Skip to main content

Nvidia realizza la più veloce GPU al mondo, ma i giocatori non potranno usarla

(Image credit: Nvidia)

I primi risultati dei benchmark sull’acceleratore di calcolo Nvidia A100 disponibili in rete sono stati condivisi da Jules Urbach, CEO di OTOY, una società specializzata in render olografici nel cloud.

Questa GPU è il primo (e finora unico) acceleratore di calcolo per data center basato su Ampere e non potrà essere installato sui normali PC desktop. Sebbene NVIDIA ne abbia annunciata la disponibilità immediata per i sistemi DGX100, non abbiamo ancora potuto vedere dei risultati di benchmark significativi.

La scheda A100 utilizza GA100, la prima GPU a 7 nm di NVIDIA, dotata di 6912 core CUDA e 40 GB di memoria HBM2 e presenta due tipi di interfacce, PCIe 4.0 e SXM4, delle quali è precursore.

OctaneBench è un benchmark che utilizza OctaneRender, ed è il primo raytracer disponibile in commercio a sfruttare la GPU al massimo delle potenzialità. Il software funziona esclusivamente con schede grafiche NVIDIA poiché utilizza la tecnologia CUDA e di conseguenza non può essere eseguito su schede grafiche AMD, come Big Navi.

Secondo quanto riferito, l’A100 ha segnato 446 punti, mentre la scheda grafica basata Turing più veloce testata in OctaneBench è la GRID RTX 8000, che ha ottenuto “solamente” 328 punti. Tesla V100, TITAN V e Quadro GV100 basati su GPU Volta si difendono bene, con percentuali inferiori di circa 10-30% rispetto a quelle raggiungibili dalla A100 in OctaneBench.

In particolare, una delle schede video più amate dai gamer a livello mondiale, riesce ad ottenere in OctaneBench un punteggio appena sopra i 300 punti, permettendo alla A100 di avanzarla di un 50%. Ricordiamo che se anche i benchmark fossero stati eseguiti correttamente, i risultati hanno comunque un valore indicativo e con test differenti la loro rilevanza potrebbe cambiare anche significativamente. In ogni caso, tali risultati hanno dato modo di farci una idea di che cosa possiamo aspettarci dalle future GPU Ampere.