Skip to main content

Poco X2, lo smartphone spin-off di Xiaomi ritorna con un display da 120 Hz

Poco X2
(Image credit: the verge)

Xiaomi e Poco hanno percorso molta strada insieme, fino al momento in cui quest’ultimo non è diventato un marchio indipendente. Poco è infatti l’azienda che ha realizzato, insieme a Xiaomi, uno degli smartphone con il migliore rapporto qualità-prezzo, il Pocophone F1, e oggi ha svelato il suo successore, il Poco X2.

Come il suo predecessore, Poco X2 punta a essere uno smartphone con caratteristiche di fascia alta ma con un prezzo che sia il più basso possibile. Il primo modello dell’azienda ricevette pochi complimenti al livello estetico, ma montava un processore Snapdragon 845 e veniva venduto a una cifra molto competitiva che si aggirava intorno ai 300 euro.

Nonostante Poco si sia staccata da Xiaomi, Poco X2 è sostanzialmente una variante del Redmi K30, annunciato recentemente in Cina. A differenza di Pocophone F1 che montava il processore top di gamma di quell’anno, il nuovo X2 non ha però specifiche tecniche di fascia alta. In questo caso abbiamo infatti uno Snapdragon 730G, una fotocamera principale da 64 MP con sensore Sony IMX 686, una dual camera frontale da 20 MP, una batteria da 4500 mAh con un caricatore da 27 W.

Il display è un 6,67 pollici in formato 20:9 con la classica risoluzione FullHD+. Da notare che la frequenza di aggiornamento è di ben 120 Hz; questo significa che lo schermo dovrebbe avere una fluidità notevole durante l’uso generale. Completano le specifiche tecniche una porta USB-C, il lettore di impronte digitali integrato nel tasto di accensione e un ingresso jack per cuffie.

Per quanto riguarda l’arrivo sul mercato, al momento sappiamo che Poco X2 debutterà in India nelle colorazioni Atlantis Blue, Matrix Purple, Phoenix Red con prezzi che oscillano tra i 200 e 250 euro e non è chiaro se arriverà anche in altri paesi. Sebbene il nuovo Poco X2 sembri avere un ottimo rapporto qualità-prezzo, non possiamo dire che l’hype sia lo stesso che aveva saputo generare l’annuncio del suo predecessore.