Skip to main content

I migliori software per videoconferenze del 2020

Skype video conferencing
(Image credit: Shutterstock)
PRICE
VERDICT
REASONS TO BUY
REASONS TO AVOID
VERDICT
REASONS TO BUY
REASONS TO AVOID

Il lavoro da casa è ormai una prassi comune, considerati gli effetti della pandemia del COVID 19 sulla nostra quotidianità. Molte aziende, ma anche molte istituzioni si affidano sempre di più agli strumenti per le comunicazioni remote. 

Per poter lavorare al meglio, occorre scegliere un servizio di videoconferenze stabile e affidabile. La qualità delle videoconferenze deve consentire a tutti di svolgere il proprio lavoro senza fraintendimenti, indipendentemente dalla qualità della connessione a Internet.

D’altro canto, un servizio di videoconferenze efficace offre ai dipendenti tutta la flessibilità di cui hanno bisogno per lavorare da casa, a distanza, anche con aziende che hanno più sedi nel mondo.

Di certo, oggi non sono più presenti i problemi che fino a qualche tempo fa erano tipici delle riunioni da remoto: infatti, le videoconferenze nel 2020 possono avvenire senza troppe preoccupazioni circa inconvenienti tecnici, accessibilità o anche costi.

Inoltre, considerate le crescenti preoccupazioni circa il costo delle trasferte in termini di inquinamento, è naturale che le aziende inizino a preferire comunicazioni interpersonali online, tagliando gli sprechi e i costi che danneggiano tanto le attività aziendali quanto l’ambiente (pensate al numero di persone che ogni anno si sposta per raggiungere sedi in altre regioni o Paesi del mondo).

Le più note piattaforme pensate ai consumatori, come FaceTime o Zoom, hanno contribuito a rendere le comunicazioni video un aspetto alquanto comune nel processo di conversazione, in particolare come alternative a Skype. Si prevede che le aziende adotteranno sempre più spesso i software per webinar e conferenze, semplicemente per via del fatto che i vantaggi offerti sono numerosi e diversificati, in particolar modo se vengono impiegati i migliori telefoni per conferenze al fine di garantire comunicazioni di qualità ottimale.

La maggior parte delle soluzioni per videoconferenze è compatibile anche i servizi telefonici aziendali più recenti e sono utilizzabili in vari contesti, dal lavoro a distanza fino ai call center

Scegliere uno strumento che sia accessibile dal punto di vista funzionale ma anche economico è un aspetto cruciale, per questo motivo abbiamo raccolto i migliori servizi di videoconferenza attualmente disponibili.

Vai a:

I migliori software per videoconferenze a colpo d’occhio 

  1. GoToMeeting
  2. RingCentral Video
  3. Microsoft Teams
  4. Google Meet
  5. Zoom Meetings
  6. ClickMeeting
  7. U Meeting
  8. BigBlueButton
  9. Bluejeans Meetings
  10. Lifesize

GoToMeeting

(Image credit: GoToMeeting)

1. GoToMeeting

Videoconferenze pensate per mobile

Adatto al mobile
Ottime app
Aggiornamento VoIP

GoToMeeting è il servizio di conferenze web indipendente offerto da LogMeIn. Naturalmente, consente di effettuare conferenze video e audio, nonché di condividere lo schermo.

Uno dei tratti distintivi di GoToMeetings è la grande compatibilità con il mondo mobile, infatti potete configurare e avviare le conferenze dallo smartphone, una funzione difficilmente offerta da altri marchi ben più prestigiosi. Inoltre, sono disponibili alcune impostazioni per ottimizzare la qualità di immagini e chiamate ed è possibile invitare le persone con un solo tocco sia alle riunioni che alle chat.

Vengono fornite app separate per Android e iOS, entrambe con recensioni molto positive, ancora una volta una bella differenza rispetto ad altri fornitori che faticano tutt’oggi a equilibrare qualità e usabilità con l’ambito mobile.

Passando ai prezzi, quasi tutte le funzioni standard sono disponibili con il livello di base, che costa 14 dollari statunitensi al mese o 12 con pagamento annuale. Anche il limite di 150 partecipanti è alquanto generoso e risulta sufficiente per la maggior parte delle esigenze aziendali.

È disponibile anche un piano Business al costo di 19 dollari al mese (o 16 con pagamento annuale), che porta a 250 il numero dei partecipanti e include alcune funzionalità per amministratori, insieme a strumenti per il disegno e la condivisione del mouse. Infine, il piano Enterprise porta il numero dei partecipanti a un massimo di 3.000.

Tuttavia, anche se GoToMeetings costituisce senza dubbio una proposta di valore, se cercate una soluzione VoIP aziendale, GoToConnect offre un sistema telefonico basato su cloud che integra GoToMeetings nel pacchetto e che potrebbe risultare più conveniente.

RingCentral Video 1

(Image credit: RingCentral )

2. RingCentral Video

Ognuno dei piani di RingCentral include la gamma completa delle funzionalità ormai considerate standard di settore. Fra queste, citiamo la pianificazione e la registrazione delle videochiamate, la condivisione dello schermo e la possibilità di prendere appunti, nonché le funzionalità integrate per la chat.

Senza dubbio, la caratteristica migliore di RingCentral è la sua integrazione con Slack, G Suite e Microsoft 365. Di conseguenza, gli utenti possono programmare e avviare le chiamate direttamente dalle piattaforme appena citate. Gli utenti, inoltre, hanno la possibilità di integrare il proprio calendario con la piattaforma RingCentral e visualizzare facilmente le proprie pianificazioni giornaliere. Pertanto, questa integrazione multipiattaforma rende RingCentral ideale per le aziende che usano, appunto, Slack, G Suite o Microsoft 365 per la collaborazione digitale.

La dashboard per i dati statistici di RingCentral è un’altra delle ottime funzioni offerte, che consente agli amministratori di monitorare l’uso del servizio e individuare con la massima precisione i problemi di prestazioni, al livello di ISP, rete ed endpoint. Un sistema di analisi dei dati statistici così approfondito non è molto comune e rende RingCentral particolarmente interessante per le organizzazioni che danno la priorità a prestazioni e qualità video.

Complessivamente, RingCentral Video è un servizio davvero solido che offre software per le videoconferenze di alta qualità per le aziende. Le funzionalità disponibili sono tantissime, così come le opzioni per gli amministratori. Inoltre la piattaforma è ottimizzata per il funzionamento su browser web, riducendo al minimo l’esigenza di applicazioni e software aggiuntivi.

Microsoft Teams

(Image credit: Microsoft Inc.)

3. Microsoft Teams

Per le videoconferenze con integrazione Microsoft 365

Integrazione completa con Microsoft 365
Fino a 10.000 partecipanti
Pianificazione degli inviti
Inserimento di sottotitoli
Offuscamento delle immagini di sfondo

Attraverso un’unica applicazione, Microsoft Teams consente agli utenti di pianificare le riunioni video o audio con una sola persona o un team. Inoltre, gli amministratori possono organizzare webinar o riunioni più grandi con un massimo di 10.000 partecipanti.

Grazie all’integrazione completa con Microsoft 365, è possibile programmare le chiamate e la condivisione degli inviti in modo semplice per tutta l’organizzazione, mentre gli ospiti esterni possono partecipare dal proprio browser web senza dover scaricare altri software.

Inoltre, Microsoft Teams offre l’intera gamma di funzionalità che ci si aspetta da un fornitore di software per conferenze di alto livello, fra cui la condivisione dello schermo e la registrazione delle chiamate, i sottotitoli in tempo reale, la tecnologia per l’offuscamento delle immagini di sfondo e le funzionalità per la chat. L’integrazione con Microsoft 365 offre alla piattaforma la posizione dei leader del mercato per le videoconferenze e l’integrazione degli spazi di lavoro digitali.

L’eccellente software per le videoconferenze della piattaforma è accompagnato da opzioni hardware che consentono agli utenti di partecipare alle chiamate praticamente da qualsiasi luogo. Se lavorate in autonomia o in movimento, i dispositivi mobili, i computer fissi e le cuffie Bluetooth per conferenze possono potenziare al massimo le comunicazioni.

Nel suo complesso, Microsoft Teams è l’ideale per le aziende che sfruttano già Microsoft 365 o che mirano a reinventare gli spazi per la collaborazione e la comunicazione in digitale della propria organizzazione.

Google Meet

(Image credit: Google Hangouts Meet)

4. Google Meet

Per videoconferenze in cloud accessibili

Integrazione con G Suite
Accessibile e semplice
Prezzi competitivi

Google Meet, precedentemente noto come Google Hangouts Meet, fa parte della piattaforma per la produttività lavorativa G Suite. Dopo il suo recente rebranding, mira a offrire un servizio di conferenze di alto livello.

Il servizio è stato sviluppato in modo specifico per le esigenze aziendali e può gestire un gran numero di utenti contemporanei. Inoltre, è in grado di ridurre i tempi di attesa grazie alle funzionalità di partecipazione smart e a un’interfaccia rapida.

Google Meet è, in buona sostanza, una versione migliorata di Google Hangouts e si pone l’obiettivo di semplificare l’esperienza d’uso rispetto ai client esterni. A tale scopo, il servizio offre in primo luogo un’app web che elimina la necessità di scaricare altri software. In secondo luogo, il servizio offre un numero dedicato che consente ai dipendenti di unirsi alle riunioni anche mentre si trovano in movimento e garantisce una qualità costante della linea, senza interruzioni.

Oltre alle app dedicate agli utenti mobili, scaricabili dall’App Store di Apple e da Google Play Store su Android, Google Meet è compatibile anche con gli hardware per le conferenze esistenti. Gli unici requisiti sono l’uso degli standard SIP e H.323 per gli utenti Skype for Business. Ciò è valido anche per Cisco, Lifesize e Polycom, con la possibilità di partecipare alle riunioni di Hangouts tramite Pexip Infinity.

Un altro dei vantaggi più importanti è rappresentato dall’essere parte della piattaforma G Suite. Di conseguenza, è possibile utilizzare facilmente i dati di altre applicazioni, fra cui Google Calendar, non solo per pianificare le riunioni ma anche per configurare le informazioni sugli eventi secondo necessità, in modo da informare correttamente gli utenti che accedono alle riunioni.

Fra i punti di forza che fanno la differenza, non si può non citare il prezzo, molto più basso rispetto ai costi mensili richiesti da altri servizi.

In ultima analisi, Google Meet è un’importante piattaforma per le conferenze aziendali che non richiede investimento sostanziali per l’hardware, un aspetto particolarmente interessante, in termini di accessibilità, per le aziende più piccole.

Zoom Meetings

(Image credit: Zoom)

5. Zoom Meetings

Zoom offre riunioni remote all’insegna della produttività, grazie a un software economico e facile da usare

Livello gratuito
Facile da usare
Mancano alcune funzioni di sicurezza

Zoom Meetings è una soluzione di messaggistica e videoconferenze per i dispositivi mobili e desktop che si distingue per la sua velocità e facilità di installazione e per la vasta gamma di funzionalità scalabili offerta.

Offre video e audio in HD e supporta fino a 1.000 partecipanti contemporaneamente e fino a 49 video su una singola schermata, anche se in questo caso è consigliabile utilizzare monitor di dimensioni molto grandi.

Le riunioni sono salvabili in locale o sul cloud, insieme a trascrizioni con testo ricercabile. Inoltre, i partecipanti possono collaborare condividendo lo schermo e fornire i propri appunti secondo necessità.

Inoltre, la chat consente di condividere file, cercare nella cronologia e offre un archivio dalla durata di dieci anni. È possibile anche convertire le riunioni in chiamate individuali.

La sicurezza è integrata con crittografia TLS a 256 bit per le riunioni e i file condivisi. Inoltre, è possibile effettuare la pianificazione automatizzata tramite Gmail, Outlook e iCal.

Ma l’aspetto più interessante è la disponibilità di un livello gratuito, che offre tantissime funzioni e può ospitare fino a 100 persone per un massimo di 40 minuti. Se occorrono ulteriori strumenti per l’amministrazione e la gestione dei team, i prezzi partono da 14 dollari al mese, fino a 19,99 per host al mese a fronte di pacchetti più focalizzati su aziende e imprese di dimensioni maggiori.

  • Tutto quello che c’è da sapere su Zoom

ClickMeeting

(Image credit: ClickMeeting)

6. ClickMeeting

Il miglior software per le videoconferenze

Sondaggi con domande e risposte
Strumenti di marketing
Integrazioni
Focus sulla produttività
Follow-up automatizzato

ClickMeeting è ricchissimo di funzionalità per gli organizzatori di webinar. Innanzitutto, il software comprende tutto quello di cui potreste aver bisogno per le presentazioni. Potete condividere lo schermo, mostrare slideshow e video, nonché consentire ai partecipanti di prendere il controllo del mouse ed esplorare una schermata interattiva. Ancora meglio, ClickMeeting supporta le sessioni di domande e risposta e i sondaggi in tempo reale e ciò rende possibile la partecipazione del pubblico e la raccolta di dati preziosi sui partecipanti.

Ma l’aspetto più interessante per le aziende che lavorano con grandi quantità di dati è il fatto che ClickMeeting si integra con gli strumenti di marketing e di raccolta dati statistici. Potete incorporare un pixel di Facebook sulla pagina di destinazione del webinar o collegare la pagina a Google Analytics. Inoltre, la pagina del webinar è interamente personalizzabile, in modo da poter mostrare il proprio brand.

ClickMeeting offre anche integrazioni con diverse app aziendali fra le più popolari. Potete collegare il vostro account Dropbox in modo da archiviare automaticamente le registrazioni del webinar sul cloud, in alternativa potete utilizzare Zapier per l’integrazione con le piattaforme di e-mail marketing o software CRM.

Se la vostra azienda si affida ai webinar per ottenere nuovi potenziali clienti o mantenere i contatti con i dipendenti, ClickMeeting offre diversi vantaggi. Questo software per videoconferenze mette a disposizione numerosi strumenti per mantenere il coinvolgimento del pubblico durante le riunioni, insieme alle funzioni di follow-up automatizzate, in modo da poter ottenere il massimo dai webinar più riusciti. Le integrazioni, inoltre, rappresentano uno dei punti di forza per la produttività. Considerato il ventaglio di opzioni e funzionalità offerte dal software, il prezzo è alquanto ragionevole.

CyberLink U Meeting 1

(Image credit: CyberLink)

7. U Meeting

Conferenze su browser ideali per le imprese più piccole

Livello gratuito
Nessun download
Molte funzionalità

CyberLink è un’azienda fondata a Taiwan nel 1996 che sviluppa software multimediali. U Meeting è la soluzione per videoconferenze offerta dall’azienda.

CyberLink U Meeting prevede quattro piani di sottoscrizione.

Il piano Basic è gratuito e include fino a 25 partecipanti e 30 minuti per riunione.

Pro 50 costa 29,99 dollari statunitensi al mese per host. Include fino a 50 partecipanti, 24 ore per riunione, strumenti di amministrazione e PerfectCam.

Pro 100 parte da 49,99 dollari al mese e include tutti i contenuti del pacchetto Pro 50, portando però a 100 i partecipanti.

Il piano Enterprise Features include tutto quanto offerto dagli altri livelli, insieme a strumenti di analisi delle riunioni, assistenza clienti di alta qualità e crittografia completa. In questo caso, gli utenti devono contattare i commerciali per ricevere un preventivo.

PerfectCam è una piccola aggiunta quasi casual, che offre agli utenti la possibilità di truccare virtualmente i volti dei partecipanti, donando loro un look altamente professionale, a detta dell’azienda.

U Meeting funziona interamente sul web. Qualche utente potrebbe storcere il naso, ma si tratta di un possibile vantaggio, dato che non occorre scaricare software aggiuntivi per l’uso di U Meeting. Tuttavia, non viene offerta la possibilità di registrare i video o di partecipare alla riunioni mediante sistemi VoIP.

BigBlueButton 1

(Image credit: BigBlueButton )

8. BigBlueButton

Le migliori videoconferenze per l’apprendimento online

BigBlueButton è ricco di funzionalità perfettamente bilanciate per i webinar audio finalizzati all’apprendimento. Durante le sessioni, potete condividere audio, video, presentazioni e anche il vostro desktop, collaborando al contempo con gli studenti tramite una lavagna interattiva, appunti condivisi e una chat.

Ciò che distingue BigBlueButton rispetto ai tradizionali software per videoconferenze, sono le funzioni utili per le classi virtuali. Ad esempio, è disponibile una lavagna interattiva per più utenti, inoltre è possibile suddividere gli studenti in gruppi di lavoro affinché collaborino per la risoluzione dei problemi.

Senza dubbio, BigBlueButton è la migliore soluzione software open source per le videoconferenze finalizzate all’apprendimento online. Rispetto alla maggior parte della concorrenza, è meno intuitiva da configurare, ma è gratuita e offre tutte le funzionalità delle piattaforme commerciali per le videoconferenze in ambito e-learning più costose, inoltre garantisce prestazioni ottimali.

BlueJeans

(Image credit: BlueJeans)

9. BlueJeans Meetings

Uno strumento di videoconferenza futuristico, per pensare fuori dagli schemi

Prova gratuita di 30 giorni
Supporto dei sistemi vocali Dolby
Strumenti di raccolta dati statistici

BlueJeans è un’azienda fondata nel 2009 in California che offre una piattaforma interoperabile di videoconferenza basata sul cloud.

Sono disponibili tre livelli di sottoscrizione, tutti e tre a pagamento, tuttavia BlueJeans offre 30 giorni di prova gratuita.

Il livello “Me” ha un costo di 14,99 dollari statunitensi al mese per utente, con pagamento annuale. Gli utenti possono avere fino a 50 partecipanti, collegarsi da computer o dispositivi iOS/Android, mentre tutte le riunioni offrono numeri da chiamare per la partecipazione.

Il piano “My Team” costa 19,90 dollari al mese per host (con pagamento annuale) e include tutto quanto offerto dai livelli precedenti, insieme a 10 ore per la registrazione delle riunioni nel cloud, una dashboard centrale di controllo e fino a 75 partecipanti.

I pacchetti “My Company” includono tutto quanto indicato in precedenza, insieme al supporto della connessione a sistemi di conferenze con standard H.322/SIP, delle funzioni di calendario e fino a 150 partecipanti. In questo caso, gli utenti dovranno contattare direttamente BlueJeans per richiedere un preventivo.

Il servizio non richiede obbligatoriamente una sottoscrizione annuale. Il livello di base supporta le chiamate telefoniche gratuite in oltre 40 Paesi. Inoltre, BlueJeans supporta la tecnologia vocale Dolby, un aspetto interessante per gli utenti focalizzati sulla qualità video anziché sul numero di funzioni offerte dalla piattaforma.

BlueJeans avrà anche meno funzioni rispetto ai concorrenti diretti, tuttavia ciò viene controbilanciato dalla qualità del sistema, nonché dal fatto che gli utenti possono sfruttare la prova gratuita di 30 giorni per valutarne l’effettiva utilità.

Lifesize

(Image credit: Lifesize)

10. Lifesize

Riunioni remote vivaci grazie a un pratico strumento

Dispositivi hardware inclusi
Livello gratuito
Supporto dei video in 4K

Lifesize è stata fondata nel 2013, con sedi ad Austin, Texas e Monaco, in Germania. L’azienda offre endpoint in alta definizione per le videoconferenze, telefoni con touchscreen per le sale riunioni e una piattaforma per la collaborazione video sul cloud.

Lifesize offre tre livelli, ma non prevede una versione gratuita. Tuttavia, l’azienda ha posto rimedio con Lifesize Go, una versione 100% gratuita e basata su browser del servizio Lifesize, che consente agli utenti di organizzare un numero illimitato di videochiamate (con condivisione dello schermo su desktop) con un massimo di 8 partecipanti, senza restrizioni sulla durata delle riunioni e senza la necessità di scaricare app.

Lifesize Standard è concepito per i team più piccoli e ha un prezzo di 16,95 dollari statunitensi al mese per host. Offre riunioni illimitati con un massimo di 100 partecipanti, insieme al supporto SSO, la possibilità di effettuare riunioni personali, nonché chat singola e assistenza.

Lifesize Plus è rivolto principalmente alle piccole e medie imprese e offre un maggior numero di funzionalità, a fronte però di un minimo di 15 host, per 14,95 dollari statunitensi al mese. Il numero di partecipanti è esteso a 300, include integrazioni Microsoft e offre dati statistici in tempo reale sulle riunioni, assistenza telefonica e via e-mail, nonché 1 ora a host per le registrazioni sul cloud.

Lifesize Enterprise ha un costo di 12,95 dollari al mese con un minimo di 50 host. Il piano consente di trasmettere in streaming gli eventi in diretta verso un massimo di 1.000 spettatori, chiamate audio illimitate negli Stati Uniti, possibilità di personalizzare i contenuti con il proprio brand, assistenza Premium e registrazioni illimitate per i video.

Escludendo la versione gratuita, i prezzi di Lifesize potrebbero sembrare elevati rispetto ad altre soluzioni, tuttavia ciò è giustificato dalla presenza di hardware proprietario incluso nelle offerte. Gli utenti dei vari piani riceveranno diversi dispositivi, pertanto non dovranno più affidarsi ai propri sistemi integrati di fotocamere. Inoltre. Lifesize supporta le videoconferenze in 4K.

Divider

I migliori software gratuiti per videoconferenze a colpo d’occhio

  1. Skype
  2. 8x8 Video Meetings
  3. Cisco Webex Meetings
  4. Google Hangouts
  5. FreeConference

Skype

(Image credit: Microsoft)

1. Skype

L’app per videoconferenze di Microsoft offre un livello gratuito alquanto generoso

Supporto multipiattaforma
Utilizzabile su browser
Sottotitoli in tempo reale
Limite di 50 partecipanti

Skype ormai è un nome alquanto popolare, con milioni di persone che ne fanno un uso quotidiano sia per motivi personali che professionali. Sebbene lo strumento di videochat di Microsoft sia spesso considerato solo un modo come un altro per restare in contatto con amici, familiari e a volte colleghi/datori di lavoro, l’app multipiattaforma comunque supporta le videochiamate con un massimo di 50 partecipanti.

Inoltre, Skype è utilizzabile su browser, una soluzione ottimale per chattare con altri senza il fastidio di dover installare altre app sul sistema: basta invitarle a partecipare tramite indirizzo e-mail.

Come potete immaginare, è possibile condividere lo schermo, nonché sfocare lo sfondo per aiutarvi a prestare la massima attenzione ai vostri interlocutori. Fra le altre funzionalità utili, vale la pena citare la possibilità di inserire in tempo reale i sottotitoli durante le conversazioni, nonché la registrazione delle chat.

Se dovete riunire più persone in videoconferenza, Skype for Business è l’opzione a pagamento che, per un costo mensile per utente relativamente basso, vi offre il supporto delle chat con un massimo di 250 partecipanti, l’integrazione con Office e opzioni di sicurezza maggiormente efficaci.

8x8 Video Meetings 1

(Image credit: 8x8 )

2. 8x8 Video Meetings

Videoconferenze a un prezzo competitivo

Funzionalità complete
Estensioni per browser personalizzate
Condivisione dello schermo
Piano gratuito ricco di funzionalità

Per essere un software gratuito, 8x8 Video Meetings offre una gamma di funzionalità alquanto impressionante. Una delle più gradite dagli utenti è sicuramente l’integrazione con le app di calendario. 8x8 offre estensioni per browser personalizzate, sia per Chrome che per Firefox, nonché plug-in per Google Calendar e Office 365, utilizzabili per programmare rapidamente le riunioni e invitare i partecipanti.

All’interno delle riunioni, potrete condividere facilmente lo schermo, chattare con gli altri partecipanti o chiedere la parola per porre domande o condividere il vostro intervento. Inoltre, potrete registrare le riunioni o creare una diretta streaming, con o senza sottoscrizione a pagamento. L’unica funzione avanzata che manca in 8x8 Video Meetings è la funzione per somministrare sondaggi, tuttavia a oggi nessuna soluzione gratuita offre tale funzionalità.

Un aspetto particolarmente positivo di 8x8 Video Meetings è che il piano gratuito non esclude alcuna delle funzionalità principali, dal momento che passare al piano a pagamento prevede principalmente l’inserimento della tecnologia speech-to-text per le trascrizioni. L’unica, piccola pecca è la mancanza di dettagli circa la sicurezza della piattaforma.

Cisco Webex Meetings

(Image credit: Cisco)

3. Cisco Webex Meetings

Funzionalità per le videoconferenze di fascia alta, tranne che per il prezzo

Include 1 GB di archiviazione in cloud
Fino a 100 partecipanti
Condivisione dello schermo

Dietro l’egida di Cisco, le aspettative per WebEx Meetings non possono che essere di un certo livello e dobbiamo dire che non vengono deluse. Sebbene siano disponibili vari piani per Webex Meetings, nella maggior parte dei casi la versione gratuita dovrebbe essere più che sufficiente. Questa consente di organizzare riunioni con video in HD per un massimo di 100 partecipanti, nonché di sfruttare opzioni come la condivisione dello schermo e le stanze private per la chat.

Creando un account, all’utente viene assegnato un URL personale utilizzabile per la gestione delle riunioni, la pianificazione delle videoconferenze e l’accesso alle registrazioni effettuate.

Riguardo le riunioni video, è possibile scegliere fra l’uso dell’app Webex Meetings o affidarsi al sito web, sebbene sembri che le app desktop offrano un’esperienza leggermente migliore. Inoltre, sono disponibili anche le relative app mobili.

Il pacchetto gratuito include 1 GB di archiviazione cloud, riunioni illimitate senza restrizioni alla durata e la possibilità di realizzare registrazioni in formato MP4. La sicurezza viene gestita tramite crittografia TLS 1.2 e AES a 256 bit, supportata dall’esperienza di Cisco nelle reti, a garanzia di prestazioni davvero elevate.

Google Hangouts

(Image credit: Google )

4. Google Hangouts

L’ideale per le riunioni più piccole, su desktop o dispositivi mobili

Per desktop e mobile
Utilizzabile su browser web
Videochat limitata a 10 partecipanti

Quando si tratta della gamma di servizi di messaggistica di Google, la confusione è sempre dietro l’angolo, infatti anche Hangouts è stato suddiviso in due varianti: Meet e Chat. Dal momento che Google Hangouts Meet è disponibile solo per i clienti G Suite, di fatto non è gratuito, a differenza del servizio di base di Google Hangouts, sebbene sia opportuno segnalare che Google prevede comunque di trasferire gli utenti su Google Hangouts Chat. Confusi?

Hangouts è uno strumento basilare che supporta le chat con un massimo di 150 partecipanti e videochiamate con non più di 10 persone. In termini di opzioni, non c’è molta scelta, tuttavia ciò è giustificato dalla velocità e dalla comodità del servizio. Hangouts è utilizzabile sul browser, ma sono disponibili app per Chrome OS, iOS e Android.

A fronte dell’epidemia di coronavirus, che ha costretto molte persone a restare in casa, Google è intervenuta offrendo alle persone la possibilità di lavorare e apprendere da remoto, rendendo accessibili gratuitamente le funzionalità di Hangouts Meet per gli utenti di G Suite e G Suite for Education. Fino al 1° luglio 2020, le funzionalità aziendali, come le riunioni per un massimo di 250 partecipanti, la registrazione su Google Drive e molto altro saranno disponibili gratuitamente.

FreeConference

(Image credit: iotum)

5. FreeConference

Videoconferenze gratuite di qualità per riunioni internazionali di piccole dimensioni

Nessun software desktop
Possibilità di effettuare chiamate internazionali
Massimo di 5 partecipanti

FreeConference è un prodotto elegantemente votato alla semplicità: infatti gli utenti non devono installare alcun software per usarlo. Sono disponibili le app mobili, ma è possibile comunque partecipare alle videoconferenze da qualsiasi dispositivo che abbia un browser web. Potete partecipare alle chat video o di testo e usare funzioni come la condivisione di file e schermo. Ciononostante, FreeConference non è privo di limitazioni.

Ad esempio, le conferenze possono ospitare un massimo di 5 partecipanti, pertanto lo strumento potrebbe risultare insufficiente per molte aziende abituate a organizzare riunioni frequenti e con più persone.

In ogni caso, sono disponibili vari numeri internazionali per la partecipazione alle chiamate in conferenza, inoltre è possibile registrare le chiamate secondo necessità. Configurare, gestire e programmare le riunioni è semplicissimo con FreeConference, anche da Outlook, con qualche piccolo tocco di classe come la possibilità di fissare riunioni ricorrenti. Parlando degli svantaggi, invece, le funzioni come la sicurezza avanzata la registrazione dei video e le trascrizioni rientrano solo nei pacchetti Premium, anche se la versione gratuita resta comunque abbastanza appetibile.

Come scegliere la fotocamera ideale per le videoconferenze

Rene Buhay, Vice President of Sales & Marketing del più importante produttore di tecnologie per l’istruzione, AVer Europe, ci offre qualche suggerimento per scegliere la fotocamera o la webcam ideale per le videoconferenze

Sul mercato possiamo trovare un grandissimo numero di fotocamere per le videoconferenze e ciò significa che scegliere quella più adatta alle nostre esigenze può diventare problematico. Il lavoro da casa è ormai una realtà sempre più diffusa e anche il modo di lavorare sta cambiando. Sebbene, di base, tutte le soluzioni per conferenze debbano essere adattabili, occorre prendere in considerazione anche fattori quali l’adattabilità, la qualità, le opportunità di collaborazione e i requisiti operativi delle soluzioni da prendere in considerazione, in modo da essere certi di aver investito bene.

1. Prendete in considerazione la soluzione ideale per i vostri spazi 

Quando parliamo di videoconferenze, gli intoppi tecnologici sono sempre dietro l’angolo, spesso per l’inadeguatezza degli strumenti rispetto alle sale riunioni o agli scopi previsti. A volte il microfono non è abbastanza sensibile o la fotocamera non riesce a inquadrare tutti… oppure la tecnologia è troppo ingombrante.

Quando l’area riunioni corrisponde a un ufficio domestico, una stanza di piccole dimensioni o una sala riunioni molto grande, occorre valutare bene le funzioni di vari sistemi per videoconferenze. Le soluzioni compatte con USB sono ideali per gli spazi più ristretti, ad esempio, dove magari non occorrono funzionalità come il PTZ o zoom estremamente potenti.

2. Ottimizzate la collaborazione con soluzioni certificate

Considerato l’incredibile aumento nel numero delle persone che lavorano da casa e visto che si prevede una sempre maggiore diffusione dello smart working, diventa ancora più importante assicurarsi che la fotocamera per videoconferenze sia compatibile con le piattaforme utilizzate per comunicare con il vostro team.

Valutate fotocamere certificate per applicazioni come Zoom, Microsoft Teams, Google Hangouts e Skype for Business. Si tratta di un ottimo indicatore della loro affidabilità, inoltre avrete la certezza che le videoconferenze con i colleghi saranno ottimali ed efficienti.

3. Pensate al futuro

Indipendentemente degli spazi e dei budget a vostra disposizione, dovreste pensare a una soluzione in grado di funzionare in varie situazioni. Le soluzioni plug-and-play sono l’ideale, dato che richiedono una configurazione minima e offrono la massima flessibilità, in modo da poter lavorare ovunque vi troviate senza compromessi sull’esperienza delle videoconferenze.

Viviamo tempi senza precedenti e fare previsioni potrebbe essere particolarmente difficile: investire nelle soluzioni di videoconferenza più adatte a voi potrebbe offrire molti vantaggi anche a lungo termine.