Skip to main content

Netflix, il nuovo sistema di condivisione della password fallisce il primo test

Silhouette of a hand holding a padlock in front of the Netflix logo
(Immagine:: Shutterstock / rafapress)

Netflix ha testato il suo nuovo sistema di condivisione della password in tre paesi del Sud America con risultati piuttosto disdicevoli.

Il percorso intrapreso da Netflix in tema di condivisione della password sembra inesorabile e dovrebbe giungere a compimento entro la fine dell'anno, nonostante questa decisione sia già costata la perdita di migliaia di utenti e un importante crollo in borsa.

Come sempre in questi casi occorrono dei test prima di modificare radicalmente un sistema che funziona da anni, ma da quanto si evince dai primi risultati riscontrati da alcuni utenti peruviani (fonte: The Rest of The World (Si apre in una nuova scheda)) potrebbe volerci più tempo del previsto.

Le misure atte a limitare la condivisione degli account sono in fase di sperimentazione dallo scorso marzo in alcuni paesi del Sud America tra cui Perù, Costa Rica e Cile. In queste aree gli abbonati sono già costretti a pagare un supplemento di circa due euro per condividere i loro account con persone che non fanno parte del nucleo familiare.

Dai primi test sono però emerse delle criticità piuttosto evidenti. Il report di Rest Of The World (Si apre in una nuova scheda) ha evidenziato alcune delle principali problematiche legate al nuovo sistema di condivisione della password emerse nell'ambito di un'intervista a una dozzina di iscritti al servizio residenti in Perù.

La prima consiste nel mancato invio di una mail o un messaggio che avvertisse gli iscritti dell'aumento di prezzo, fatto piuttosto grave se si considera che molti utenti effettuano pagamenti automatici collegando la carta di credito / debito all'account e hanno quindi pagato di più senza saperlo.

Anche il sistema di convalida sembra poco efficace, dato che alcuni utenti dichiarano di aver continuato ad utilizzare tranquillamente il sistema di condivisione ignorandolo completamente e altri non hanno nemmeno ricevuto l'avviso al momento dell'accesso

Tra le critiche emerse dai primi test c'è anche la mancanza di una definizione chiara di "familiari", ovvero di coloro che possono legittimamente connettersi a un account familiare condiviso.

Infine, com'era prevedibile, uno dei primi effetti dell'aumento di prezzo è stato l'abbandono della piattaforma da parte di alcuni utenti.

La scelta di Netflix, per ora, non sta dando i frutti sperati (l'azienda sperava di incrementare il numero effettivo degli iscritti limitando la condivisione degli account), e data la confusione creatasi con i primi test ci auguriamo che questi servano per consentire un passaggio meno problematico quando toccherà ai paesi europei.

  • Fonte: The Verge (Si apre in una nuova scheda)
Marco Silvestri
Senior Editor