Skip to main content

Smart working, gli statali vogliono continuare a lavorare da casa

(Image credit: Shutterstock / Mila Pashkovets)

La cosiddetta fase tre è alle porte. Nonostante la maggiore libertà di movimento, il distanziamento sociale è l’elemento cardine con cui tuteliamo (e tuteleremo ancora per un po’) la nostra salute. In questo contesto, lo smart working ha assunto sempre maggiore centralità: favorito e incentivato da decreti e leggi, nonché raccomandato con forza dai nuovi protocolli sanitari, è riuscito a cambiare il nostro modo di vedere il mondo del lavoro. 

A prova di questo, un recente studio effettuato da Forum PA (disponibile qui in versione integrale) cerca di fare un bilancio di questi tre mesi, analizzando pregi e difetti dello smart working, ma soprattutto se e quanto sia apprezzato dai dipendenti e dagli organi della pubblica amministrazione.

Prima della pandemia buona parte delle pubbliche amministrazioni non prevedevano forme di lavoro a distanza. Viene rilevato infatti che in quasi il 40% delle PA non era possibile lavorare da remoto e solamente nell’8,6% dei casi era una forma di lavoro diffusa. La pandemia ha drasticamente cambiato questi dati.

Secondo lo studio effettuato, solo il 4,7% dei dipendenti pubblici lavora anche in questa situazione di emergenza in ufficio a tempo pieno, mentre ben il 92,3% lavora da remoto o con forme di lavoro ibride. Il dato comunque più interessante è che quasi 3 dipendenti su 4 rimangano in smart working per tutto il loro orario di lavoro, senza doversi più allontanare da casa per andare in ufficio. 

Manca formazione e strumentazione adeguata

La risposta a questo cambiamento è stata repentina e radicale, anche se non sono mancati i problemi. Il sondaggio sottolinea come mancassero dotazioni tecnologiche adeguate, facendo ricadere queste carenze e i costi per colmarle sul dipendente. 

Guardando alla strumentazione utilizzata, il 68% dichiara di aver utilizzato il proprio PC, il 77% il proprio telefono cellulare e ben il 95% ha dovuto ricorrere alla propria connessione internet domestica. Per quanto al giorno d’oggi possa essere “normale” disporre di questi dispositivi e una connessione internet, il mondo del lavoro è un contesto esigente, in cui i bisogni tecnologici possono essere superiori rispetto alla strumentazione che tutti noi abbiamo per guardare un film o rilassarsi navigando sul web. A questo proposito infatti, ben il 21,8% degli intervistati ha avuto problemi di connessione e il 19,3% non riteneva le attrezzature fornite o già in suo possesso idonee per affrontare questa nuova forma lavorativa.

Il distanziamento sociale ha quindi accelerato il processo di digitalizzazione del nostro Paese, ma ha posto nuove contraddizioni. Oltre a tutelare la salute di tutti, si sarebbe dovuto pensare anche a rendere i lavoratori in grado di affrontare questo cambiamento, offrendo strumentazioni adeguate tramite le imprese o gli enti e, contemporaneamente, lavorando seriamente sulle infrastrutture di telecomunicazioni del nostro Paese.

Da mettere a sistema con queste esigenze, il 68,3% degli intervistati ritiene carente anche la formazione che ha ricevuto riguardo il lavoro da remoto. Per quanto le mansioni potessero essere simili a quelle svolte in ufficio, è probabile ci sia stato bisogno di ricorrere a nuovi software o nuovi metodi di lavoro vista la distanza tra i colleghi e i clienti. La formazione non dovrebbe basarsi esclusivamente sulla volontà della singola persona di imparare una mansione o migliorarsi, sarà necessario quindi pensare per i prossimi mesi, soprattutto nel caso in cui il lavoro da remoto diventi strutturale, di rispondere alle esigenze non solo tecnologiche ma anche conoscitive dei lavoratori.

Se avete bisogno di un dispositivo nuovo per il vostro lavoro, alcune delle nostre guide all'acquisto potrebbero fare al caso vostro:

Anche a fine emergenza si vorrebbe continuare a lavorare da remoto

Per quanto queste carenze tecnologiche e di formazione siano diffuse, l’esperienza è considerata assolutamente positiva, tanto da voler essere continuata anche nel futuro.

Sebbene il sondaggio rilevi una necessità di formazione, ristrutturazione dei processi amministrativi e delle proprie mansioni, oltre il 90% dei dipendenti pubblici considera questa esperienza complessivamente positiva e stimolante.

La volontà di proseguire è accompagnata anche dalla convinzione che lo smart working, caratterizzato da maggiore flessibilità nei luoghi e nei tempi di lavoro, sia benefico sia per i dipendenti, i quali hanno la possibilità di dedicarsi maggiormente agli affetti e a se stessi, sia per i clienti, i quali possono con maggiore semplicità e in minor tempo mettersi in contatto con gli enti e vedere svolte le proprie pratiche online.

La convinzione che questo modello sia il futuro che prevarrà sulle forme lavorative più tradizionali è condivisa da oltre il 60% degli intervistati e, visto che non solo la pubblica amministrazione sta percorrendo questa strada, crediamo anche noi sia così. I benefici riguardano tantissime sfere, dalla più impellente tutela della salute umana, fino alla soddisfazione dei dipendenti più liberi e autonomi nella gestione del proprio tempo, passando anche per benefici sensibili per le imprese, le quali possono risparmiare in costi di gestione, edifici, utenze e trasporto affidandosi in buona parte al web sia per i rapporti esterni verso clienti o fornitori, che interni tra dipendenti o reparti di lavoro.