Skip to main content

Recensione Sony Xperia 5

Un Xperia 1 Lite

Sony Xperia 5
Sony Xperia 5
(Image: © Future)

Autonomia

Sony Xperia 5 ha una batteria da 3.140 mAh, più piccola di quella di Xperia 1, ma grazie al display meno ampio vanta un’autonomia superiore al top di gamma.

Xperia 5 è durato facilmente un'intera giornata e lo abbiamo usato anche per lo streaming di musica e un po’ di gaming. Con un uso intenso invece non è durato più di un giorno, nulla di strano.

Quando abbiamo sottoposto Sony Xperia 5 al test dell’efficienza della nostra testata, che consiste nella riproduzione di un video di 90 minuti alla massima luminosità con il Wi-Fi acceso e la sincronizzazione degli account in background, la batteria è diminuita solo del 12%. 

Si tratta di un calo notevolmente inferiore rispetto al 17% di Xperia 1; è un risultato nella media per la maggior parte degli smartphone, ma buono per un modello Sony, poiché spesso dimostrano consumi superiori alla media nel nostro test.

(Image credit: Future)

Nella confezione è incluso un caricabatterie rapido da 18W, un kit che dovrebbe offrire una velocità di ricarica piuttosto elevata, alla pari con la tecnologia di ricarica rapida di altre società di smartphone, sebbene Sony non lo “sponsorizzi” come tale.

E il caricabatterie da 18W infatti fa egregiamente il suo lavoro. Potreste collegare lo smartphone un'ora prima di andare al lavoro e ottenere abbastanza carica per l’intera giornata.

Peccato per la ricarica adattiva vista su Xperia 1. Questa controlla lo stato di carica della batteria e ne previene il sovraccarico. È una funzione utile per diminuire il deterioramento della batteria e la sua assenza da Xperia 5 è deludente; inoltre, non supporta la ricarica wireless, ma questa è una funzione presente in pochi smartphone, a questo prezzo.

Fotocamera

La fotocamera posteriore ospita tre obiettivi da 12 MP: l’ottica  principale è f/1.6, segue un teleobiettivo f/2.4 e una lente grandangolare f/2.4. Se queste specifiche sembrano familiari, è perché questa combo è esattamente la stessa di Xperia 1.

Come nel caso di Xperia 1, gli obiettivi di Xperia 5 sono buoni ma non reggono il confronto con quelli dei migliori, il che è sorprendente dato che la gamma Alpha di fotocamere mirrorless di Sony è tra le migliori sul mercato, e gran parte di tale tecnologia si fa strada negli smartphone dell'azienda.

(Image credit: Future)

Il teleobiettivo presenta uno zoom ottico 2x ed uno digitale 10x, adeguati per scattare foto di soggetti che sono relativamente vicini, purtroppo le foto scattate con zoom 10x risultano sgranate.

L'obiettivo grandangolare non è male ma i bordi delle immagini sembravano un po' distorti rispetto ai rendering dei rivali.

Rispetto a Xperia 1, la modalità di ottimizzazione della scena è rapida nell'identificare i soggetti, nel perfezionare il bilanciamento del bianco e le impostazioni del colore. Non esiste una modalità notturna: la suddetta funzione svolge la maggior parte del lavoro in condizioni di scarsa illuminazione.

L'autofocus è lento; la fotocamera impiega qualche secondo per mettere a fuoco un soggetto sia in modalità ritratto che in modalità normale, ma i risultati della prima sono stati terribili.

Quando si eseguono scatti regolari, la fotocamera si comporta bene: nel complesso, la qualità dell'immagine è buona e il sensore da 12 MP acquisisce abbastanza dettagli. I colori sembrano naturali, il che potrebbe essere uno shock per coloro che sono abituati alla post-elaborazione degli smartphone che va a saturare i colori più di quanto non siano in natura. 

Le immagini sembrano un po' scure sullo schermo dell'Xperia 5, ma questo dipende tanto dallo schermo quanto dalla fotocamera. 

(Image credit: Future)

Il pulsante di scatto della fotocamera montato lateralmente ricorda quello di una macchina fotografica e facilita lo scatto quando il dispositivo è in orizzontale. È facile da usare e consente di prendere la mira e scattare foto senza quell'inevitabile oscillazione dovuta alla pressione sullo schermo; il problema è che spesso ci siamo dimenticati di usare il pulsante dedicato, perché è raro trovare smartphone che offrano questa feature.

Presente anche l'app Cinema Pro di Sony, che abbiamo testato e gradito durante la recensione di Xperia 1 (in effetti, abbiamo girato un intero cortometraggio con esso); è esattamente la stessa anche se lo schermo più piccolo rende difficile visualizzare tutte le informazioni nonché trovare la giusta inquadratura; se siete dei registi in erba, Xperia 1 è un'opzione preferibile.

La cornice superiore del pannello anteriore ospita la fotocamera da 8 MP che funziona esattamente come quella di Xperia 1: le immagini sembrano luminose e abbastanza colorate, ma la modalità ritratto è troppo marcata e tende a sfocare i dettagli del viso.

Immagini campione

Immagine 1 di 8

(Image credit: Future)

Il livello di dettaglio della pelliccia di quest’orso è buono, ma purtroppo si è rifiutato di guardare la fotocamera

Immagine 2 di 8

(Image credit: Future)

Lo zoom ottico fa un buon lavoro considerando lo sfondo

Immagine 3 di 8

(Image credit: Future)

Lo zoom digitale su questo orso perde dettagli in alcuni punti

Immagine 4 di 8

(Image credit: Future)

Abbiamo scattato questa foto quattro volte, nelle prime tre la messa a fuoco ha funzionato male

Immagine 5 di 8

(Image credit: Future)

L’obiettivo grandangolare scatta foto decenti ma gli  alberi mostrano una distorsione  alla base

Immagine 6 di 8

(Image credit: Future)

Le sfumature di verde in questo scatto sono tutte abbastanza distinte e lo sfondo vanta una discreta quantità di dettagli 

Immagine 7 di 8

(Image credit: Future)

La foto grandangolare di questo bus è leggermente distorta

Immagine 8 di 8

(Image credit: Future)

Questo selfie in modalità ritratto sembra particolarmente pallido, i tratti del viso (come la barbetta) sono leggermente sbiaditi