Skip to main content

Xbox, la dashboard cambia di nuovo in vista di Xbox Series X

(Image credit: Microsoft)

Xbox One può vantare un primato nell’attuale generazione: quello delle modifiche alla dashboard. Dal 2013 ad oggi, infatti, Microsoft ha più volte ridisegnato l’interfaccia e una nuova modifica è in arrivo in vista dell’uscita di Xbox Series X. Questa volta le novità riguardano la sezione della dashboard riferita all’Xbox Store.

Microsoft ha dichiarato di voler ridisegnare da zero l’interfaccia in modo da renderla “più veloce, più sicura e più facile da usare che in passato”.

Con una velocità doppia rispetto a quella attuale (Microsoft assicura che ci vorranno meno di due secondi per caricarla), la nuova versione dello store arriverà per gli utenti Xbox, sia dell’attuale che della prossima generazione, e il beta testing partirà già da mercoledì per arrivare alla versione definitiva entro l’anno. Ecco cosa è destinato a cambiare.

Più attenzione alla retrocompatibilità

La navigazione è l’elemento principale che è stato migliorato con il nuovo design. Sarà possibile, infattiva, avere accesso a più filtri per la ricerca, a una versione migliorata della lista dei desideri e un carrello più immediato che mostra in maniera più chiara i vari passaggi dell’acquisto.

Anche i giochi retrocompatibili saranno messi in evidenza con maggiore chiarezza con una particolare attenzione per i titoli ottimizzati per Xbox Series X, in modo che il messaggio arrivi più chiaramente agli utenti.

I video automatici (ammettiamolo, particolarmente fastidiosi) adesso possono essere disattivati. In caso contrario, verranno mostrati dei trailer dei giochi.

Le opzioni di sicurezza e le restrizioni per l’età saranno inoltre migliorate. Per accedere allo store bisognerà già aver completato l’accesso con il proprio account, in modo da impostare eventualmente dei filtri per bambini e ragazzi. Le restrizioni possono inoltre essere rimosse singolarmente per vari giochi, serie tv e film.

Insomma, gli sforzi di Microsoft sembrano andare nella giusta direzione considerato che per tanto tempo Xbox ha avuto difficoltà a trovare un’interfaccia definitiva senza che i giocatori avessero possibilità di abituarsi una volta e per tutte.