Skip to main content

Ryzen 7 Pro 4750G pareggia con Ryzen 7 3800XT in un test aritmetico

Ryzen Pro 4000
(Image credit: AMD)

Le APU di AMD agli occhi del pubblico sono meno interessanti rispetto ai processori più quotati del produttore, ma sembra che per la famiglia di chip desktop "Renoir", le cose potrebbero andare in maniera diversa. Grazie a un test eseguito utilizzando il benchmark di SiSoftware (eseguito da @TUM_APISAK), le prestazioni del Ryzen 7 Pro 4750G sono sullo stesso livello di quelle del recente Ryzen 7 3800XT.

Ricordiamo che questi processori hanno la stessa genealogia, entrambi utilizzano la microarchitettura Zen 2 di AMD e sono prodotti con processo FinFET a 7 nm da TSMC. Entrambi sono dotati di otto core e 16 thread, ma le velocità di clock sono diverse, così come le dimensioni della cache.

Ryzen 7 3700XT (Matisse) presenta 32 MB di cache L3, un clock di base da 3,9 GHz e boost clock da 4,7 GHz. Non sono invece note le specifiche per il Ryzen 7 Pro 4750G. Alcune voci indicano che l'APU sarebbe octa-core con 8 MB di cache L3, 3,7 GHz di clock base da 4,4 GHz di boost clock.

Ryzen 7 Pro 4750G integrerà inoltre una iGPU Vega con TDP inferiore a 40W. Anche se i processori sono piuttosto assimilabili tra loro, alcuni dettagli nella tecnologia di produzione differiscono in maniera sensibile. Ryzen 7 Pro 4750G viene realizzato utilizzando uno stampo monolitico mentre Ryzen 7 3800XT sfrutta un design a chiplet diverse connesse a uno stampo I / O tramite AMD Infinity Fabric.

ModelloCore / ThreadClock base / boostL2 / L3 Cache (MB)TDP (W)
Ryzen 7 3800XT8 / 163.9 / 4.74 / 32105
Ryzen 7 Pro 4750G8 / 163.7 / 4.44 / 865

Nel benchmark di Sysmark, Ryzen 7 Pro 4750G raggiunge 303,90 GOPS nel punteggio aritmetico del processore mentre il Ryzen 7 3800XT spazia tra 301.33 e 304.97 GOPS. Ciò potrebbe essere sorprendente, poiché “sulla carta” il 3800XT dovrebbe garantire prestazioni maggiori in virtù delle frequenze più alte e di un TDP che lascia maggior spazio di funzionamento alle frequenze più elevate. 

La spiegazione che abbiamo trovato è che su Ryzen 7 3800XT, i chiplet interagiscono tra loro attraverso l'Infinity Fabric, che rappresenta una linea di comunicazione esterna che aggiunge latenza ai dati, abbassando le performance. Invece, grazie al design monolitico, AMD Ryzen 7 Pro 4750G risulta meno penalizzato e permette prestazioni più elevate di quanto i freddi numeri lascino intendere.

Ovviamente questo risultato non è detto che sia ripetibile per altre tipologie di carico, e per scoprire esattamente come si relazionano i due processori tra loro sarebbe necessaria un’analisi più approfondita. 

In ogni caso, se la differenza di prestazioni finale fosse contenuta e non superasse nel punteggio il 10-15% in favore del Ryzen 7 3800XT, si potrebbe comunque affermare che per la APU Renoir sarebbe un eccellente risultato. 

Le due famiglie di processori non sono in competizione diretta, ma rimane indubbio che l’utente in procinto di acquistare un processore sarà chiamato a fare una scelta, e ciascuno di questi prodotti AMD potrebbe essere quello vincente. 

Secondo il rivenditore olandese Centralpoint, le APU saranno sugli scaffali per il 17 luglio, quindi ci aspettiamo di vederlo presto in azione.