Skip to main content

Razer DeathStalker V2 Pro | recensione

La Razer DeathStalker V2 Pro è un tastiera gaming compatta e veloce

Razer DeathStalker V2 Pro su un tavolo bianco
Best in Class
Razer DeathStalker V2 Pro è l'ultimo (se non il migliore) prodott sul mercato delle tastiere a basso profilo.
(Image: © Future / Michelle Rae Uy)

Verdetto

Abbiamo testato molte tastiere gaming, ma Razer Deathstalker V2 Pro potrebbe essere la migliore. La distanza di azionamento, la connettività a bassa latenza e gli switch ottici la rendono adatta a qualsiasi attività.

Pros

  • +

    Prestazioni eccellenti

  • +

    Distanza di azionamento di 12mm e forza di azionamento di 45g

  • +

    Sottile e relativamente leggera

Cons

  • -

    Prezzo elevato

  • -

    Switch mollicci

Razer DeathStalker V2 Pro: In breve

La DeathStalker V2 Pro potrebbe aver consolidato lo status di Razer come il re delle tastiere da gaming. Con questa nuova uscita, il produttore ha finalmente fatto il suo ingresso sul ring delle tastiere da gaming a basso profilo. Nonostante altri produttori come Keychron, Logitech e Roccat siano arrivati prima, Razer ha fatto buon uso del tempo a disposizione tra il lancio dei prodotti concorrenti e il proprio, creando qualcosa di migliore.

Non fraintendeteci; tastiere da gaming a basso profilo come la Logitech G915 Lightspeed, la Roccat Vulcan Pro e la Vulcan 122 AIMO (per i fan degli switch meccanici) sono prodotti validissimi. Ci sono così tante opzioni che non ha senso limitarsi a un solo brand. Basta fare caso ai gamer che pubblicano video su YouTube o agli streamer per accorgersi che molti dispongono di più periferiche che alternano in base alle necessità.

Allo stesso modo, per i videogiocatori che hanno bisogno di una sola tastiera è importante scegliere il top. La Razer DeathStalker V2 Pro potrebbe essere, sotto diversi punti di vista, superiore rispetto ai modelli della concorrenza. Il punto di azionamento è minore rispetto a quella della Roccat Vulcan Pro, la connettività wireless è più veloce paragonata alla Logitech G915 e possiede degli switch ottici migliori rispetto ad entrambe.

L’unica cosa che potrebbe scoraggiare è il prezzo. 249 € non sono uno scherzo di questi tempi, soprattutto per una tastiera da gaming. Inoltre sia la Vulcan pro di Roccat che la G915 di Logitech sono molto più economiche.

Nel complesso si può dire che il prezzo è proibitivo, ma la qualità costruttiva e le prestazioni offerte dalla DeathStalker V2 Pro lo giustificano, almeno in parte.

Razer DeathStalker V2 Pro: Prezzo

  • Quanto costa? 249 € 
  • Quando è disponibile? Prossimamente 
  • Dove la si può acquistare? Sullo store online di Razer 

Prossimamente disponibile sullo store online di Razer a 249 €, la DeathStalker V2 Pro potrebbe non essere un’opzione accessibile per chi bada al budget o per chi sta sentendo gli effetti dell’inflazione. Specialmente se si considera che la Vulcan Pro cablata di Roccat costa 150 €.

Potrebbe valere la pena effettuare una spesa più alta se si desidera una connettività wireless più veloce, nonché la possibilità di collegare la tastiera a più dispositivi. Tuttavia, se non è un problema essere legati ad un solo dispositivo e avere una connessione wireless leggermente più lenta, la Vulcan Pro potrebbe risultare più conveniente. 

  • Convenienza: 3.5 / 5  

Razer DeathStalker V2 Pro: Design

Razer DeathStalker V2 Pro su un tavolo bianco

Razer DeathStalker V2 Pro è una delle tatsiere gaming a basso profilo più sottili. (Image credit: Future / Michelle Rae Uy)
  • Una delle tastiere a basso profilo più leggere 
  • Diverse opzioni per la connettività e possibilità di connettersi a più dispositivi 
  • RGB vivace e personalizzabile 

Razer DeathStalker V2 Pro non è la tastiera da gaming a basso profilo più sottile sul mercato. Questo titolo appartiene ancora alla Logitech G915 Lightspeed che, con la sua struttura in metallo lavorato e i tasti sottili, resta sotto i 25mm. Tuttavia, riesce ad essere la più leggera tra quelle ottiche con un peso  di 776.5g che la rende perfetta per la mobilità.

Nonostante la sua leggerezza e sottigliezza, questa tastiera da gaming ha una struttura solida. Il pannello superiore è di alluminio 5052 e quello inferiore di plastica di alta qualità. Il cavo separabile Tipo-C è di fibra intrecciata, mentre i tasti sono dotati di una copertura ABS durevole. Inoltre, il produttore garantisce ben 70 milioni di click per ciascuno switch.

L’illuminazione RGB personalizzabile, abbastanza vivace anche in ambienti molto luminosi, la rende gradevole e bella da vedere.

Razer DeathStalker V2 Pro su un tavolo bianco

Gli switch sul retro permettono di alternare dispositivo con facilità. (Image credit: Future / Michelle Rae Uy)

Ciò che apprezziamo di più della Razer DeathStalker V2 Pro sono i tre tasti di switch rapido sul lato orizzontale posteriore. Questa tastiera è dotata di tre modalità di connessione: wireless HyperSpeed da 2.4GHz, Bluetooth e USB-C. In modalità Bluetooth può essere collegata a tre dispositivi contemporaneamente e i tre tasti sul retro rendono immediato il passaggio da uno all’altro, il che è molto elegante. 

  • Design: 5 / 5 

Razer DeathStalker V2 Pro: Prestazioni

  • Tasti mollicci ma con un ottimo feeling  
  • Distanza di azionamento di 12mm e forza di azionamento di 45g 
  • Autonomia 

Gli switch ottici tendono ad avere una maggiore resistenza rispetto a quelli meccanici, caratteristica poco amata da molti gamer. La Razer DeathStalker V2 Pro sta nel mezzo, un po’ come la Logitech G915, e offre un buon compromesso per chi ama gli switch meccanici ma senza l’effetto rimbalzo che si nota sulla Vulcan Pro. Il risultato è una piacevole sensazione al tocco, sia durante le sessioni di gaming che durante l’uso comune.

Gli switch ottici lineari della DeathStalker V2 Pro sono ‘ultra-veloci’, affidabili e silenziosi. Abbiamo apprezzato, nonostante il key travel sia di 2.8mm (molto breve ma nella G915 è di 0.1mm più corto, non che sia un fattore così importante per la maggior parte degli utenti), la distanza di azionamento di 12mm e la forza di azionamento di 45g.

Razer DeathStalker V2 Pro su un tavolo bianco

Distanza di azionamento di 12mm e forza di azionamento di 45g. (Image credit: Future / Michelle Rae Uy)

Molti non noteranno subito la differenza, ma lo faranno col tempo, perché la combinazione di questi fattori risulta in un minor sforzo per l’utilizzatore. Ce ne siamo accorti mentre scrivevamo questa recensione, giocavamo a Cyberpunk 2077 o Stray e i nostri polsi, braccia e spalle ne hanno beneficiato.

L’autonomia è di 40 ore con illuminazione RGB ridotta al 50%. Se la luminosità viene portata al 100% l’autonomia scende a 24 ore.

Anche così non è male. Tuttavia, è meglio ridurre la luminosità al 50% se ci si dimentica spesso di ricaricare regolarmente o semplicemente non se ne ha voglia.

Il tasto per la gestione dei media e la rotellina sono ottimi, ma bisogna utilizzare l’app Razer Synapse 3 per modificarne le impostazioni. Di base, il tasto si occupa solo del play/pause e il roller controlla il volume (con la pressione si può invece mutare l’audio).

Una delle caratteristiche che rende la Razer DeathStalker V2 Pro una scelta migliore per molti gamer rispetto alla G915, è la possibilità di programmare i tasti. Mentre la G915 ha solo le sue cinque G-keys che possono essere rimappate, nella più versatile Razer DeathStalker V2 Pro è possibile farlo con ogni tasto. Infine, è dotata di una memoria ibrida propria e archiviazione cloud per il trasferimento delle impostazioni RGB e macro.  

  • Prestazioni: 5 / 5 

Razer DeathStalker V2 Pro: Ne vale la pena?

Razer DeathStalker V2 Pro su un tavolo bianco

Razer DeathStalker V2 Pro è una tastiera completa con tasti per la gestione dei media e pad numerico. (Image credit: Future / Michelle Rae Uy)

Compratela se…  

Volete una tastiera da gaming veloce e versatile
La Razer DeathStalker V2 Pro ha una connettività wireless inferiore a 1ms. Inoltre, è possibile collegarla a tre dispositivi contemporaneamente e tutti i tasti sono rimappabili. 

Avete bisogno di una tastiera che non affatichi polsi e spalle
Con una distanza di azionamento di 12mm e una forza di 45g, lo sforzo per utilizzare la Razer DeathStalker V2 Pro è minimo. 

Non compratela se… 

Avete un budget limitato
Potrebbe essere la miglior tastiera da gaming a basso profilo sul mercato, ma il prezzo la rende meno attraente, specialmente nel periodo che stiamo attraversando.

Avete poco spazio sulla scrivania
Questa è una tastiera completa quindi occupa molto spazio. Se ne cerchi una più compatta, prova le mini tastiere da gaming o aspetta l’uscita della Razer DeathStalker V2 Pro TKL (senza tastierino numerico). 

Considerate anche

(Si apre in una nuova scheda)

Logitech G915 Lightspeed
Con la sua selezione di switch ottici linear, tactile e clicky comodi e soddisfacenti da usare e la distanza di azionamento di 1.5mm, la Logitech G915 Lightspeed potrebbe essere la miglior rivale della DeathStalker V2 Pro.

(Si apre in una nuova scheda)

Roccat Vulcan Pro
Se cerchi qualcosa di più economico, la Roccat Vulcan Pro è una tastiera ottica da gaming a basso profilo di alto livello che performa bene ed è gradevole. L’unica cosa da tenere a mente è che si tratta di una tastiera cablata, quindi bisogna sacrificare la convenienza del wireless.

(Si apre in una nuova scheda)

Roccat Vulcan 122 AIMO
Anche adesso che ha qualche anno, Roccat Vulcan 122 AIMO è una bellissima tastiera da gaming con tasti e switch comodi da usare. Il prezzo è equilibrato, non troppo economico ma nemmeno troppo costoso.

Razer DeathStalker V2 Pro: Tabella punteggi

ConvenienzaLa Razer DeathStalker V2 Pro è ricca di funzionalità e ha ottime prestazioni, ma per molti può essere troppo costosa. 3.5 / 5
DesignEssendo una tastiera completa è di grandi dimensioni, ma ne apprezziamo la leggerezza e sottigliezza. Senza contare alcuni elementi di design come i tasti per cambiare dispositivo.4.5 / 5
PrestazioniÈ veloce e richiede poco sforzo per utilizzarla, grazie alla sua impressionante combinazione tra punto di azionamento e di attuazione.5 / 5
TotalePotremmo darle punteggio pieno se non fosse per il prezzo e il momento in cui è uscita, caratterizzato da un’alta inflazione.4.5 / 5
  • Recensita a: Agosto 2022
Con il supporto di