Skip to main content

Xbox Series X, Microsoft ci spiega come funziona la retrocompatibilità

Xbox Series X share button
(Image credit: Microsoft)

Microsoft ha condiviso alcuni dettagli sulla retrocompatibilità della nuova Xbox Series X, definendola “la console Next Gen più retrocompatibile in assoluto”.

In un post pubblicato su Xbox Wire, Jason Ronald, direttore della divisione program management di Xbox Series X, ha rivelato che la console Next-Gen di Microsoft disporrà di migliaia di titoli concepiti per le precedenti quattro generazioni di Xbox fin dal momento del lancio. Non solo, questi giochi saranno “migliori di quanto fossero in origine” grazie al sistema di ricostruzione HDR di Microsoft, che verrà affiancato dalla funzione Quick Resume presente su Xbox Series X. In aggiunta, il potente hardware della nuova console Microsoft consentirà di selezionare titoli retrocompatibili e giocare a risoluzioni più elevate rispetto a quelle native, raddoppiandone anche il frame rate.

“Come i gamer, anche noi sappiamo quanto sia importante preservare e rispettare l’eredità lasciata dai franchise più popolari,” ha affermato Ronald aggiungendo che “I vostri giochi e franchise preferiti, i vostri progressi e salvataggi, le amicizie e le community che avete creato negli anni dovrebbero sopravvivere al salto generazionale. Non solo, anche le vostre periferiche e gli accessori che preferite usare per giocare dovrebbero essere utilizzabili sulle nuove generazioni di console.”

Il processore custom è la chiave 

(Image credit: Microsoft)

Stando a quanto sostiene James Ronald, lo stesso team che ha portato la retrocompatibilità su Xbox One sta lavorando per fare lo stesso con Xbox Series X.

Alcuni aspetti tecnici hanno reso questa operazione più complessa sulla console Next Gen, ma il processore custom di Xbox Series X è stato concepito appositamente per evitare problemi di questo genere, per consentire ai giocatori di godersi al meglio i loro titoli preferiti di tutte le precedenti generazioni di Xbox.

“Mantenere la compatibilità presenta un gran numero di sfide tecniche visto che il sistema e l’architettura dei chip avanzano con il passare delle generazioni” ha spiegato Ronald. “Gli sviluppatori ottimizzano i loro titoli in base alla potenza e alle capacità delle console per dare agli utenti il massimo risultato in termini di esperienza di gioco. Per rendere Xbox Series X la console più compatibile mai esistita, è stato necessario effettuare un grande lavoro sul design del processore e del sistema operativo, come anche sull'hypervisor che si trova nel cuore della nostra piattaforma Next Gen.”

James Ronald ha inoltre rivelato che il team di Xbox ha già effettuato più di 100,000 ore di gameplay per testare Xbox Series X. 

“Al momento del lancio, durante le vacanze invernali, avremo speso più di 200,000 ore a testare la libreria di giochi che saranno disponibili da subito”.

Retrocompatibilità aumentata 

(Image credit: Lionhead Games)

Non solo saremo in grado di giocare a migliaia di titoli retrocompatibili  fin dal momento del lancio di Xbox Series X, ma questi saranno migliori della loro versione originale sotto molti punti di vista. 

Xbox Series X sarà in grado di riprodurre nativamente i giochi delle precedenti generazioni, consentendo anche ai titoli più datati di sfruttare al massimo il potente hardware di cui dispone.

“Questo vuol dire che tutti i giochi verranno riprodotti al massimo della grafica per cui sono stati concepiti, con alcuni miglioramenti che li renderanno migliori rispetto alle versioni originali, grazie a frame rate più stabili e rendering grafici massimizzati,” ha spiegato Ronald James “I titoli retrocompatibili vedranno inoltre delle significative riduzioni in termini di tempi di caricamento, grazie al passaggio al nuovo SSD NVME custom con architettura Xbox Velocity.”

Non solo i vecchi giochi gireranno meglio, ma si vedranno anche meglio. Xbox Serie X sfrutterà una tecnologia di ricostruzione in grado di aggiungere automaticamente un supporto HDR ai titoli, senza però influire sulle prestazioni.

Inoltre, Xbox Series X farà affidamento sulla funzione Quick Resume anche per i titoli retrocompatibili, consentendo ai giocatori di entrare in gioco istantaneamente ricominciando da dove si erano fermati o di cambiare gioco senza tempi di caricamento.

Stando a quanto sostiene il portavoce Microsoft, queste innovazioni non richiedono alcun contributo extra da parte degli sviluppatori, e fanno completamente affidamento sul lavoro svolto sulla piattaforma. Il team sta anche lavorando su delle nuove tecniche che consentiranno di riprodurre i titoli del passato selezionando una risoluzione più alta e raddoppiando il frame rate.

Xbox: la storia a portata di mano

Xbox Series X controller

(Image credit: Microsoft)

Sembra che Xbox Series X sarà la console Next Gen più retrocompatibile di sempre. Oltre a poter sfruttare i giochi Xbox delle precedenti generazioni, consentirà anche di utilizzare le periferiche e gli accessori del passato.

Del resto, non sappiamo nulla riguardo ai piani di Sony in tema retrocompatibilità. Sappiamo però che PS5 consentirà di giocare a gran parte dei migliori giochi per PS4 fin dal lancio, anche se l’azienda non ha aggiunto altro a riguardo.

Sony, in passato, non ha mai speso troppe risorse per implementare questa opzione. Le prime versioni di Playstation 3 erano in grado di riprodurre solo giochi nati per PS2, mentre le versioni prodotte successivamente consentivano di utilizzare giochi appartenenti a PS1 acquistabili sullo store. Con la generazione successiva (PS4), Sony ha scommesso tutto su PS Now per entrare nel mercato della retrocompatibilità.

Playstation Now consente infatti ai giocatori di riprodurre alcuni titoli PS2, PS3 e PS4. Originariamente si trattava di una piattaforma streaming, mentre ora, Playstation Now consente di scaricare alcuni titoli PS4; tuttavia, coloro che non dispongono di connessioni veloci, non sono in grado di usufruire al meglio del servizio, in particolare qualora vogliano giocare a titoli FPS che richiedono tempi di reazione ridotti.

Di contro, Xbox One supporta ben 575 titoli Xbox 360 e 41 titoli Xbox. Mancano migliaia di giochi presenti nel vecchio catalogo, ma sembra che Microsoft voglia porre rimedio a questa mancanza con Xbox Series X.

Ci aspettiamo di sapere altro sulla retrocompatibilità di Xbox Series X nei prossimi mesi, visto che la data di lancio della console è sempre più vicina. Speriamo anche di scoprire a breve quale sarà la resa dei titoli Xbox One sulla nuova Series X, magari durante uno dei prossimi eventi streaming Xbox 20/20.