Skip to main content

Steam raggiunge un nuovo picco di popolarità e Valve promette grandi cose su Linux

Death Stranding
(Image credit: Kojima Productions)

Steam ha pubblicato da poco la propria retrospettiva del 2020, insieme ad alcune statistiche che dimostrano come la piattaforma abbia raggiunto un nuovo picco di popolarità. Inoltre, sembra che anche per i giocatori su Linux ci siano buone notizie.

Naturalmente, considerati i lockdown causati dalla pandemia di Covid-19, questo dato sorprende poco, visto che tutti noi abbiamo trascorso molto più tempo in casa, ma resta il fatto che Steam ha registrato un incredibile aumento del 50% nel numero di ore dedicate ai giochi sulla piattaforma.

Complessivamente, i giocatori hanno speso oltre 13 miliardi di ore su Steam, con un nuovo picco di giocatori attivi mensilmente, pari a 120,4 milioni di utenti (mentre quelli attivi giornalmente ammontano a 62,6 milioni). È stato battuto anche un altro record, in termini di giocatori attivi contemporaneamente, che raggiungono quota 24,8 milioni.

Questo risultato ha ovviamente rimpolpato le casse di Valve, con un aumento degli acquisti del 21% rispetto al 2019.

Anche la VR ha ottenuto maggiore popolarità, con una crescita ancora più marcata delle vendite (32% rispetto all'anno precedente). Pare che oltre 1,7 milioni di giocatori su Steam hanno provato titoli in VR nella prima metà del 2020.

Aumenta anche il numero di giocatori che usano un controller anziché la tradizionale combinazione di mouse e tastiera: 46,6 milioni di utenti si sono affidati al gamepad nel 2020, rispetto ai 31,8 milioni di utenti nel 2019. Parliamo di un aumento del 46%.

Proton plus

Infine, come dicevamo, ci sono buone notizie anche per gli utenti Linux, dato che Valve ha dichiarato: "Nel corso di tutto il 2020 abbiamo continuato a lavorare su Steam Play e sull'estensione di Proton, il nostro runtime per eseguire i giochi di Steam esistenti su Linux senza problemi e senza alcun lavoro di sviluppo aggiuntivo. Abbiamo rilasciato Proton 5, che ha supportato molti nuovi giochi, ha migliorato le prestazioni e ha introdotto il supporto per i giochi DX12 ed EA di Origin su Steam."

Sembra che Proton abbia acquisito maggiore popolarità fra gli sviluppatori, con un aumento dei giochi testati con la piattaforma durante il processo di sviluppo, così come sono aumentati i casi di risoluzione dei problemi con Proton dopo l'uscita.

Ecco il commento di Valve: "Nel complesso, tutto ciò ha generato nuove uscite interessanti quest'anno, come Death Stranding, Horizon: Zero Dawn e Cyberpunk 2077 giocabili su Linux al rilascio o poco dopo."

L'aspetto interessante è che, guardando al 2021, Valve ha dichiarato di voler continuare a investire nella tecnologia e che sta "progettando nuovi modi per consentire ai potenziali utenti di giocare su Linux e di usufruire di questi miglioramenti".

Tutto ciò sembra alquanto promettente, dato che potrebbe dare a Linux maggiore visibilità come piattaforma di gioco affidabile e alternativa a Windows.

Darren is a freelancer writing news and features for TechRadar (and occasionally T3) across a broad range of computing topics including CPUs, GPUs, various other hardware, VPNs, antivirus and more. He has written about tech for the best part of three decades, and writes books in his spare time (his debut novel - 'I Know What You Did Last Supper' - was published by Hachette UK in 2013).