione di applicazioni e servizi di streaming, ma le interfacce smart e impostazioni sono un po' macchinose4/5
GamingSupporto di tutte le funzioni di gioco più recenti, ad eccezione del Dolby Vision, su tutte e quattro le HDMI, utile menu dedicato della Game Bar, utile interfaccia Game Hub e prestazioni di gioco eccellenti5/5
ValoreTra le migliori prestazioni in circolazione per il suo prezzo, e significativamente più economico dei modelli mini-LED di Samsung4.5/5

Compratelo se...

Volete una buona luminosità e un buon colore ma non potete permettervi un TV mini-LED

Sebbene il Q80C non possa eguagliare la luminosità e il controllo della luce locale dei TV mini-LED di Samsung, riesce comunque a offrire alcune delle migliori immagini che abbiamo mai visto da un TV di fascia media. In effetti, offre probabilmente il miglior rapporto qualità-prezzo dell'intera gamma 2023 di Samsung.

Volete una configurazione di gioco all'avanguardia

Grazie al supporto quasi completo delle più recenti funzioni di gioco all'avanguardia su tutte e quattro le porte HDMI, al sistema di menu dedicato, alla Game Bar e alle eccellenti prestazioni di gioco in generale, questo è uno dei televisori di fascia media più completi che abbiamo mai visto.

Desiderate posizionare il televisore su un mobile stretto

Il Q80C viene fornito con un supporto da tavolo compatto e montato al centro, anziché con una coppia di piedini separati, il che significa che può essere collocato praticamente su qualsiasi mobile.

Non compratelo se…

Volete il supporto Dolby Vision

Purtroppo, come tutti i televisori Samsung, il Q80C si rifiuta ostinatamente di offrire il supporto per il formato Dolby Vision ad alta gamma dinamica.

Guardate la TV da vari angoli di visione

L'effetto blooming intorno agli oggetti luminosi inizia a diventare un problema se si deve guardare il Q80C da un'angolazione superiore a circa 30 gradi.

Potete permettervi un televisore Samsung mini-LED o QD-OLED

Per quanto il Q80C sia impressionante per il suo prezzo, non può offrire una luminosità pari a quella di un televisore Samsung mini-LED, né un controllo della luce locale e un contrasto pari a quello dei nuovi televisori QD-OLED di Samsung.

Alternative

Image

Samsung S90C QD-OLED

Per il 2023 Samsung ha presentato due gamme QD-OLED: una di punta e una "entry level". L'S90C appartiene alla fascia più bassa, ma anche se non ha la stessa luminosità o il design affascinante del top di gamma S95C, è comunque un ottimo prodotto per i giochi e la visione di contenuti. 

Leggi la nostra recensione Samsung S90C

Image

Sony XR-X90L QLED

Sebbene Sony X90L non utilizzi l'illuminazione mini-LED, è comunque un TV LED Full Array con supporto per il local dimming e il Cognitive Processor XR di Sony fa un ottimo lavoro per ottenere il massimo effetto dal sistema di local dimming. 

Leggi la nostra recensione Sony XR-X90L

Giulia Di Venere

Giulia Di Venere è Editor Senior per TechRadar Italia e lavora con orgoglio al progetto da quando è nato.

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all’Università Ca’ Foscari di Venezia, è una grande appassionata di cinema, libri, cucina e cinofilia.

Da sempre considera la scrittura lo strumento più efficace per comunicare, e scrivere per fare informazione, ogni giorno, è per lei motivo di grande soddisfazione.

Copre una grande varietà di tematiche, dagli smartphone ai gadget tecnologici per la casa, gestendo la pubblicazione dei contenuti editoriali e coordinando le attività della redazione.

Dalla personalità un po’ ambivalente, ama viaggiare tanto quanto passare il tempo libero nella tranquillità della propria casa, in compagnia del suo cane e di un buon libro.

Con il supporto di