Skip to main content

Xiaomi Redmi 10 ufficiale

Xiaomi Redmi 10
(Image credit: Xiaomi)

Xiaomi ha presentato una nuova generazione di prodotti economici, vale a dire la famiglia Xiaomi Redmi 10. Come già fatto in passato, sono smartphone che offrono quanto concorrenti più famosi, ma per una frazione del prezzo.

Lo Xiaomi Redmi 10 ha uno schermo LCD da 6,5" (1080x2400) con frequenza variabile fino a 90 Hz. Il modulo fotografico ha quattro sensori: quello principale è da 50MP, a cui si aggiungono un ultragrandangolare da 8MP, un macro da 2MP e un sensore di profondità da 2MP. Frontalmente troviamo un sensore da 8MP. 

La batteria è da 5.000 mAh, che è molto grande. Ma si può ricaricare solo a 18 watt, quindi un po' lentamente. Il processore MediaTek Helio G88, comunque, non dovrebbe consumare molto. Sarà distribuito in due varianti, con 4 o 6 GB di RAM, con 64 o 128GB di archiviazione. 

C'è anche un sensore di impronte digitali, montato lateralmente, e un connettore jack da 3,5 mm. Il design è moderno, con un foro nello schermo per la fotocamera frontale e cornici molto sottili. 

C'è anche un sensore di impronte digitali, montato lateralmente, e un connettore jack  da 3,5 mm. Il design è moderno, con un foro nello schermo per la fotocamera frontale e cornici molto sottili. 

Il prezzo dovrebbe essere più che competitivo per un prodotto simile. Non abbiamo ancora quello in euro, ma considerando quello in dollari ($179) stiamo parlando di un prodotto che costa più o meno quanto l'attuale Redmi 9 (€149,90), o poco di più. 

See more

Xiaomi Redmi 10 in tre colori

Lo Xiaomi Redmi 10 ha specifiche simili a prodotti più costosi (Image credit: Xiaomi)

Analisi: Xiaomi mette in difficoltà Samsung, OnePlus e gli altri

Google ha appena introdotto di il Google Pixel 5a, uno smartphone da 400 euro che non è "buono il doppio" rispetto al Redmi 10. Un commento simile si può fare per OnePlus Nord 2 o Samsung Galaxy A52 5G.  

Questi concorrenti offrono alcune cose in più, come la connettività 5G o lo schermo OLED, ma sono simili per altri aspetti e persino peggio per altri (crediamo che la batteria di Redmi 10 sarà migliore).. Più di un consumatore potrebbe domandarsi se quelle qualità aggiuntive valgono la spesa extra. 

Insomma, ancora una volta Xiaomi ha fatto uno smartphone che costa poco e offre molto, moltissimo. Così tanto in effetti che lo si potrebbe prendere in considerazione per modelli molto più cari.

Non ci si può certo sorprendere se questo marchio è diventato il primo in Europa e il secondo nel mondo (anche se i dati sono ancora incerti). A farne le spese dirette è soprattutto Samsung, che vede la propria egemonia vacillare, ma ci sono anche altri concorrenti di Xiaomi che non sembrano riuscire a starle dietro: Oppo, Realme, OnePlus sono i primi nomi che vengono in mente. 

Valerio Porcu

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di TechRadar Italia.