Samsung mette a punto una batteria al grafene che potrebbe arrivare sul Galaxy S12

Samsung Galaxy Note 10 Plus
Samsung Galaxy Note 10 Plus
(Image credit: TechRadar)

Le batterie per smartphone potrebbero venire rivoluzionate nei prossimi anni dall'introduzione del grafene, e i dispositivi di Samsung potrebbero essere tra i primi ad avere questa tecnologia. 

Secondo una fonte affidabile come Evan Blass, Samsung presenterà il primo smartphone con batteria al grafene per la fine del 2020 o l'inizio del 2021.

Secondo Blass: "Le batterie agli ioni di litio non sono ottimali. Samsung spera di avere le prime al grafene entro il 2021. Potranno venire ricaricate in mezzora, avranno più autonomia a costi inferiori."

Il grafene si è guadagnato da tempo la fama di materiale perfetto per le batterie grazie alle sue proprietà. Può venire ricaricato velocemente, non surriscalda e dura a lungo. 

In futuro vedremo molte applicazioni del grafene, i nostri colleghi inglesi hanno pubblicato un pezzo sui 40 modi in cui il grafene ci cambierà la vita.

Un telefono Samsung con batteria al grafene potrebbe essere una novità importante per il settore. Lo Huawei Mate 20 X usa un sistema di raffreddamento al grafene, ma non ancora una batteria.

Quale smartphone Samsung potrebbe avere una batteria al grafene?

Evan Blass afferma che questa nuova batteria potrebbe essere usata non prima di fine 2020 e questo porta a escludere il Samsung Galaxy S11, che verrà presentato a febbraio del 2020.

Le due possibilità sono perciò il Samsung Galaxy Note 11, successore del Galaxy Note 10, che dovrebbe venire presentato ad agosto del 2020, o il Galaxy S12, che uscirà a inizio del 2021. Entrambi sono modelli top e ha senso che Samsung li usi per una nuova tecnologia all'avanguardia.

Samsung Galaxy A80 

Samsung Galaxy A80 

(Image credit: Future)

Un'altra possibilità potrebbe essere quella della serie A che già in passato Samsung ha sfruttato per proporre nuove tecnologie. Così per esempio il Samsung Galaxy A80 ha una fotocamera anteriore che si solleva, e la batteria al grafene sarebbe un'innovazione ancora più interessante. Questa ipotesi viene sostenuta dallo stesso Evan Blass quando parla di smartphone al singolare, mentre i modelli Galaxy e Note vengono sempre annunciati in più modelli. 

Al momento non possiamo essere certi dei tempi e nemmeno se le ipotesi di Blass sono corrette. Siccome manca ancora molto tempo potrebbe intervenire un altro produttore, ma il futuro delle batterie sembra comunque essere segnato.