Skip to main content

Minare Bitcoin su Commodore 64? Si può, ma serviranno molti bilioni di anni per diventare ricchi

Commodore 64
(Image credit: Shutterstock / Bigyy)

Il boom delle criptovalute non sembra più avere battute d'arresto. Nel mentre però, i giocatori di tutto il mondo faticano a mettere le mani su schede come la Geforce RTX 3080, una delle preferite dai miner per estrarre criptovaluta. In ogni caso non è obbligatorio usare una delle migliori schede video sul mercato per estrarre il prezioso "minerale monetario".

Lo YouTuber 8 Bit Show and Tell ha modificato il suo Commodore 64 per metterlo in condizione di estrarre Bitcoin, nonostante il computer sia ormai quarantenne e monti un processore da solo 1MHz.

Questo esperimento ovviamente serve a confutare la sua realizzabilità, piuttosto che per sondare un'eventuale convenienza economica. Notebook Check sottolinea, come se ce ne fosse bisogno, che il Commodore 64 usato è di parecchie unità di grandezza più lento di qualsiasi smartphone Android economico.

L'estrazione di criptovaluta su hardware tristemente sottodimensionato è piuttosto comica, abbiamo già visto in passato usare dispositivi come Raspberry Pi e Game Boy, apparsi come funghi sui vari social media e regalare momenti di gloria ai loro autori e ideatori.

Niente RTX 3080? Mi compro il Commodore 64!

È piuttosto evidente come sia possibile sfruttare qualsiasi dispositivo per estrarre Bitcoin, frigorifero compreso, ma ciò non vuol dire automaticamente che basti avere una bilancia smart in bagno per poter guadagnare qualcosa entro la fine della vita sulla terra così come la conosciamo oggi. Facendo i conti, minare sul Commodore 64 richiederà circa 758 milioni di anni per generare all'incirca €9 di profitto al cambio attuale, il suo hashrate di appena 0,3 H/s è significativo solo se guardiamo la classifica al contrario.

Per sfruttarlo, peraltro, è stato necessario connettere il C64 del 1982 a un computer moderno tramite collegamento seriale, pertanto sarebbe stato ugualmente più pratico usare quest'ultimo per l'estrazione, al posto dell'hardware della compianta Commodore.

Produrre un sistema per l'estrazione mineraria con hardware insolito come questo non dissuaderà certamente i miner dall'acquistare le schede video Nvidia per produrre criptovaluta, ma offre una prospettiva interessante sull'accelerazione dell'informatica degli ultimi 40 anni.