Recensione OM System OM-5

La OM System OM-5 è una fotocamera ideale per i viaggi

OM System OM-5
(Image: © Rod Lawton)

Verdetto

La OM-5 rappresenta il modello di fascia media all’interno della gamma 4/3. Ad eccezione di alcuni miglioramenti in termini di potenza e performance, a livello di uso e maneggevolezza è molto simile alla precedente E-M5 Mark III: questa non è affatto una critica, in quanto la OM-5 è sempre una fotocamera compatta, intelligente e molto potente dedicata agli appassionati di avventure e viaggi di tutto il mondo, dotata di una grande stabilizzazione, impermeabile e con un’interessantissima dotazione di obiettivi.

Pros

  • +

    Piccole dimensioni

  • +

    Funzionalità avanzate

  • +

    Eccellente stabilizzazione

  • +

    Ottima gamma di obiettivi

  • +

    Modalità di scatto intelligenti

Cons

  • -

    È sostanzialmente solo un restyling della E-M5 Mark III

  • -

    I Video in 4K 30p sono sufficienti, ma nulla di più

  • -

    Troppo piccola per obiettivi professionali di grandi dimensioni

  • -

    La risoluzione del mirino è nella media, non al top

Perché puoi fidarti di TechRadar I nostri esperti revisori trascorrono ore a testare e confrontare prodotti e servizi in modo che tu possa scegliere il meglio per te. Scopri di più su come testiamo.

OM System OM-5, recensione breve 

La OM System OM-5 è un qualcosa di nuovo ma non “nuovissimo”: è un vero e proprio restyling ed aggiornamento della Olympus OM-D E-M5 Mark III, con una nuova e migliorata stabilizzazione, una migliorata impermeabilità ed alcune nuove funzioni derivate dai modelli di fascia alta, tra le quali la modalità di messa a fuoco specifica per il cielo stellato e nuovi filtri per foto con lunga esposizione in situazioni di alta luminosità ambientale. 

Le principali specifiche sono rimaste le stesse, incluso il sensore da 20MP 4/3, la messa a fuoco a rilevamento di fase con 121 punti e la possibilità di registrare video con risoluzione fino al 4K a 30p. Questa potrebbe sembrare una brutta notizia, ma procedendo nell’analisi vedremo che c’è molto di più in questa OM-5.

OM System OM-5 specifiche

Sensor: 20.4MP MFT Live MOS

AF points: 121-point phase detect 

Video: C4K 24p, 4K 30p, FHD 60p, High-speed 120p FHD

Viewfinder: OLED 2.36m-dot

Memory card: Single SD/SDHC/SDXC UHS-II

LCD: 3-inch vari-angle touch 1.04m-dot

Max Burst: 10fps mechanical shutter (buffer unlimited JPEG / 149 raw), 30fps electronic shutter (buffer 20 JPEG / 18 raw), 30fps Pro Capture

Connectivity: Wi-Fi, Bluetooth, Mic, HDMI Type D, USB 2

Size: 125.3 x 85.2 x 49.7mm

Weight: 414g (inc. battery and SD card)

Per iniziare, come la precedente E-M5 III, racchiude molte funzioni, controlli e prestazioni in un corpo di piccole dimensioni. Questa è una fotocamera “tascabile” con ottica intercambiabile che può scattare a 10fps o a 30fps con pre-buffer da 14 scatti in modalità Pro Capture.

È dotata delle modalità Live Bulb e Live Composite per migliorare l’esposizione notturna. Inoltre, la sua modalità di acquisizione ad alta risoluzione e di pixel binning permette di creare immagini di 50MP a mano libera e di 80MP con l’utilizzo di un supporto.

I pulsanti sono di ottima qualità e risultano davvero ben disposti per una fotocamera così piccola. Oltre al mirino ottico c’è anche un display ad angolazione regolabile. L’azienda produttrice l’ha ideata per essere una fotocamera da avventura, da portare ovunque, ed è sicuramente una delle migliori fotocamere da viaggio che è possibile acquistare, grazie anche alle ottiche eccellenti, compatte e non troppo costose.

La OM-5 probabilmente non presenta innovazioni assolute dal punto di vista tecnico, ma dal punto di vista del design e dell’usabilità è un prodotto davvero degno di nota.

(Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

OM System OM-5 prezzo e data di rilascio

La precedente Olympus OM-D E-M5 III non era affatto economica e vale la pena sottolinearlo perché sebbene la OM5 abbia un nuovo produttore ed un nuovo nome, è sostanzialmente la stessa fotocamera.

Pertanto, se la E-M5 III era considerata molto costosa, la stessa affermazione vale anche per la nuova. La OM-5 è una fotocamera molto piccola e potente, ma non fa nulla di eccezionale paragonata al suo valore economico. A nostro giudizio vale il prezzo, ma non è un affare in termini di rapporto qualità/prezzo.

Nella fascia di prezzo va a confrontarsi con alcune buone fotocamere come la Canon EOS R10, la Fujifilm X-S10, la Nikon Z50 e la Sony A6400, tutte dotate di sensori APS-C. Approfondendo però, la Canon e la Nikon non hanno obiettivi degni di nota e la Sony è ormai piuttosto datata; pertanto, la concorrente più seria è la Fujifilm X-S10.

La OM-5, ovviamente, ha un sensore MFT più piccolo. Molti ritengono, erroneamente, che ciò rappresenti un grave handicap in termini di qualità fotografica. Dalla sua ha anche una più ampia gamma di obiettivi rispetto alle rivali, e gli obiettivi stessi sono fisicamente più piccoli

• Punteggio valore: 4/5

(Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

OM System OM-5 design e maneggevolezza

La OM-5 è davvero molto piccola in rapporto alle sue ottime prestazioni, alla più che discreta potenza e alle ampie funzioni di cui dispone. Queste ridotte dimensioni potrebbero rappresentare un vantaggio o uno svantaggio a seconda che si utilizzino grandi obiettivi professionali ad apertura fissa oppure dei più piccoli obiettivi della gamma Olympus.

Con obiettivi più piccoli, la OM-5 è davvero fantastica. Nel caso la usiate con obiettivi di grandi dimensioni, diventa necessario l’uso del grip opzionale (non include  una batteria più grande) in modo da rendere la fotocamera ben bilanciata e confortevole.

Indipendentemente da ciò, la OM System (non “Olympus”, ricordate) ha svolto un lavoro straordinario nel dotare una così piccola fotocamera di un gran numero di tanti tasti fisici.

Gli obiettivi OM System f/4 Pro si abbinano perfettamente al corpo compatto della OM-5. Questo è l'obiettivo del kit 12-45m f/4, che offre prestazioni stellari. (Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

Il mirino digitale è abbastanza buono, anche se la risoluzione non è al livello di quella di altri prodotti più nuovi e costosi. Lo schermo ad angolazione variabile posto sul retro rappresenta una caratteristica molto utile ed interessante per una fotocamera così piccola.

Il singolo slot per la scheda SD potrebbe scoraggiare dall’acquisto quella fascia di utenti esperti maggiormente attenti a sicurezza e backup che solo una doppia scheda SD può offrire, ma era davvero difficile fare di più su un corpo macchina così piccolo. Uno dei motivi per scegliere una macchinetta con due slot per schede SD è quello di mettersi al riparo da eventuali guasti di una scheda, il che è comunque raro. Un altro motivo è quello di separare immagini e video, oppure JPEG e RAW, o ancora acquisizioni e backup. Sono tutte motivazioni professionali ragionevoli e rispettabili, ma che superano ciò che questa fotocamera ha intenzione di offrire.

C'è un solo slot per schede SD, ma non c'è spazio per altre schede. (Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

Le due manopole di controllo hanno una sensazione morbida e solida e una leva di funzione sul retro consente di passare da una serie di regolazioni all'altra per queste manopole. (Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

Sulla parte superiore della fotocamera ci sono due ghiere  per il controllo delle funzioni davvero ben funzionanti; hanno una versatilità extra grazie alla leva dual-mode posta sul retro, che cambia le loro funzioni. È importante per l’utente ricordare quali funzioni ha impostato su ogni posizione, ma questo permetterà di modificare una moltitudine di impostazioni molto rapidamente, dalla velocità dell’otturatore all’apertura del diaframma, dal bilanciamento del bianco alla compensazione dell’esposizione.

I controlli esterni della OM-5 danno una sensazione di ottima qualità e hanno una logica ben studiata. Olympus (scusate, OM-System, ci vorrà ancora un po’ per abituarsi) è un’esperta nel far funzionare alla grande tutti i pulsanti ed i controlli sulle fotocamere piccole, probabilmente riesce meglio sulle piccole che sulle grandi camere.

• Punteggio design: 5/5

OM System OM-5 funzioni e prestazioni

Praticamente ogni produttore di fotocamere al mondo oggigiorno offre sistemi di stabilizzazione a 5 assi che considera i migliori sul mercato. Ma OM System e Panasonic hanno probabilmente i migliori. Forse è per le dimensioni e la massa più piccole del sensore, o semplicemente per gli algoritmi utilizzati, ma la stabilizzazione dell’OM-5 è davvero notevole. Ha i suoi limiti in ambito video, in quanto un sistema di stabilizzazione IBIS non può controllare i movimenti della fotocamera come un gimbal, ma comunque è un’ottima stabilizzazione.

Il sensore Micro Quattro Terzi da 20 MP ha un'area dimezzata rispetto a quella dell'APS-C, ma offre comunque un'ottima qualità fotografica e video: bisogna essere dei veri esperti per notare la differenza. (Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

Il pulsante della modalità drive consente di accedere alle riprese a 10 fps con l'otturatore meccanico o a 30 fps in modalità Pro Capture. (Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

La OM-5 ha molti altri punti di forza. Uno di questi è la modalità Pro Capture, che può catturare immagini fisse a 30fps con un buffer di pre-acquisizione di 14 scatti per aiutare il tempo di reazione dell’utente. Basta premere a metà il pulsante di scatto per una “pre-acquisizione”, quindi premerlo fino in fondo quando inizia l’azione e la fotocamera registrerà il mezzo secondo dell’azione mentre ancora non si era deciso di scattare. È davvero intelligente. Ovviamente questa modalità ben si presta a quelle situazioni in cui l’utente sa dove e quando si svolgerà l’azione, ad esempio i salti durante una corsa di cavalli oppure il salto in alto.

La OM-5 utilizza molte funzioni computazionali che aiutano al miglioramento della messa a fuoco, che può essere utilizzata a mano libera; contribuiscono inoltre alla realizzazione di scatti ad alta risoluzione a 50MP, sempre a mano libera. L’aiuto è concreto in tutti quei momenti in cui risulta necessario avere a disposizione tutta l’altissima qualità di una fotocamera full frame, in grado di creare nativamente immagini ad una risoluzione molto alta.

Inoltre, ci sono le modalità Live Composite, Live Bulb e Live ND. Le prime due sono ottime negli scatti notturni, una volta settate le impostazioni ed i parametri, mentre l’altra permette di utilizzare i filtri a densità neutro per sfocare cieli, onde ed acqua. Questa funzione è limitata a 4 stop: è un gran peccato perché in condizioni di luce molto intensa sarebbero necessari 10 stop per scatti a lunga esposizione.

Infine, meritano una menzione i filtri artistici di Olympus: non sono affatto “semplici” come quelli di altre fotocamere, ma in realtà sono di ottima qualità.

• Punteggio funzioni e prestazione: 5/5

OM System OM-5 qualità immagini e video

La modalità High Res manuale da 50MP è perfetta per i soggetti non in movimento. (Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

Si tratta di una profondità di campo notevole per un primo piano, ed è tutto merito dello stacking di messa a fuoco in-camera della OM-5, che funziona bene anche per le riprese a mano libera. (Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

La stabilizzazione dell'immagine di questa fotocamera è tra le migliori. Questa mostra in un museo al chiuso è stata scattata a mano libera con velocità otturatore a 0,5 sec. (Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

Molto è stato detto, e probabilmente continuerà ad essere detto, sulle carenze del formato Micro Quattro Terzi. Innanzitutto, è la metà del formato APS-C, però è molto più grande del sensore da 1 pollice ampiamente utilizzato nelle fotocamere compatte e ovviamente molto più grande dei sensori montati sugli smartphone  e sulle macchine compatte .

Settando gli ISO su medio-bassi, non si vedrà molta differenza di qualità tra le immagini dell’OM-5 e quelle di una fotocamera APS-C. A ISO più alti potrebbero emergere maggiori differenze, seppur non clamorose. Confrontando gli scatti della OM-5 con quelli di una fotocamera full frame si noterà una differenza maggiore, ma in questo caso bisogna tenere in considerazione il prezzo più basso della OM-5, la sua estrema portabilità e maneggevolezza e le prestazioni del suo sistema di stabilizzazione dell’immagine.

Quest’ultimo è estremamente efficace per le foto e abbastanza buono anche per i video. Per gli scatti a mano libera è così efficace che le immagini sembrano catturate con il  treppiede; con un po' di attenzione e cura è possibile produrre movimenti molto fluidi. Risulta meno efficace per camminare e filmare, ma questo vale per i sistemi di stabilizzazione di ogni fotocamera mirrorless. La stabilizzazione della OM-5 è quasi la migliore sul mercato, aiutata indubbiamente dalla presenza di un sensore piccolo.

L'OM-5 produce colori brillanti e vivaci; buoni anche i dettagli in condizioni di scarsa illuminazione. Questo scatto è stato realizzato a ISO 4.000 e mostra i progressi compiuti dai sensori di immagine e dall'elaborazione MFT. (Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

La resa dei colori in JPEG è davvero ottima. Questo scatto ultra-wide è stato realizzato con l'obiettivo 8-25 mm f/4 (Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

Grazie a una combinazione di correzioni ottiche e digitali, le immagini degli obiettivi OM System Pro sono effettivamente prive di aberrazioni. Questo scatto è stato realizzato con il 40-150 mm f/4 (Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

L’autofocus è buono, ma non rivoluzionario. Non ha il riconoscimento del soggetto tramite intelligenza artificiale che troviamo invece sulle ultime fotocamere come la Sony A7R V o la Canon EOS R6 II. Il riconoscimento facciale ed il tracciamento non sono proprio al top. L’autofocus va abbastanza bene per il vlogging e la fotografia occasionale, soprattutto perché le minori lunghezze focali utilizzate con i sistemi Micro Quattro Terzi danno, comunque, una sensazione di maggiore profondità di campo.

Per le sue dimensioni, questa fotocamera offre un’eccellente qualità video, con un sistema di stabilizzazione che permette di ottenere scatti molto nitidi.

Vale la pena parlare delle lenti. Abbiamo testato la OM-5 con tre obiettivi Olympus Pro f/4: il 12-45mm, l’8-25mm e il 40-150mm (quest’ultimo marchiato OM System). Questi obiettivi f/4 sono molto ben fatti e rifiniti, garantendo ottimi risultati ed inoltre ben si abbinano alle dimensioni e al prezzo della OM-5 (gli obiettivi f/2.8 Pro e f/1.2 a focale fissa sono un po' troppo grandi).  

La OM-5 non solo è piccola e potente, ma è anche accompagnata da una ricca gamma di obiettivi che non solo è più leggera delle alternative più grandi, ma è anche più economica.

• Punteggio qualità immagini e video: 4/5

OM System OM-5: ne vale la pena?

(Image credit: Rod Lawton)
(Si apre in una nuova scheda)

Compratela se…

Siete alla ricerca di una fotocamera da viaggio robusta e compatta

La OM-5 è una compagna di avventura ideale: non è appariscente ma è portatile, robusta e affidabile. È abbastanza leggera da infilarsi in uno zaino e abbastanza resistente da sopportare il maltempo. Per i viaggiatori e per gli amanti dell’aria aperta, è una fotocamera perfetta.

Desiderate un’ampia gamma di obiettivi compatti e al giusto prezzo

Gli obiettivi micro-quattro terzi sono più piccoli e leggeri rispetto a quelli APS-C o full frame, e anche più economici. Se sceglierete gli obiettivi f/4 Pro di Olympus otterrete eccellenti nitidezza e prestazioni a tutto tondo. Da considerare anche l’8-25mm f/4 il quale, sebbene sia grande, offre uno zoom standard equivalente a 16-50mm.

Non vi piace utilizzare il treppiede

La stabilizzazione della OM-5 è davvero eccellente sia per le foto che per i video, a patto di accettare i limiti di una fotocamera mirrorless. Anche la modalità ad alta risoluzione da 50MP funziona molto bene e permette di ottenere ottimi scatti ad alta risoluzione.

Non compratela se…

Siete alla ricerca della migliore qualità in assoluto

Il non grandissimo sensore micro-quattro terzi ovviamente non offre la migliore qualità sia in termini di risoluzione assoluta che in termini di rumore quando si aumentano gli ISO. La risoluzione del sensore della OM-5, 20MP, è probabilmente il massimo ottenibile per evitare problemi seri in termini di rumore nelle immagini.

Se avete mani più grandi della media

Nonostante le dimensioni ridotte siano un grande vantaggio solitamente, e considerando che OM System ha svolto un gran lavoro per compattare tutti quei comandi su un corpo macchina così piccolo, è evidente l’impossibilità di impugnare il grip con più di tre dita, il che non è il massimo in termini di stabilità. Se si utilizzano obiettivi grandi, è più facile aiutarsi nella presa reggendo la macchinetta anche dall’obiettivo stesso.

Se girate video tanto quanto scattate foto

La OM-5 è un’ottima fotocamera per girare video occasionalmente, ma se siete dei veri e propri amanti dei video avrete bisogno di maggiori funzioni, controlli e scelta di codec video. Il punto di forza della OM-5 sta nel permettere anche ad un utente poco esperto di poter ottenere ottime riprese senza impegnarsi troppo, ma non è adatta ad un uso professionale.

Alternative da considerare…

Image (Si apre in una nuova scheda)

Fujifilm X-S10

La fotocamera mirrorless più economica di Fujifilm è tutt’altro che una entry level: è dotata di uno schermo orientabile, di stabilizzazione ottica dell’immagine e di un sensore da 26MP. È di facile utilizzo per un principiante, ma al tempo stesso è abbastanza potente per un appassionato di fotografia. È la fotocamera APS-C entry level più completa.

Leggete qui la nostra recensione completa della Fujifilm X-S10 (Si apre in una nuova scheda)

Image (Si apre in una nuova scheda)

Nikon Z fc

Non a tutti interessano le tecnologie che una fotocamera offre. Se amate i viaggi ed i vlog, sarete senz’altro alla ricerca di un po' di stile, e la Nikon Z è in grado di offrirlo. Ha l’aspetto retrò di una Nikon DSLR, è dotata di uno schermo ad angolazione variabile e registra video in 4K. Manca purtroppo la stabilizzazione dell’immagine ed il sensore da 20 MP è un po' deludente.

Leggete qui la nostra recensione completa della Nikon Z fc

Image (Si apre in una nuova scheda)

Sony A6400

Le fotocamere della Gamma Alpha di Sony sono in commercio già da diversi anni e cominciano a sembrare un po' datate, ma la A6400 ha ancora tutte le specifiche per competere, con video 4K ed un ottimo autofocus; peccato lo schermo sia solo inclinabile e non orientabile e non via sia la stabilizzazione.

Leggi la recensione completa di Sony A6400 (Si apre in una nuova scheda)

Tabella punteggi

Swipe to scroll horizontally
OM System OM-5
AttributiCommentoPunteggio
PrezzoUn buon rapporto qualità/prezzo per le caratteristiche offerte4/5
DesignVery compact body and some compact lenses too5/5
Funzioni e prestazioni50MP ad alta risoluzione, Live Composite e altro ancora5/5
Qualità foto/videoNon all'avanguardia, ma molto competitiva4/5